DiscoDays la Fiera del Disco e della Musica giunge alla XVIII Edizione

Si svolgerà Sabato 22 e Domenica 23 Aprile 2017 la XVIII edizione del DISCO DAYS. Torna al Complesso PALAPARTENOPE di Napoli, la più importante fiera del Sud Italia dedicata al Vinile e alla Musica. Moltissime novità per questa nuova edizione del DiscoDays.  Di seguito i primi cinque annunci che andranno a costruire un Programma che, come sempre, sarà ricco e variegato. Inoltre nei prossimi giorni vi daremo tutte le info su Showcase live, Presentazioni di dischi, Mostre e Incontri ma soprattutto dettagli sul docu-film Vinilici.La prima grande novità per chi ama il Vinile è la Mostra UNA VITA FRA I SOLCHI. Cento tra i duecento dischi nella lista dei dieci album preferiti di Andy Simoniello.  “La mia vita fra i solchi” questa la mostra che si terrà in occasione della diciottesima edizione di DiscoDays il 22 e 23 aprile. La raccolta di vinili sarà accompagnata da tavole, tratte dal libro da cui prende il nome la mostra, che riprenderanno aneddoti di vita legati ad alcuni dei dischi che narreranno uno spaccato trasversale della storia della musica. L’intento narrativo e divulgativo a testimonianza di come la musica influenzi le esperienze e si leghi ai ricordi di una vita intera. La seconda iniziativa annunciata è un fantastico viaggio fra meravigliose copertine di dischi”I Vestiti della Musica” è una sorta di viaggio a ritroso nel tempo in compagnia di Paolo Mazzucchelli(conoscitore, appassionato e collezionista di musica) alla riscoperta delle copertine dei dischi, della loro evoluzione da semplice ed anonimo contenitore a vera e propria icona, da elemento di marketing ad espressione dell’evoluzione di un gruppo o di un artista. Un viaggio che parte dell’età d’oro del jazz sino ad arrivare ai fasti del progressive anni ‘70, passando fra i caleidoscopici colori della psichedelica, l’evoluzione grafica di artisti come Beatles, Doors e Pink Floyd, fra le curiosità delle copertine più strane ed elaborate, maliziose o censurate. Una serata in grado di soddisfare l’accanito collezionista come il semplice curioso grazie ad un racconto “accompagnato” da un centinaio di copertine provenienti dalla collezione personale di Paolo Mazzucchelli (che vengono mostrate ed, in alcuni casi, fatte toccare, scoprire, aprire al pubblico presente), e coadiuvato dalla proiezione su grande schermo di un ulteriore gruppo di copertine, nonché da una colonna sonora adeguata. Un viaggio a cavallo fra musica e cultura, arte e creatività, evoluzione artistica e sociale, costruito con l’umiltà e l’amore che solo i veri appassionati della musica conoscono, ben lungi quindi da certi ritorni “modaioli” che puntano a convincere i più sprovveduti che avere un giradischi e un po’ di dischi in vinile a casa sia molto
“ IN ”. L’iniziativa è portata avanti con successo da alcuni anni e proposta in ambiti quali biblioteche, centri culturali, scuole medie superiori, conventions del disco da collezione, festivals.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *