Il tour “Donna Roma” della cantautrice Nicole Riso parte dalla storica Antica Stamperia Rubattino

Al via il 17 maggio il tour della cantautrice romana cantastorie Nicole Riso vincitrice dell’ultima edizione del concorso “Dallo Stornello al  Rap” su Rai Radio Live. Nel cuore di Roma, a Testaccio, nella location Antica Stamperia Rubattino, erede del leggendario FolkStudio, dove riecheggiano i ricordi della storica campana suonata da Bob Dylan, De Gregori, Venditti e tanti altri grandi nomi della musica italiana ed internazionale, nell’ambito
della rassegna “Sopra c’è gente”, arriva l’anteprima di “Donna Roma Live Tour”, dove la Roma di ieri e di oggi si fonde per dare vita ad uno  spettacolo tra musica e teatro che approderà in seguito nelle piazze. Un incontro unico tra la musica romana tradizionale con omaggi a  Gabriella Ferri, Franco Califano, Anna Magnani, Alberto Sordi e Nino Manfredi, fino ad arrivare al cantautorato di oggi con Mannarino e quello di domani con il giovanissimo Valerio Porrovecchio con la sua “Tra ‘n sampietrino e l’artro”. Ospite insieme a Porrovecchio, anche la cantautrice fiorentina Giulia Ventisette, finalista quest’anno al Premio De André all’Auditorium Parco della Musica.
Sul palco accompagnano Nicole quattro musicisti d’eccezione: Samuel Stella alla chitarra, Ruggero Giustiniani alla batteria, Mattia Micalich al basso ed Alessio Guzzon alla tromba. Il tour sarà l’occasione per presentare i due nuovi brani della cantautrice Nicole Riso che con “Damme na carezza” racconta la sua storia d’amore nata sulle sponde del Tevere, mentre con “Fortunella” narra la vita da precaria di una mamma che, nonostante l’amore per i suoi figli, in un momento di sconforto, decide di porre fine alla sua esistenza. Un’anticipazione del nuovo album in preparazione, incentrato su storie  di vita nella Roma di oggi. Dopo Rubattino, la prima data ufficiale  nelle piazze sarà domenica 19 maggio nell’antico borgo di Isola Farnese.

Grande come una Città presenta Il suono dei sensi. Laboratorio di percussioni per bambini sordi e udenti

Sabato 18 Maggio presso 238 Hangar delle Arti (via Monte Berico, 5 – RomaMarco Testoni, compositore e percussionista, dirigerà Il Suono dei Sensi: un laboratorio di percussioni che mette insieme bambine e bambini sordi ed udenti. Un evento organizzato dal Gruppo Musica e dal Gruppo AccessibiLis di Grande come una città, in collaborazione con CODA – Children of Deaf Adults . Si inaugura così con la musica un percorso che vuole rendere la cittadinanza attiva sempre più integrata con il mondo e la cultura sorda.

Un incontro con le percussioni, coadiuvato da alcuni interpreti segnanti, dove le vibrazioni sonore saranno la chiave di accesso ad un mondo intimo in cui i bambini possono non solo ascoltare la musica, ma sentirla, e produrla con tutto il proprio corpo.

Più nel concreto si tratta di un’esperienza che, attraverso il contatto con gli strumenti a percussione e alcuni esercizi e tecniche di body percussion, vuole far vivere senza alcuna barriera la forza e l’intensità del linguaggio musicale.

Massimo Di Cataldo: il 24 maggio il nuovo album di inediti “Dal profondo”

Esce il 24 maggio “ DAL PROFONDO” (Dicamusica/Self), il nuovo disco di inediti del  cantautore Massimo Di Cataldo. Si tratta dell’ottavo lavoro in studio dell’artista, che arriva a quasi dieci anni di distanza dal precedente.

Dieci brani scritti negli ultimi anni durante i quali l’artista è stato impegnato in un’intensa attività live alternata a partecipazioni tv. Dieci storie attraverso le quali si sviluppa un discorso sulle relazioni sentimentali, in un immaginario dialogo introspettivo alla ricerca della ragione stessa delle emozioni.

Già dalla copertina del disco il cantautore è ritratto nel gesto di svelarsi, così come nei testi delle canzoni rivela il suo lato più profondo e intimo.

” È un album introspettivo, nonostante il sound abbia espliciti richiami rockeggianti, che racconta un aspetto più intimo del mio universo emotivo attraverso canzoni scritte in un arco di tempo significativo della mia vita – racconta Di Cataldo in merito al nuovo disco – arriva un momento in cui un uomo, oltre che artista, ha bisogno di fare un punto della situazione e la musica da sempre mi permette di trasformare il magma dei miei pensieri in una forma condivisibile con tutti gli altri“.

Questa la tracklist di “DAL PROFONDO”:  “Non ti accorgi”, “C’è qualcuno”, “Ci credi ancora all’amore”, “Ci penserò domani”, “Allora scusami”, “Con il nastro rosa”, “Perché l’amore”, Prendimi l’anima”, “Domani chissà”, “Continuerà”.

Il disco è prodotto e realizzato dallo stesso Massimo Di Cataldo insieme ad Alessio Pizzotti e  Ingo Peter Schwartz ed è stato anticipato dal singolo “Non ti accorgi”, attualmente in rotazione radiofonica e disponibile su tutte le piattaforme digitali.

MONICA P: “INDIVENIRE TOUR” è la tournée di concerti che toccherà tutta Italia

La tournée di concerti segue a stretto giro il premio Nuovo Imaie, assegnato alla cantautrice dal prestigioso premio Bertoli 2018. Il tempo della trasformazione è sempre il presente, e Monica P lo sa. Lei scorre, da un disco all’altro, si trasforma e si mostra senza compromessi, in un tempo sospeso tra tutte le Monica P che è stata e quelle che sarà: indipendente, ribelle, tormentata, felice, determinata, folle, solitaria, estroversa. Monica P è in divenire.  Sospeso fra l’ultimo album e l’imminente prossimo lavoro, “Indivenire tour” è l’urgenza di Monica P di raccontarsi per quella che è: vera, qui, ora.

LE 8 DATE IN PROGRAMMA DELL’ INDIVENIRE TOUR SONO:
Canapa Festival Forlì 9 giugno 
Festa della CGIL La Spezia 22 giugno in apertura a Piotta
Na Cosetta estiva Roma 29 giugno in apertura a Margherita Vicario
Festa della Birra Tolentino (MC) 3 luglio
In apertura alla presentazione del nuovo disco di Alberto Bertoli Sassuolo (MO) 11 luglio 
Coccobello Carp(MO) 24 luglio 
Alta Felicità Festival Venaus Torino 26 luglio 
Confluenze Festival Cavagnolo (TO) 27 luglio in apertura a Cisco

Neo – Temporale, il singolo pop elettronico dell’artista che ha scelto di non mostrarsi

Non si hanno molte notizie sull’artista, che ha deciso di lasciar parlare la musica. Neo è il suo stesso alter ego, l’universo costruito sulla libera espressione artistica. La chitarra è un elemento ricorrente nella sua musica ed è facile risalire ad influenze blues-pop.Temporale, è un flusso di pensieri che nasce in una camera. Errori ricorrenti e legami non del tutto interrotti sono il cuore di questo brano che, alla fine, lasciano spazio ad un ricongiungimento. Il brano nasce in acustico e si sviluppa con un sound pop elettronico, mantenendo coerenza tra testo e musica.Il videoclip sarà online venerdì 10 maggio alle 14.

09.05 C’era una volta… Fabrizio De André

La grande fiction riscopre Faber e lo consegna alle nuove generazioni: prende l’avvio il 9 maggio ore 17.00, via Michelangelo Caetani 32 a Roma, ingresso gratuito , proprio dal dialogo con il Cinema, un ciclo di sei incontri mensili ideato da Chinaski Edizioni e realizzato in collaborazione con l’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi: sei tappe per raccontare il grande Fabrizio De André a cui Chinaski, attraverso la bella penna di Sara Boero, ha dedicato un bel volume, Fabrizio De André e i pellegrini sulla cattiva strada. Ospiti di questa prima tappa Marco Testoni e Renato Marengo. Ad aprire l’incontro la Direttrice dell’Istituto Sabina Magrini.Lo spunto della prima tappa, infatti, è offerto dalla fiction che ha fatto riscoprire il grande Faber alle nuove generazioni:  Fabrizio De André – Principe Libero. A parlarne saranno Marco Testoni, music supervisor esperto di colonne sonore. E Renato Marengo, direttore di Cinecorriere e docente dell’Accademia di Cinema e Televisione Griffith. Per l’occasione Marengo racconterà anche di alcuni inediti che la rivista Prog ha scoperto e, proprio nel mese di maggio, offrirà al grande pubblico.

DAF – Digital Art Festival. A Napoli il 21-22-23 Giugno 2019 per indagare il passato, il presente e il futuro.

20 ore di musica, 9 live, 3 progetti di videomapping, 2 workshop, 3 talks, VJ, installazioni site specific, creatività digitale per i più piccoli. In una location mozzafiato nel Centro Storico di Napoli per indagare il passato, il presente e il futuro.  Napoli torna a dettare le regole dell’avanguardia elettronica. Come sul finire degli anni novanta, grazie all’esperienza dell’innovativo “Sintesi – festival delle arti elettroniche”, nasce oggi, in collaborazione con Magmart | international videoart festival DAF – Digital Art Fest the freed emotion

Nella straordinaria location dello Scugnizzo Liberato – un antico monastero del ‘600, in pieno centro storico di Napoli,  si susseguiranno momenti di approfondimento (workshop, laboratori, tavole rotonde), a mostre, videoproiezioni, concerti, e molto altro ancora.
DAF è una nuova occasione per indagare le trasformazioni che la rivoluzione digitale ha impresso al mondo dell’arte, in tutte le sue manifestazioni, e in questa prima edizione darà spazio alle realtà Partenopee e Campane che girano il mondo; ma ci saranno anche ospiti internazionali di pura eccellenza.

Atella Sound Circus, il più importante Festival di Musica e Artisti di Strada

Le Associazioni ArtiSticàMente e Artenove presentano la IV° edizione del festival di musica e artisti di strada Atella Sound Circus. L’evento si svolgerà i giorni 31 Maggio1-2 Giugno presso il bellissimo Casale di Teverolaccio di Succivo, cittadina a metà strada tra Napoli e Caserta, in un luogo troppo spesso mortificato poiché riconosciuto “esclusivamente” come ” terra dei fuochi”. Ed invece ecco che un gruppo di giovani atellani volenterosi, autofinanziandosi e senza avere scopi di lucro, si radunano sotto l’egida di due associazioni territoriali per produrre bellezzaarte e felicità per le famiglie e in particolar modo per i bambini. 
Un modo per reagire e donare spensieratezza a un territorio ricco di energie positive, arte e cultura.
Nel consueto scenario del Casale di Teverolaccio avrò luogo la IV edizione dell’Atella Sound Circus, un festival di musica dal vivo ed artisti di strada che sta diventando un punto di riferimento nazionale: una festa di colori, musica, balli e spettacoli d’arte circense aperta a tutti, rigorosamente ad ingresso gratuito.
Dopo il successo delle prime edizioni la manifestazione di quest’anno ripropone, con un nuovo ricercato palinsesto di eventi, il format dei concerti di musica dal vivo a chiusura di tanti spettacoli di artisti di strada e circensi con molti momenti dedicati esclusivamente all’intrattenimento per bambini, caratterizzandosi, a livello locale, come un evento unico nel suo genere proponendo spettacoli di caratura nazionale.
Molteplici sono gli eventi che si terranno in una tre giorni che si preannuncia intensa: musica dal vivo, giocoleria e arte circense, stand gastronomici, attività didattiche.

I concerti si dividono in tre serate a tema

– il 31 maggio sarà una serata dedicata al Dub e al Reggae con il dj-live-set dell’inglese Neil Perch del gruppo inglese, bandiera

del dub, Zion Train. Prima di lui il set dei Wicked Dub Division progetto nato nel 2014 dall’unione di nomi storici e conosciuti nel panorama dub italiano come Michela Grena. La band compie una ricerca musicale miscelando suoni caldi e ipnotici a sfumature più wicked e minimali. 
– il 1 Giugno è la volta del suono contaminato tra cumbia latina e la musica dei balcani: i Cacao Mental sono un progetto nato dall’incontro tra il cantante peruviano Kit Ramos e il produttore e polistrumentista milanese Stefano Iascone, mescola cumbia, musica elettronica e psichedelia con la volontà di avvicinare la tradizione musicale latinoamericana a una sonorizzazione cinematica e ballabile. La Babbuzti Orkestar ha trovato una formula nuova per proporre i tradizionali suoni balcanici rinnovando il panorama della Balkan Beat. Tra ballate, melodie, polke e infuocati ritmi musicali il collettivo travolge il pubblic con la sua straordinaria energia.
– il 2 Giugno il suono diventa local. Due band napoletane che mischiano folk, gipsy e wolrd music: ‘O Rom sono artefici di una musica che abbraccia culture e storie diverse, sempre a favore dell’integrazione razziale e della multiculturalità e che unisce la musica napoletana all’ est Europa tra tarantella, gipsy e manouche
. Gli Azul creano un mix di musica gitana, bossanova e il samba brasiliano, così come il gnawa marocchino e il desert blues. Sono capitanate da Marilena Vitale già nel duo Fede ‘n’ Marlen. 

Per gli stand informativi a carattere sociale ci saranno le associazioni:
Camilla la Stella che brilla Onlus , Noi Genitori di Tutti Onlus, Casa nel Sole Onlus, Legambiente 
eLibera

 Il laboratorio di 
Meditazione Armonica realizzerà, accompagnati dal suono armonico della Campane Tibetane ed a cura della dott.ssa Ida Franzese, attività per ritrovare se stessi mentre l’Associazione Olistica Culturale Radici Aeree realizzerà il laboratorio esperienziale “Espansione del Sé”. Le attività avranno luogo nella meravigliosa cornice degli orti sociali del Casale.

Inoltre nei tre giorni sono previste le attività Danze dal MondoTango a cura di Villa Lombardo, Modern a cura del Centro Studi Danza Ensemble e Medievali a cura di Neapolis Balfolk.

Per i grandi e piccini ci sarà l’Area Live Painting, Area Meditazione con eventi di meditazione armonica, Area Kids con Truccabimbi e Giochi con materiale di Riciclo. Area Food, Mercatini Artigianali, Stand Informativi e per finire si promuoverà la campagna di Crowdfunding per la sostenibilità futura del festival.

La sezione dedicata agli Artisti di Strada e Circensi è ricchissima:

La compagnia Circo squilibrato propone lo spettacolo Peace and Juggling in cui un formidabile giocoliere, un maestro dell’arte nel volteggio di oggetti in aria, offrre una fucina di numeri ad alto livello tecnico conditi da una classe fuori dal comune ed una comicità immediata e coinvolgente.
ManuCircus: artista circense che realizza uno spettacolo da vivere tutto d’un fiato!! Tra molteplici oggetti lanciati per aria e mille equilibri instabili proverà ad essere amico del fuoco e vi avvolgerà in un turbine di pure emozioni.
Il Fire Show con Mórrígan & Anthea uno scenario evocatore di un mondo sconosciuto e magico, una simbiosi di suono, danza e giochi incandescenti.
Alesticks: artigiano giocoliere, costruisce i giochi di giocoleria con cui si esibisce, i flowersticks!
Alì Abar Rahati Nover: un giocoliere verde, che viveva in una città verde.
Compagnia Pane e Circo: spettacolo a metà tra il circo e la challenge da social network. “The Floor Is Lava” altro non è che la sfida che tutti noi da bambini almeno una volta abbiamo affrontato.
Poubelle è lo spettacolo di punta di Luca Lombardo dove si possono notare le sue incredibili doti di trasformista. Cambi d’abito veloci, magie, visual comedy e poesia.
Compagnia Circo Ramingo presenta i migliori numeri messi in scena in un coinvolgente incontro di Arti Circensi e Teatro di Strada, conditi da una buona dose di Humor e Visual Comedy. Danza acrobatica aerea, ruota cyr e manipolazione di cappelli.
Lo spettacolo solista di Giulio Linguiti è frutto di un lavoro sul corpo e la manipolazione di oggetti. Una performance in cui pochi ma essenziali elementi si muovono nello spazio per creare immagini dense, danzando sui ritmi e le melodie della musica.
Mr. D è un giovane clow e il suo show cerca di portare lo spettatore in un mondo parallelo, il mondo dove quello che abbiamo creduto possibile oggi lì diventa impossibile e di conseguenza l’impossibile diventa possibile.
Un esilarante Spettacolo della compagnia Circo Equilibrato, in cui l’inimitabile ed esuberante Sardella si cimenta con strabilianti equilibrismi: dalle verticali alla scala libera al funambolismo, e non solo…  Il Circo Equilibrato è il nuovo Spettacolo con il quale questo artista eclettico si è affermato nel panorama italiano come uno degli equilibristi di maggior rilievo.
Acrocuochi sono acrobati ma anche dei veri cuochi e i loro virtuosismi sono fatti con veri attrezzi e ingredienti della cucina. Se non credete dovete provare: infatti, alla fine di ogni spettacolo non mancheranno di servire al pubblico le prelibatezze che hanno preparato tra un salto e l’altro!
Stradeaperte nasce dalla spiccata creatività e versatilità di Marco Balestrieri, che aggiunge le Handbell, uno strumento americano, ad un genere musicale che viene definito WorldBeat. In seguito, con l’aggiunta delle percussioni ad opera di Riccardo Antonielli e il Violoncello elettrico suonato da Luca Cappuccio, il progetto si completa definitivamente dando in modo visivo e sonoro nuovi colori al genere musicale.

A Pagani la tradizionale ed emozionante tammurriata in onore della Madonna delle Galline

E anche quest’anno Pagani è stato teatro di emozioni, devozione, tammurriate, eventi sacri e profani, proprio come vuole la tradizione. Un bagno di folla ha assistito alla suggestiva, toccante e tradizionale cerimonia d’apertura delle porte del Santuario che ha sancito ufficialmente l’inizio dei festeggiamenti in onore della Madonna del Carmelo, detta delle Galline. Il Salotto di Bry ha intervistato Antonio De Lucia, maestro dell’arte della tammorra, che da circa 40 anni realizza straordinarie tammorre artigianali, e il cantore pellegrino Vincenzo Romano che con la sua inimitabile voce ha coinvolto gli spettatori provenienti da tutta Europa, facendoli sfrenare con il ballo tradizionale: ‘a tammurriata.

Il Salotto di Bry è condotto dalla giornalista Brigitte Esposito per la regia e riprese di Gerardo Roberto Tartaglia, riprese e fotografia di Angelandrea Falcone. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con TAone canale 639 visibile in tutta la Campania.

VIDEO E INTERVISTE

 

 

L’Amore per la musica vincerà con i Soul Six ospiti nel Salotto di Bry

Sei voci, sei cuori, una sola passione: la musica. Giusy Visconto, Gianluca Marrazzo, Carmine Granato, Giusy Vigliotti, Susanna Giordano, Gregorio Rega rappresentano la forza di un’idea il cui nome è Soul Six. Personalità differenti, ma con la capacità di essere perfettamente in sintonia, danno vita ad un coinvolgente sound con il semplice e fenomenale uso delle corde vocali. Passione, professionalità, amicizia, ricerca ed emozioni sono gli elementi che, sapientemente miscelati, hanno prodotto una sorta di incredibile ed intensa vibrazione musicale che ha catapultato il Vocal Group verso il meritato successo nazionale ed internazionale. Il fondatore e direttore artistico del progetto musicale Gianluca Marrazzo, ospite nel Salotto di Bry, ripercorre le tappe di un’eccellente carriera presentando anche l’ultimo singolo “L’amore Vincerà”.

Il Salotto di Bry è condotto dalla giornalista Brigitte Esposito per la regia e riprese di Gerardo Roberto Tartaglia, riprese e fotografia di Angelandrea Falcone. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con TAone canale 639 visibile in tutta la Campania.

VIDEO E INTERVISTA 

Cliccare sulla foto per accedere alla PHOTOGALLERY 

“donnA Maria” libera la cultura con Vincenzo Romano, le Cuntesse e le Ebbanesis

Il Salotto di Bry, sempre attento ad offrire agli spettatori puntate di forte impronta culturale, ha fatto tappa a Pagani accendendo i riflettori sul Festival “donnA Maria, Canzoniere popolaresco, La cultura liberata” a cura dell’Associazione culturale Operando Liricamente insieme a Vincenzo Romano, cantore pellegrino e direttore artistico della kermesse. Amatissimo dal popolo paganese e non solo, Vincenzo Romano con la sua eccellente vocalità ha sempre condotto il pubblico nei ritmi energici dei canti popolari, mistici, rituali e particolarmente colti. Con originalità e semplicità rievoca, infatti, l’antico culto rurale di Madre Terra con un’assoluta ed emozionante devozione alla Madonna del Carmelo detta delle Galline. Il filo conduttore dell’evento è la cultura musicale al femminile impreziosita da talenti musicali e progetti innovativi. Una declinazione ampia e variegata di interpretazioni, direzioni musicali, ritmi, racconti e voci che hanno offerto una visione completa dell’aspetto identitario della cultura artistica e musicale contemporanea. Incredibili e magnifiche nelle loro performance Laura Paolillo, Ida Russo, Emma Vicinanza ed Elisa Flaminia Inno in arte Le Cuntesse. L’affiatato “women group” ha trasformato la passione per la tradizione popolare in una continua ricerca musicale, valorizzando la figura della donna attraverso un grintoso sound, uno spettacolare intreccio di voci polifoniche e la delicatezza della danza. In occasione del Festival ha presentato, inoltre, il nuovo lavoro discografico “Canti e Cunti del Sud”. A rendere magico l’evento altre due favolose voci in totale armonia quelle di Viviana Cangiano e Serena Pisa, le Ebbanesis. Il duo, attraverso il progetto artistico SerenVivity, ha reinterpretato l’antico patrimonio musicale partenopeo attraverso originali arrangiamenti e con la giusta dose di teatralità.

Il Salotto di Bry è condotto dalla giornalista Brigitte Esposito per la regia e riprese di Gerardo Roberto Tartaglia, riprese e fotografia di Angelandrea Falcone. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con TAone canale 639 visibile in tutta la Campania

INTERVISTE VIDEO

CLICCARE SULLA FOTO PER ACCEDERE ALLA PHOTOGALLERY

ROY PACI & PAU DEI NEGRITA “THE FREAK BROTHERS” al Dum Dum Republic il 22 aprile

Sarà un Dj Set tutto Rock ‘n Roll, Pura Vida e Love. L’arena sul mare è pronta ad infiammarsi per la festa più esclusiva e travolgente della costiera cilentana, il “Casatiello Day”, la Pasquetta cult che apre la stagione dei concerti del Dum Dum Republic, il beach club che sorge all’ombra dell’antica Paestum, pioniere nella campagna #PlasticFree per l’abolizione della plastica a salvaguardia degli oceani.

Un’ondata di musica, sano divertimento e gioia infinita con un live set che farà sognare e il ritorno dell’unico vero Capitano del Dum Dum, che con la sua tromba e la sua energia riesce a travolgere la platea, tra vibrazioni positive e il feeling esclusivo che riesce a creare con il suo pubblico:  il trombettista, musicista, cantante, producer Roy Paci, direttore artistico del Roymundo Festival, la rassegna dedicata ai suoni del mondo e alle nuove emergenze sonore che ogni estate porta al Dum Dum Republic le personalità artistiche più intense ed emblematiche dello scenario musicale globale. Con lui, on stage, un altro gigante del rock, Pau dei Negrita, reduci dalla strepitosa esperienza di Sanremo 2019. Due icone, due artisti straordinari, insieme, alla scoperta dell’originale progetto “Freak Brothers”.

“Finalmente ritorna Roymundo – esordisce Roy Paci – Dopo un paio di anni d’assenza, riparte alla grande con tutta la potenza e l’energia positiva e i suoni che hanno caratterizzato sempre questa rassegna di musica multiculturale fatta all’interno del Dum Dum Republic. Quest’anno riapriamo le danze con un DJ SET, con mio fratello PAU dei Negrita. Per cui ci vedremo tutti in spiaggia, a Pasquetta. Vi attendono tante sorprese quest’estate, io e Biancaluna abbiamo intenzione di farvi esplodere a Mojto e Rock ’n Roll”.

 “Vi aspettiamo belli potenti, con tanta voglia di ballare su suoni e ritmi diversi dal solito! Alla scoperta dei Freak Brothers”, insiste Pau attraverso  messaggi social indirizzati ai fan.

Insieme hanno realizzato una delle canzoni più belle della storia delle musica italiana, “Gioia Infinita”, inno dell’allegra repubblica indipendente sul mare.

Dum Dum è il suono del cuore che batte e ancora si emoziona. È la riva storica degli spiriti liberi, di sirene e marinai, di poeti e viaggiatori. È la poesia e la bellezza struggente del sole che tramonta a mare, lungo la linea dell’orizzonte tra cielo e terra, scenografia naturale dei concerti. Niente confini, niente barriere, ma piedi scalzi, fiori tra i capelli e il suono che si fa musica.

È il senso della meraviglia, lo stupore, il genio creativo, l’avanguardia sonora, ma soprattutto è il viaggio tra le culture e i popoli, sintetizzato nel claim  “Live, Love and Dance” che ne racchiude la poetica profonda.

“Inizia la stagione con un evento che è da sempre nei nostri  cuori. Ritorna Roy con Pau – sottolinea Biancaluna Bifulco, titolare della struttura balneare –  Per noi sarà tutto un dj set con valanghe e valanghe di rock, ce n’è bisogno. La magia del dum dum è volersi bene ed essere felici! La festa comincia, si aprono le danze. La carovana in giro per il mondo si ritrova sulla nostra spiaggia per l’inizio di una lunga estate di musica e di gioia. Sano divertimento e spirito della meraviglia. Si può vivere di fantasia, lasciandosi travolgere dallo stupore. È proprio l’allegria nella semplicità della scoperta che vogliamo trasmettere ai nostri giovani”.

 

START. L’apertura del live in spiaggia lunedì 22 aprile alle ore 16 sarà affidata ai Pu.Ba.La. Selectors, un collettivo di amanti di vinili, in una ricerca disuoni tropicali e latin, tra funk, soul, rock, highlife, afrodisco, cumbia, funanà, samba, bossa nova, forró, batucada e world music.

Dalle ore 18 protagonisti indiscussi della scena saranno  i Freak Brothers  Pau & Roy, quest’ultimo alle prese con il suo primo spettacolo teatrale“Carapace”, scritto a quattro mani con il regista Pablo Solari, che lo vede da marzo in scena come attore oltre che musicista, accompagnato dal Corleone Ensemble.

In 35 anni di carriera, Roy Paci ha realizzato e partecipato a più di 500 Album, collaborando con artisti del calibro di Manu Chao, Mike Patton, Negrita, The Ex, Vinicio Capossela, Gogol Bordello, Macaco, 99 Posse, Daniele Silvestri, Bombino, Caparezza, Hindi Zahra, Ivano Fossati, Subsonica, Piero Pelù, Marlene Kuntz, Frankie Hi-nrg, Tony Levin e tanti altri. Ha realizzato colonne sonore per cinema, tv e teatro ricevendo vari premi tra i quali il prestigioso Nastro d’Argento e una candidatura al David di Donatello. Con la sua band Aretuska, infuoca i palcoscenici europei e latinoamericani dando vita ad un suono ibrido ma personale che sposa le sue radici mediterranee con ritmi latini come samba e cumbia, così come ska, reggae, R & B e Jazz. I suoi progetti attivi sono Roy Paci & Aretuska, Banda Ionica, Corleone e Orchestra del Fuoco.

A febbraio 2019 ha duettato al Festival di Sanremo con i Negrita sul brano  “I Ragazzi Stanno Bene”, scritto e composto dalla band, che farà parte della raccolta omonima “I RAGAZZI STANNO BENE 1994-2019”, l’album che celebra i 25 anni di carriera: 33 brani che ripercorrono l’emozionante storia della formazione toscana più tre inediti: “I Ragazzi stanno bene”, “Andalusia” e “Adesso basta”: “I Ragazzi stanno bene è un rifiuto. È la non accettazione di certe storture che la società contemporanea ci regala e ci impone ogni giorno – afferma la band – Poter urlare: “Non mi va!”, diventa un fatto altamente liberatorio e alla fine, anche incoraggiante”.