Successo per il “Collettivo Canzoni a Manovella” tra emozioni, ricordi e nuove idee

Grande successo di pubblico e critica per il concerto del Collettivo Canzoni a Manovella che si è tenuto a Nocera Inferiore. La loro arte imbevuta di musica classica, pop, soul, jazz e folk è riuscita a riscaldare il vastissimo pubblico che ha gremito la Piazza del Corso nonostante il freddo gelido e che ha tributato loro scroscianti applausi. Una serata con una concentrata attenzione non solo per la magistrale esecuzione del pianista e tastierista di fama internazionale Joe Amoruso, ma anche per il sound profondo e svisceratamente di qualità che ha prodotto il Collettivo composto dal direttore artistico Gianmarco Volpe alla chitarra acustica e mandola, da Martina Mollo voce e synth, da Ruggiero Botta alle percussioni, da Nicola Lupetti voce magica, da Gino Ariano all’acustic bass e dal tenore Massimo Ariano al sax soprano. Un concerto emozionante, ad alto tasso comunicativo e spessore musicale che ha condotto il pubblico in un incredibile viaggio nel tempo, in quanto ci sono momenti nella vita in cui la musica del presente diventa passato e quella del passato futuro. Un evento fortemente voluto e ben riuscito in cui gli artisti hanno esternato, a parole e in note, il proprio vissuto emotivo. La risposta del pubblico è stata davvero entusiasmante – ha dichiarato Gianmarco Volpe E’ emozionante ascoltare le persone cantare le tue canzoni, vuol dire che la musica arriva, che si è stabilito un contatto, un canale di comunicazione. Questo progetto “Canzoni a manovella” rappresenta per me un momento importante: una riflessione sul quello che è stata la mia vita nella musica e ho cercato di raccontarlo attraverso le canzoni, per condividere delle storie, delle esperienze. Ringrazio i miei compagni di viaggio che mi supportano e mi sopportano: Massimo Ariano, Ruggiero Botta, Nicola Lupetti, Martina Mollo (talentuosa musicista, di cui sentiremo molto parlare) e ringrazio Joe Amoruso per la collaborazione. Un viaggio di ricognizione, attraverso la musica, nella storia del nostro territorio e della nostra cultura e che si è concluso con calorosi applausi e con il desiderio di riascoltare quell’armonico sound.

Articolo a cura di Brigitte Esposito, regia di G. Roberto Tartaglia, riprese e fotografia Angelandrea Falcone produzione www.360gradiwebtv.it 

1 commento
  1. H.h.
    H.h. says:

    Il sound e stato coinvolgente…un plauso va pure al fonico Franco Gegnacorsi che ha saputo interpretare l’intenzione degli artisti con un mix impeccabile…

    Rispondi

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *