Scuola e Giornalismo: l’Assostampa Campania Valle del Sarno al Liceo “Gallotta” di Eboli

L’Assostampa Campania Valle del Sarno ha fatto visita lo scorso 27 gennaio al Liceo ScientificoGallotta” di Eboli, apprezzando positivamente l’interessante progetto triennale che ha visto coinvolti gli studenti del corso D in un percorso di alternanza scuola-lavoro. Un progetto che ha ampiamente e decisamente valorizzato la comprensione del mondo dell’informazione, potenziando le abilità comunicative degli alunni ed offrendo loro la possibilità di acquisire importanti competenze spendibili nel mondo del lavoro. Il Liceo, diretto con entusiasmo e sapientemente dalla dott.ssa Anna Gina Mupo, promuove lodevoli iniziative con l’apporto deciso, innovativo e costante dei suoi ottimi docenti che cercano costantemente di canalizzare le energie dei giovani nel loro successo di vita. Guidati dai tutor, il dott. Nicola Castrorino e la prof.ssa Angela D’Angelo, i giovani redattori hanno intrapreso e completato un percorso formativo volto alla promozione sperimentale di un’avvincente attività professionale con l’obiettivo di curare un giornale d’Istituto “La Voce delle Scuole” in sinergia anche con Le Cronache di Salerno diretto da Tommaso D’Angelo. Un giornale che offre ottimi spunti, dall’editoriale all‘intervista, dal servizio di inchiesta all’approfondimento, dall’articolo di cronaca all’attualità, dalle problematiche giovanili alle attività svolte nell’Istituto e poi spazio alle rubriche sportive e di arte, cultura e spettacolo. Attraverso un attento reperimento di notizie, verifica della correttezza e completezza dei dati, c’è stata un’interessante progettazione giornalistica ricca di articoli, vignette e contenuti fotografici ben strutturati. I giovani giornalisti hanno così reso protagonista il Gallotta, con la viva e preziosa collaborazione anche degli allievi di altri corsi. Per chi frequenta il liceo, questa esperienza di alternanza scuola-lavoro è importante perchè aiuta a sviluppare la creatività, la curiosità e la coscienza civile, creando un’abitudine alla lettura del quotidiano, alla riflessione nonché all’uso dinamico della lingua scritta, arricchendo il vocabolario personale. Un progetto finalizzato ad accrescere le competenze degli studenti appassionati di giornalismo che hanno potuto scoprire ed analizzare i diversi ruoli che ricoprono i giornalisti all’interno di una redazione, mettendosi alla prova per condividere, trasmettere le proprie capacità e magari appassionarsi a quello che un giorno potrebbe diventare un’opportunità professionale. Grazie ai tutor gli studenti hanno avuto l’opportunità di visitare anche delle redazioni, capire come si costruisce davvero un giornale, vedere i giornalisti in azione e confrontarsi. Grazie alla pluriennale e magistrale esperienza di giornalista Salvatore Campitiello, presidente dell’Assostampa Campania Valle del Sarno e consigliere dell’ Ordine Nazionale, attraverso esempi concreti ha fatto comprendere agli studenti la bellezza ma anche la complessità di questo mestiere fatto di verità e rispetto di regole deontologiche, nonché la professionalità che deve animare un giornalista. L’Ordine dei giornalisti – ha dichiarato Campitielloritiene sì importante la lettura dei giornali nelle scuole, ma fondamentale la costruzione degli stessi in tutti gli istituti di ogni ordine e grado. Perché gli insegnanti giornalisti e gli allievi hanno il tempo di far conoscere a fondo tutte le problematiche connesse alla professione-missione di giornalista. Dato importante è far comprendere il valore dell’informazione, cioè raccontare nei resoconti informativi la verità nel rispetto della dignità di ogni persona. Ciò aiuterà a crescere la formazione critica di ognuno per consentirgli di farlo decidere con autonomia e coscienza”. Altra tematica importante cui mira il progetto scolastico è l’importanza di una corretta e controllata fonte della notizia. A tal proposito è intervenuta anche Brigitte Esposito, giornalista dell’Assostampa Campania Valle del Sarno, conduttrice per diversi anni del concorso Fare il giornale nelle scuole”, che ha illustrato agli studenti il bello, il brutto e il cattivo uso dei social. E’ fondamentale insegnare ai ragazzi a comprendere il proprio territorio attraverso l’informazione, ma anche stimolarli continuamente attraverso un’intelligente lettura critica delle notizie con un utilizzo consapevole delle tecniche dell’informazione e delle tecnologie digitali. Il giornale, oggi, non è più soltanto cartaceo, le notizie non solo si possono cercare in tempo reale su rete e social network, ma spesso, grazie alle nuove tecnologie, ci giungono fin sullo smartphone anche quando non specificamente richieste. E’ necessario, dunque, stare attenti alle fonti e sviluppare un pensiero critico per non cadere nelle trappole di bufale e cattiva informazione.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *