Esce “N’ ata notte” il nuovo singolo di Franco Ricciardi

N’ata notte” è il nuovo singolo del cantautore Franco Ricciardi che anticipa l’uscita dell’album prevista per il mese prossimo. “N’ata notte” è un brano scritto dallo stesso Ricciardi che, per parlare d’amore, sceglie la semplicità del messaggio, sia nelle parole che nello stesso arrangiamento essenziale e quindi diretto. La scelta di accenni di elettronica regalano al brano una freschezza contemporanea che fa di Franco Ricciardi un cantautore sulla cresta dell’onda nel panorama della canzone partenopea che, nonostante la sua lunga carriera, sa essere attuale, innovativo e schietto. Il brano è disponibile su spotify e su tutte le piattaforme digitali.

Grande successo di pubblico per gli Anelli di Saturno al Diana di Nocera

Gli Anelli di Saturno, ensemble di plettri noto al pubblico musicale nazionale, giunge al teatro cittadino di Nocera col Concerto dei Due Mondi” presso il Teatro Diana con Antonio Saturno, direttore e chitarrista. Il progetto musicale ha visto protagonisti della serata il giovane e talentuoso direttore cinese Fan Ding e le eccezionali voci del maestro Diego Raphael Fortunato e del soprano Lettieri impegnati in un repertorio vocale che ha puntato all’originalità del popolare e del colto, proponendo brani tratti dal repertorio greco, russo e spagnolo. L’ensemble ha inoltre affrontato con la doppia direzione del maestro Saturno e del maestro Fan, autori classici come Vivaldi, Barbella, Calace e Colonna, nelle scritture originali per mandolino. Il pubblico entusiasta a fine serata ha richiesto più volte a gran voce i bis che hanno concluso il concerto. Intervistato il maestro Fan Ding, si dice commosso ed emozionato per il tanto entusiasmo dimostratogli dal pubblico ed ha sottolineato l’importanza di questo incontro come base di future collaborazioni con l’Italia e di amicizia tra due popoli così lontani, ma uniti dall’amore per l’arte.

Sabato 25 Marzo Electronic Save The Mood #4 con Audioal e Giancarlo Lanza

Napoli – E’ ufficialmente scattato il conto alla rovescia che ci traghetterà verso le sponde di una notte di grande divertimento di tendenza, ma senza spegnere il cervello. L’appuntamento è per sabato 25 marzo a partire dalle ore 23.00 al Moses Live Club di via Vincenzo Petagna, 15. 

Pensate che sia impossibile conciliare una serata elettrizzante e una musica elettronica “morbida” e di classe?

La parola impossibile non esiste nel vocabolario di due fuoriclasse come Audioal e Giancarlo Lanza, protagonisti assoluti del sabato sera che batte nel cuore antico della città di Partenope.

Tutto questo è Electronic Save the Mood #4!

La musica di Audioal, infatti, si insinua nelle orecchie e sotto la pelle, facendo vibrare corpo ed anima, pronta a far apprezzare i singoli suoni, attraverso costellazioni di note fortemente dinamiche, capaci di trasformarsi in groove e sonorità elettroniche con slanci techno deep minimal dalla cadenza ipnotica.

Ma a brillare, nella sala 1 del Moses Live Club, saranno ben due stelle del firmamento della musica elettronica di tendenza.

Infatti, in consolle, ci sarà anche Giancarlo Lanza, live performer, pioniere della musica elettronica partenopea, balzato sulla scene internazionali che tuttora domina con il carisma del sound sprigionato dal suo mixer. Suoni più scuri, orientati attualmente verso la dub techno e l’indie elettronica.

Oltre a far ballare i giovani di tutta Europa, Lanza plasma il talento di astri nascenti del panorama musicale, attraverso seminari, conferenze e masterclass.

Ancora una volta dunque, Napoli, grazie al Moses Live Club, si riconferma ombelico del mondo musicale, capitale della musica elettronica di tendenza, capace di miscelare diversi elementi per un risultato di sicuro divertimento.

Un divertimento consapevole, che allena le sinapsi cerebrali a non appiattirsi nella routine e si muove all’insegna della creatività pura. Una creatività che si traduce in note “liquide” che alimentano l’energia vitale.

Photo Days 2017: scatti d’autore, sinergie internazionali e obiettivo raggiunto!

Si è conclusa con eleganza, successo e soddisfazione la tredicesima edizione del Photo Days a cura di Europhoto, AFCA e Vitros. Due giornate, impreziosite dalla cornice della Sala Congressi del Maristella a S. Antonio Abate, che hanno offerto un palcoscenico di qualità ai protagonisti delle aziende dedicate all’immagine e che hanno presentato prodotti, servizi e novità nel campo della fotografia digitale e tradizionale, attrezzature per la fotografia professionale, materiali video, fotolaboratori, minilab, album e cornici. I fotografi hanno avuto la possibilità di testare le macchine fotografiche e le telecamere di ultima generazione immortalando le accattivanti modelle durante gli innumerevoli shootings. Molto formativo, stimolante e professionale il workshop della caratura di Cristiano Ostinelli, fotografo internazionale di matrimoni vincitore del premio mondiale Wedding Photojournalist Association, a cui hanno partecipato moltissimi fotografi. Stile fotografico, fotogiornalismo, pose creative, rapporti con i soggetti, visione di matrimoni internazionali, accenni alla post produzione ed infine esempi di scatti da favola nel meraviglioso Castello di Lettere. “Sono soddisfatto e felice perché il pubblico ha risposto con entusiasmo ripagandoci di tutto il lavoro svolto – ha dichiarato l’organizzatore Vincenzo Tortora di EuroPhotoIl nostro obiettivo adesso è quello di continuare questo percorso insieme a coloro che hanno stretto una grande sinergia con noi sperando che il Photo Days diventi sempre di più un punto di riferimento sia Italia che all’estero.” Il presidente dell’AFCA Paolo Novi ha energicamente detto: “ Il Photo Days del 2017 ha comunicato una passione che va oltre le immagini. La sinergia tra le numerose associazioni che vi hanno preso parte in uno spazio d’incontri non più virtuale, ma in un susseguirsi di seminari, mostre, workshop e contest fotografici hanno trasformato quello che nasceva come un evento fieristico in un’officina culturale, contenitore d’arte di quel linguaggio chiamato comunicazione visiva. Tutto ciò grazie alle moderne tecnologie che negli ultimi decenni hanno avvicinato e portato a conoscenza il linguaggio delle immagini tramite la fotografia. Questa edizione ha centrato l’obiettivo scrivendo con la luce quello spazio artistico immaginato e oggi concretizzato.” Vittorio Trodella della Vitros ha infine aggiunto: La manifestazione è sempre più innovativa. Quest’anno è stato contrassegnato da un seminario spettacolare che ha coinvolto emozionalmente i fotografi e dalla presenza di importanti partner che hanno arricchito con le ultime novità il layout espositivo.” Sono stati, dunque, due giorni intensi per gli espositori e le associazioni presenti quali Camera Service Italia, Canon Club Campania, Piesse Trade, SVAR KPH, Reicard, Bigcybarlab, Vitros, Europhoto, Fotocolor, SPC, Daponte, Condor Foto, Click@ngri, Digigate, Sprea Gruppo Editoriale, De Artis Digitale, Tokina, Nissin, Temba, Benro, AFCA, Gruppo Fotografi Campani, Slow Foto, Coffi CortOglobo Film Festival Italia, l’ODG Campania, Scrivere con la Luce, Domiad Photo Network, Senato della Repubblica, Pubblitime, oltre alla buona parte dell’afflusso dei visitatori composto da professionisti e appassionati. La kermesse presentata dalla giornalista Brigitte Esposito ha visto la presenza di numerosi ed illustri esponenti del mondo dell’informazione, dell’arte, della politica e della cultura: il sindaco di Lettere Nino Giordano, l’Ass. alla Cultura Anna Amendola e l’ Ass. all’Ambiente e vicepresidente della Comunità Montana Giuseppe Giordano, Salvatore Campitiello Presidente Assostampa Campania Valle del Sarno, il Presidente di Coffi Film Festival Andrea Recussi, il dott. Pasquale Mauri, le fotografe Miriam e Ivana Pipolo, il Prof. Pasquale Pannone, l’artista Ernesto Terlizzi, l’hair stylist Tonino Fontanella, la make up artists Taissia Bodnar e la Scuola di Estetica Mediterranea, le modelle Gresya Acanfora e Luciamaria Sorrentino, Vincenzo e Anna Pastore Since 1940; i fioristi Garofalo, le dolcezze di Ama Dolce&Salato, gli artisti Antonio Ruggiero e Giannantonio Gallo, il presidente dell’Associazione Mediterranea Events Carolina Di Martino e le modelle del 2016. Un grazie sentito al titolare del Ristorante Maristella Alfonso Cesarano che ha ospitato l’evento, alle forze dell’ordine nella figura del M.A. s Ups Vincenzo Sirico Comandante della Stazione dei Carabinieri di S. Antonio Abate e alla vigilanza, al grande staff del Photo Days che ha lavorato ininterrottamente e con allegria, a tutti gli organi di stampa e ai fotografi ed operatori presenti. L’evento ha visto, inoltre, la straordinaria e apprezzatissima partecipazione del Presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti della Campania Ottavio Lucarelli che per l’occasione ha consegnato un riconoscimento dell’Ordine ai creativi organizzatori Paolo, Enzo e Vittorio che a loro volta gli hanno conferito una targa di profondo ringraziamento. Il Photo Days è già carico per la nuova ed entusiasmante avventura del 2018!

 

Il 23 marzo i Soul Six Vocal Group in uno spettacolo denso di emozioni

Dal pop al soul al gospel. La musica live torna protagonista al Vinile con una performance originale alla scoperta del canto polifonico nel tentativo di  spingere oltre la propria ricerca sonora. On stage giovedì 23 marzo alle ore 21 (ingresso libero)  il Soul Six Vocal Group, con uno spettacolo denso di emozioni che spazia tra gli autori più importanti della black music, per  fondersi poi al rock europeo. Anime carismatiche in cerca di libertà espressiva, voci calde e sincere che si intrecciano per comunicare energia: i Soul Six sono musicisti provenienti da background musicali molto eterogenei, ma uniti dalla comune radice soul. Reduci dall’apertura dei concerti di Fabio Concato ed Enzo Gragnaniello, dopo un tour invernale che ha toccato dodici tappe prestigiose tra cui l’Auditorium Oscar Niemeyer di Ravello e l’Arsenale della Repubblica di Amalfi, i Soul Six presentano nei club il loro primo lavoro discografico “Sacro Profano”, anticipato dal videoclip “Need of Grace”. Nati ufficialmente nel 2006 sotto la guida dei musicisti paganesi Giusy Visconto e Gianluca Marrazzo, fin dagli esordi si sono posti l’obiettivo di dar vita ad un gruppo vocale di professionisti.  Il punto di forza che ha sempre contraddistinto la formazione è la marcata diversità di carattere e vocalità dei componenti, fonte di incontri, scontri e, come accade normalmente in musica, accordi e dissonanze! Nonostante l’avvicendarsi dei componenti in questi dieci anni, le diverse esperienze musicali hanno sempre trovato una convergenza, reinterpretando con arrangiamenti originali brani di autori internazionali come Lionel Ritchie, Carole King, Incognito, Michael Jackson, Cristopher Cross, fino a contaminare, in stile “ballad” o addirittura con ritmiche di tammorra, la  musica sacra. I Soul Six sono Giusy Visconto, Carmine Granato, Giusy Vigliotti, Gianluca Marrazzo, Susanna Giordano. Ad impreziosire il gruppo anche la presenza di Kalon Rae, vocalist, direttore musicale e cantautore londinese di origini italiane, direttore dell’Urban Voices Collective, gruppo ufficiale della cerimonia di chiusura dei Giochi Olimpici di Londra 2012, i Baftas 2013 e 2015, il Royal Variety Performance 2013, la prima edizione dei BBC Music Awards. Il suo EP di debutto “The Day That I Was Killed” è stato per 10 settimane al primo posto della classifica UK POP di Reverbnation, e gli ha fruttato una nomination come UK Unsigned Songwriter of the Year.

DiscoDays la Fiera del Disco e della Musica giunge alla XVIII Edizione

Si svolgerà Sabato 22 e Domenica 23 Aprile 2017 la XVIII edizione del DISCO DAYS. Torna al Complesso PALAPARTENOPE di Napoli, la più importante fiera del Sud Italia dedicata al Vinile e alla Musica. Moltissime novità per questa nuova edizione del DiscoDays.  Di seguito i primi cinque annunci che andranno a costruire un Programma che, come sempre, sarà ricco e variegato. Inoltre nei prossimi giorni vi daremo tutte le info su Showcase live, Presentazioni di dischi, Mostre e Incontri ma soprattutto dettagli sul docu-film Vinilici.La prima grande novità per chi ama il Vinile è la Mostra UNA VITA FRA I SOLCHI. Cento tra i duecento dischi nella lista dei dieci album preferiti di Andy Simoniello.  “La mia vita fra i solchi” questa la mostra che si terrà in occasione della diciottesima edizione di DiscoDays il 22 e 23 aprile. La raccolta di vinili sarà accompagnata da tavole, tratte dal libro da cui prende il nome la mostra, che riprenderanno aneddoti di vita legati ad alcuni dei dischi che narreranno uno spaccato trasversale della storia della musica. L’intento narrativo e divulgativo a testimonianza di come la musica influenzi le esperienze e si leghi ai ricordi di una vita intera. La seconda iniziativa annunciata è un fantastico viaggio fra meravigliose copertine di dischi”I Vestiti della Musica” è una sorta di viaggio a ritroso nel tempo in compagnia di Paolo Mazzucchelli(conoscitore, appassionato e collezionista di musica) alla riscoperta delle copertine dei dischi, della loro evoluzione da semplice ed anonimo contenitore a vera e propria icona, da elemento di marketing ad espressione dell’evoluzione di un gruppo o di un artista. Un viaggio che parte dell’età d’oro del jazz sino ad arrivare ai fasti del progressive anni ‘70, passando fra i caleidoscopici colori della psichedelica, l’evoluzione grafica di artisti come Beatles, Doors e Pink Floyd, fra le curiosità delle copertine più strane ed elaborate, maliziose o censurate. Una serata in grado di soddisfare l’accanito collezionista come il semplice curioso grazie ad un racconto “accompagnato” da un centinaio di copertine provenienti dalla collezione personale di Paolo Mazzucchelli (che vengono mostrate ed, in alcuni casi, fatte toccare, scoprire, aprire al pubblico presente), e coadiuvato dalla proiezione su grande schermo di un ulteriore gruppo di copertine, nonché da una colonna sonora adeguata. Un viaggio a cavallo fra musica e cultura, arte e creatività, evoluzione artistica e sociale, costruito con l’umiltà e l’amore che solo i veri appassionati della musica conoscono, ben lungi quindi da certi ritorni “modaioli” che puntano a convincere i più sprovveduti che avere un giradischi e un po’ di dischi in vinile a casa sia molto
“ IN ”. L’iniziativa è portata avanti con successo da alcuni anni e proposta in ambiti quali biblioteche, centri culturali, scuole medie superiori, conventions del disco da collezione, festivals.

Emozioni in musica per Pagani con la nuova Banda musicale “Alfonso Carrera”

Un momento di estrema aggregazione e di incontro con la dolcezza della musica in ricordo di chi quella musica l’ ha amata da sempre, il Alfonso Carrera. La nuova Banda musicale della città di Pagani, in onore del maestro e con la presenza della moglie Luciana, attraverso le sue magiche note è riuscita durante la presentazione presso la Chiesa della Madonna del Carmine ad evocare emozioni profonde, sentimenti di partecipazione all’evento e di appartenenza alla comunità in tutti i presenti. Nello Palumbo, Salvatore Caiazzo e Salvatore Barretta hanno sottolineato il vivo interesse dei giovani e la voglia di aprirsi a livello regionale e nazionale agli eventi culturali che si affacciano con insistenza alla ribalta della vita cittadina.

Il Salotto di Bry è condotto da Brigitte Esposito, regia di G. Roberto Tartaglia, riprese e fotografia Angelandrea Falcone, account manager Carolina Di Martino, produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con Teleangri Uno canale 639 visibile in tutta la Campania.

 

 

Michele Bravi il dolcissimo cantautore protagonista a Pagani

Dalla 67^ edizione del Festival di Sanremo a Pagani Michele Bravi, il giovane cantautore umbro conosciuto per la sua vittoria a X Factor 2013, è stato accolto calorosamente presso il Centro Commerciale Pegaso dai tantissimi fans che hanno atteso per ore e con immensa emozione il firma copie del suo nuovo e meraviglioso lavoro discografico “Anime di Carta”, in testa alle classifiche. L’artista, dotato di estrema dolcezza, garbo e di una velata timidezza è stato fin da subito molto disponibile con tutti i suoi fans, perlopiù adolescenti e mamme con bambini, felici di un saluto e del tanto ambito autografo sul cd. Tantissimi anche i regali ricevuti: peluches, fiori, scatole con sorprese, cartelloni, cioccolata e patatine che hanno mostrato un affetto sconfinato. Accompagnato alla chitarra Michele ha regalato un live esclusivo di alcuni suoi brani tra cui “Il Diario degli Errori” che ha ottenuto un ottimo quarto posto a Sanremo. Anime di Carta è decisamente un album molto intenso, con un potenziale introspettivo tale da mettere a nudo il proprio io e i propri limiti arrivando al cuore del pubblico. Un disco che rappresenta una rinascita dopo un periodo di pausa, un nuovo percorso in cui il presente risulta non avere scadenza. Costruire, sbagliare, inseguire i sogni e ricominciare attraverso l’amore, la malinconia, la tenacia, la speranza e la consapevolezza di essere un tutt’uno con la musica a 360 gradi. Inoltre, simpaticamente e bryosamente ha autografo anche il “diario” del Salotto di Bry.

“Maladie” è il nuovo singolo degli Isolati Fenomeni girato in Costiera Amalfitana

E’ on line il nuovo singolo degli Isolati FenomeniMaladie”, il brano in lingua francese contenuto nell’album “Asteroidi”, un progetto discografico che arriva dopo un rodaggio di oltre dodici anni in cui la band ha suonato in giro per l’Italia. “Isolati fenomeni” è la fusione tra le diverse esperienze artistiche dei componenti che hanno saputo condensare in un unico progetto sonorità che spaziano dal folk all’hard rock, passando per il jazz, con un pizzico di elettronica. Il brano “Maladie” , scritto da Loredana De Falco, è quello che apre l’album ed è un salto nelle atmosfere retro’, in sintonia con tutto il mood di “Asteroidi”. L’arrangiamento, curato dalla band e da Alfonso La Verghetta, appare fluido senza troppi effetti, presenti ma usati con parsimonia, conferisce un clima rilassato ad un brano equilibrato che si destreggia nell’uso della voce e nelle parentesi di sassofono.

Il video firmato da Santa De Santis e Alessandro D’ambrosi, ambientato in costiera amalfitana, ripropone le atmosfere retrò del brano con citazioni al cinema d’autore.

Il videoclip si apre con un chiaro riferimento a “ Il favoloso mondo di Amélie” e prosegue con un susseguirsi di scene che richiamano alle mente Il Postino, il capolavoro in cui Massimo Troisi registrava i suoni della sua isola per regalarli al poeta Pablo Neruda. Allo stesso modo, la piccola protagonista del videoclip raccoglie souvenir della sua terra da regalare in nome di un’amicizia magica che il tempo non scalfisce. Il resto della magia è data dagli scorci della Costiera Amalfitana, scelta dagli “Isolati Fenomeni” per dare un’impronta identitaria ( alcuni dei componenti della band sono campani) ad un brano dal sapore internazionale.

Festa di S. Patrizio, il “carnival of fools” rivive a Battipaglia, tra un tocco di verde, trifogli, piatti tipici della tradizione

Da Dublino a Belfast, da Cork a Galway. Dai grandi festival irlandesi al Nottingham, lo storico irish pub della provincia di Salerno, per festeggiare la Festa di San Patrizio venerdì 17 marzo alle ore 21 (via del Centenario 109, Battipaglia, ingresso libero). Una grande festa a tema per il “carnival of fools”, ovvero il “carnevale dei folli”, durante la quale il locale si colorerà di verde, tra trifogli, piatti tipici della tradizione, tanta birra ed estrazione di gadget ogni venti minuti. On stage un artista poliedrico che spazia dal live show con band dal vivo al teatro di prosa, fino ad arrivare al musical theatre,Alessandro D’Auria che, in dieci anni, dalla laurea in  Biotecnologie mediche si ritrova a declamare versi e a cantare canzoni. Determinante l’incontro con Massimo Ranieri durante la trasmissione “Il Treno dei Desideri” di Antonella Clerici. Un momento cruciale nella vita di Alessandro che, così, riesce a sciogliere la sua creatività e la sua energia. “La strada è ancora lunga. C’è tanto da imparare – e citando Forrest Gump aggiunge – La vita è davvero una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che può capitare”.

Insieme a quella che definisce la sua “one band show”, con Alessandro Vitiello alle chitarre, Toni De Colaalla batteria e Casimiro Erario alle tastiere, Alessandro travolgerà il pubblico del Nottingham con una performance che punta al sano divertimento e all’allegria, con una selezione che si allarga dal pop italiano al rock, ai medley anni ’70 e alla disco dance. Non mancheranno, in linea con la Festa di San Patrizio, brani folk tipici della tradizione celtica.

“Osservo molto il pubblico, cerco captarne gli umori. Non c’è mai nulla di predefinito e se qualche scelta non si rivela giusta, cerco subito di cambiare fino a trovare il suono più giusto – spiega Alessandro – Una volta partiti, poi, è difficile fermarci. I musicisti della band sono fenomenali e senza di loro non potrei cambiare, inventare, improvvisare ogni sera uno show unico e sempre diverso”.

Originario di Pompei, Alessandro D’Auria ha vissuto tra Perugia, Napoli e Prato, studiando all’accademia di Franco Miseria e Simona Marchini. Attualmente vive a Milano.Il suo incontro più importante  risale al 2008, quando si ritrova a duettare con Massimo Ranieri. Da li parte una carriera artistica che oggi lo vede calcare come cantante le tavole di palcoscenici come il teatro Manzoni, il teatro Nuovo di Milano e il teatro Brancaccio di Roma come parte della compagnia milanese “All Crazy”, diretta da Maurizio Colombi e Michele Visone. E’ stato direttore artistico per due anni dei “Ludi Pompeiani” agli scavi archeologici di Pompei. Attualmente è direttore artistico della compagnia MagicaMenteMusical e ideatore del format teatrale “Il mercante – Theatre game show”.

Il pioniere della musica latin urban Nicky Jam in concerto a Napoli e Roma.

Nicky Jam in concerto con The Fénix Tour giovedì 13 aprile dalle ore 23:00 presso Complesso Palapartenope di Napoli e venerdì 14 aprile dalle ore 23:00 all’Atlantico live di Roma. È conosciuto in tutto il mondo come il pioniere della musica latin urban: NICKY JAM, artista multiplatino che vanta, tra i numerosi riconoscimenti collezionati nella sua carriera, 1 Latin Grammy, 7 Latin Billboard Awards e 3 Latin American Grammy; torna sulle scene internazionali con il nuovo album “Fénix” supportato dal singolo “El Amante” che segue i successi di “El Perdón”, con Enrique Iglesias, e “El Ganador”.
Nicky Jam presenterà dal vivo – in due infuocati concerti a Napoli e Roma – i brani del nuovo album nel quale compaiono tra gli altri i featuring di Plan B (“Por El Momento”), Sean Paul e Konshens (“Amor Prohibido”), J Balvin (Superhéroe), e naturalmente Enrique Iglesias con la mega-hit dell’estate scorsa “El Perdon”.
“El Perdon”
ha dominato per mesi le classifiche internazionali (#1 in radio in 13 Paesi, #1 su iTunes in 44 Paesi, #1 delle classifiche streaming in 15 Paesi), conquistato 7 dischi di platino solo in Italia e registrato 750 milioni di views sul web (1 milione solo nel giorno di uscita) e dopo il platino in Italia di “Hasta El Amenecer”, #1 su iTunes in 18 Paesi, #1 su Spotify in 22, attualmente giunto a 940 milioni di views, Nicky è pronto a travolgere di nuovo le radio con il suo sound inconfondibile.

Nicky Jam è anche protagonista al cinema con Vin Diesel in xXx – Il ritorno di Xander Cage (xXx: Return of Xander Cage) un film diretto daD. J. Caruso che è il terzo capitolo della serie, iniziata nel 2002 con xXx e proseguita nel 2005 con xXx 2: The Next Level.

Nato a Boston nel 1981 (da padre portoricano e madre dominicana), Nick Rivera Caminero, in arte Nicky Jam, si trasferisce subito dopo a Puerto Rico con la famiglia, dove inizia a coltivare la passione per la musica. A 11 anni incide il suo primo album “Diferente a los Demàs” che gli dà credibilità tra i DJ e gli artisti del suo paese.
Raggiunge la notorietà con hit del calibro di “Yo no soy tu marid” “Me voy pal party”, “Fiel a tu piel”, “La combi completa”, “Entre otros”che lo fanno riconoscere come uno dei massimi esponenti del genere LATIN URBAN. Come spesso accade però, dopo il successo, arrivano in contrapposizione problematiche serie, che lo fanno finire addirittura in carcere. Passati 3 anni, in occasione di una presentazione in Colombia, l’affetto del pubblico gli fa capire l’inutilità dell’alcol e delle droghe. Gli si presenta quindi una seconda opportunità: comprende che con il duro lavoro e con la disciplina avrebbe potuto recuperare il tempo perso.
Ed è quello che succede. Decide di trasferirsi in Colombia; nel 2012 con un video autoprodotto ottiene 15 milioni di visualizzazioni su youtube in pochissimo tempo, aprendo così un nuovo capitolo della sua vita. Nel 2013 una ritrovata ispirazione artistica lo porta a collezionare 5 hit consecutive come “Piensas En Mì” , “Curiosidad”, “Juegos Prohibidos”, “Voy a Beber” “Travesuras”, e uno straordinario incremento del 3000% sui social, che nel 2014 lo consacra come uno degli artisti più amati dal pubblico.
Il successo planetario arriva nel 2015 con il singolo “El Perdon” feat. Enrique Iglesias, che raggiunge cifre e traguardi record in tutto il mondo.
I singoli El Perdón e Travesuras, sono stati quelli di maggior successo in Italia, raggiungendo rispettivamente la posizione numero 1 e la posizione numero 45 nella classifica FIMI.

Nicky Jam ha lavorato con celebrità come Enrique Iglesias, Daddy Yankee, Don Chezina, Lito & Polaco, Big Boy, RKM & Ken-Y e in passato con Héctor & Tito. Nel 2014 ha fatto successo con Travesuras e attualmente sta collaborando all’incisione di “El Disco de Reggaeton” che raccoglie i migliori successi dei più grandi artisti del genere.

Esce il 14 marzo “A bassa voce” album d’esordio di Maxdale

Esce martedì 14 marzo su tutte le piattaforme digitali prodotto da Casa Lavica Records “A Bassa Voce” album d’esordio di Massimiliano D’Alessandro, in arte Maxdale. L’ex concorrente dell’edizione 2015 di X Factor pubblica un album frutto del lavoro di un anno, trascorso dopo l’uscita dal programma Sky. Un percorso sonoro che spazia attraverso diversi generi e stili, dando vita a un lavoro dinamico e, in parte, a una rottura rispetto al passato: il background soul viene applicato al pop italiano, con passaggi nella musica internazionale ed elettronica, in una fusione di generi.

8 tracce, 7 inediti (4 in lingua italiana, 3 in inglese), e un remix sono i numeri dell’album, che vede la collaborazione di diversi artisti: “Melody” è in featuring con Alessio Iodice degli Urban Strangers; Piervito De Rosa ha collaborato per “A bassa voce”, brano che dà il titolo all’album; Pasquale Sir Fernandez è presente in “Tutto può cambiare”; Peppe Pleyam cura il remix di “I can feel”.

In concomitanza con l’uscita del disco, è online anche il videoclip di “Tutto può cambiare”, secondo singolo estratto dall’album. Girato lo scorso mese di febbraio a Roma, al Gazometro, il video è diretto dal regista Daniele Barbiero.

Track list

Before sunrise: “Mio padre mi diceva di svegliarmi prima dell’alba se volevo inseguire i miei sogni”: in questo brano pop-rock a tratti vintage, Maxdale dà voce a una canzone positiva e ricca di speranza.

Tutto può cambiare: un blues mediterraneo che rispecchia il percorso compiuto in questi 15 anni di gavetta.

Melody: un brano frutto della contaminazione tra blues ed elettronica, con un passaggio interessante nel rap: “Parlo della vita come facevano i vecchi bluesman che raccontavano la propria vita, le emozioni reali, senza finzioni”.

Quello che resta: ballad sull’orizzonte pop elettronico.

I can feel: sound pop per un brano dalla tematica molto attuale, che mette a nudo la consapevolezza della diversità nella società odierna. Il brano chiude l’album nella versione remix di Peppe Pleyam.

A bassa voce: title track dell’album e manifesto programmatico di Maxdale. “Questo titolo rappresenta il mio modus vivendi perché ho sempre avuto un profilo basso. È un’espressione che mi ha consegnato mio padre, un grande esempio di umiltà. Una canzone molto autobiografica che racconta il percorso di questi anni”.

Favola stonata: “È una ballad pop che ho scritto dopo X Factor, il primo brano pensato dopo l’uscita. Descrivo quell’esperienza con po’ di malinconia e un velo di positività”.

I brani inediti sono firmati da Maxdale. L’album è arrangiata da Ennio Mirra, Raffaele Ferrante e Massimiliano D’Alessandro.

Massimiliano D’Alessandro è nato a Salerno il 10 febbraio 1981. Si avvicina tardi alla musica, ma impara presto da autodidatta a suonare la chitarra. Suona in band locali e comincia a far conoscere il suo sound nel territorio salernitano fino a quando nel 2005 partecipa a Sanremo Rock con la band “Lazy”, che sarà poi selezionata per l’apertura del concerto degli Almanegretta. Dopo l’esperienza rock, si avvicina al genere che più sente di appartenergli, il blues. Partecipa a diversi festival del settore tra i quali il Campania Blues Festival, Blues Made In Italy, Blues Fest in Park, SouthItaly Blues Connection, Tropea Blues Festival.

Nel 2015 partecipa a X Factor 2015 nella categoria “Over” di Elio.

Nel 2016 si alterna tra il lavoro in studio, dove realizza il suo primo lavoro discografico A Bassa Voce, e i live in giro per l’Italia.