I “FUORICONTROLLO” arrivano con un nuovo singolo e una nuova formazione

Fuoricontrollo, giovani con la passione per la musica, si presentano al pubblico, per questo nuovo singolo, con una formazione inedita: Daniele Maggi, Manuel Ginnetti, Gianmarco Finotti.
“Per le strade di Londra” (prodotto da Pasquale Scilanga per Clodio Music),  è firmato dal loro estro (D. Maggi e M. Ginnetti) con la preziosa collaborazione del maestro Adriano Pennino, protagonista indiscusso della musica pop italiana, con uno sguardo rivolto da sempre ai giovani talentuosi.
Fuoricontrollo, nati e cresciuti a Cisterna di Latina, rapiscono con questo nuovo brano, attraverso una melodia pop incisiva fin dalle prime strofe e ci trasportano in un viaggio ideale fra svago e il superamento allegorico di luoghi comuni che affollano trasversalmente la società. Una sottile ironia strizzando l’occhio al leggendario humor inglese, sostenuto da una architettura pop, moderna e brillante che le tre voci sanno interpretare al meglio.
Il brano è anche un videoclip, per la regia di Michele Vitiello: si anima di entusiasmo e simpatici siparietti che mettono in risalto personaggi e oggetti che sono ormai consuetudine nel linguaggio del quotidiano. Una sfilata di stereotipi e di modelli mutuati abilmente dall’immaginario collettivo dei nostri giorni.
La capacità di non prendersi troppo sul serio è l’essenza di questo nuovo singolo: una vera e propria fuga dall’egocentrismo autoreferenziale, per abbracciare invece l’altro e nuove esperienze. La circolarità di un eterno movimento che descrive al meglio la condizione dei ragazzi delle nuove generazioni.
 “Perché la vita a volte è molto avversa/ ci fa tornare al punto di partenza/ da questa giostra muovi l’infinito/ o vinci o perdi niente è garantito…” recita la canzone che involontariamente si fa testimone anche di una Londra in piena brexit : in cui circa 750 mila cittadini europei hanno richiesto il permesso di soggiorno per continuare a vivere nel Regno Unito. Una realtà nuova, che ci riporta ad antichi problemi.
0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *