Le “Polveri in superficie” di Luigi Pagano in mostra il 2 marzo ad Angri presso Pagea Arte

di Brigitte Esposito

Sabato 2 marzo 2019, alle ore 18.30, ad Angri presso la Galleria Pagea Arte Contemporanea diretta artisticamente da Elio Alfano, si inaugurerà il vernissage di Luigi Pagano dal titolo “Polveri in superficie”. Venticinque straordinari ed interessanti dipinti che tracciano l’avvincente ricerca dell’artista: si parte da una sintassi pittorica dalle forti evidenze plastiche per giungere ad un’astrazione in cui il colore riporta all’emotività suggerendo a chi osserva nuove occasioni di rapporto con se stessi e con il mondo. Un’interiorità esplosiva di colori che pervadono la tela e si materializzano in una dimensione soggettiva. Magnetiche tonalità che narrano tutte le diverse sfumature creative dell’artista. Luigi Pagano si diploma in pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli e dal 1984 ha inizio la sua attività espositiva. È tra i trenta artisti italiani che hanno illustrato i Lezionari della Chiesa Cattolica Italiana. Le sue opere sono presenti in importanti collezioni pubbliche e private italiane ed estere tra cui Chiesa di San Lio a Venezia; Museo Stauròs di San Gabriele; Music und Theater di Monaco di Baviera; Museo Frac, Baronissi (SA); Museo di Arte Moderna di Hangzou, Cina; Museo del Novecento, Castel Sant’Elmo, Napoli. Tra le mostre personali si segnalano: Della natura, galleria Il Castello, Maddaloni, 1984; Immagini controverse, Galleria Taide, Salerno 1985; Emergenze attuali nella ricerca, Scuola di Specializzazione, Università Studi di Siena 1991; Dei corpi la pittura, Museo Sperimentale d’Arte Moderna, L’Aquila, 1996; Mutazioni, galleria Giulia, Roma 2000; Immagini sospese, l’Istituto Italiano di Cultura a Monaco di Baviera, 2004; Opere recenti. Museo FRaC, Baronissi 2004; Ad occhi chiusi, Conservatorio San Pietro a Majella, Napoli, 2006; Visioni, Centro Culturale Grafio, Prato2007; Trasmutazioni, Oberste Baubehӧrde im Bayerischen Staatsministerium des Innern, Monaco di Baviera, 2012, Materia-Verba, galleria Ingenito, Napoli 2013; Continuità della materia, galleria Pagea Art, Angri; Chine, Movimento Aperto, Napoli 2015; Satori, Carpinelli Show Room di Salerno; Fatiche Ferite, Museo Archeologico di Napoli con il matronato del Museo MADRE, 2016. Tra le principali collettive e rassegne: Opera Omnia: nuove presenze nel panorama artistico meridionale, Montesano sulla Marcellana (SA), 1984; Una nuovissima generazione dell’arte italiana, Fortezza Medicea, Siena, 1985; XI Quadriennale Nazionale d’Arte, Roma 1986; L’Officina di Scafati, Scafati e Arezzo, 1986 e 1987; 17 a Biennale Internazionale di grafica, Lubiana, Jugoslavia, 1987; Premio Michetti, Francavilla a Mare (PE) 1989; Gravitazione Roma, Arte Roma 90, Palazzo dei Congressi di Roma, 1990; Il bosco sacro dell’arte, Real Bosco di Capodimonte, Napoli 1999; BNL una banca per l’arte oltre il mecenatismo, Chiostro del Bramante, Roma 2000; Collezione permanente 1. Per una situazione salernitana 1975-2005, Museo FRaC — Fondo Regionale d’Arte Contemporanea, Baronissi (SA) 2005; Seguendo il cammino di Marco Polo. Artisti italiani dipingono Hangzhou, Fondazione Bevilacqua la Masa, Venezia 2011; Lo stato dell’Arte – 54a Biennale di Venezia, Ex Tabacchificio Centola, Pontecagnano Faiano (SA), 2011; Face to Face, Spazio Gasteig, Monaco di Baviera 2013; Dalla parola l’immagine, l’arte che legge la Bibbia, Museo della Porziuncola, Santa Maria degli Angeli, Assisi 2013; Rewind, Arte a Napoli 1980-1990, Castel Sant’Elmo, Napoli 2014; Under Nature, galleria Ingenito Napoli, 2014; Icona, proposte per un’iconografia del contemporaneo, Museo FRaC, Baronissi 2014; Artlante Vesuviano allestita presso il Real Polverificio Borbonico di Scafati; 100 anni di pugilato italiano. 1916-2016, Palagio di parte guelfa, Firenze 2015; Artisti in difesa delle librerie, LIBRERIA FAHRENHEIT 451 Roma,2015; Potenza della luce, Potenza 2015; Codex, libri d’artista, Pinacoteca comunale, Palazzo San Giacomo, Gaeta 2016; Prospettive introverse, Complesso monumentale Santa Maria degli Angeli, Montoro Superiore; Gianbattista Vico, pagine e immagini, Biblioteca Universitaria di Napoli, 2018, Premio Cimitile, Complesso Basilicale di Cimitile (Nola) 2018.

La mostra si concluderà il 20 aprile e sarà aperta al pubblico dal martedi al sabato dalle 17.00 alle 19.00

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *