Si è conclusa con successo la XXX edizione del Premio Charlot

Si è concluso da oltre una settimana la XXX edizione del Premio Charlot.

Vasto eco di stampa servizi su Rai Uno il 6 agosto con Uno Mattina e nei passati giorni hanno parlato di noi la Vita In diretta, il programma on the Road su Canale 5, senza contare i servizi del TG1 –TG3 –TG 5 e Rairadio 1. Insomma si è parlato ed a lungo di questa manifestazione ma soprattutto di Salerno e le sue bellezze. Diciotto giorni tra teatro, cinema, rassegna blues, comicità, illusionismo, musica di autore, teatro per bambini. Pienone tutte le sere, bagno di folla per noi organizzatori. Credo che questo sia il compito che debba assolvere una manifestazione sostenuta da Enti Pubblici. Qualità, livello di proposta, ricaduta sul territorio di immagine. Tutti obiettivi raggiunti con l’usuale modo di essere e di fare di questa manifestazione, in silenzio dando la parola ai fatti. Ci aspettiamo di crescere nella proposta, molte nuove iniziative bollono già in pentola il festival riparte iniziando da trenta. Ringraziamo tutti gli organi di stampa che ci hanno sostenuto, gli Enti che ci hanno dato sempre fiducia e le persone che ci seguono con grande calore ed affetto, i tanti turisti, alcuni dei quali qui a Salerno proprio per il Premio. Siamo soddisfatti ma dobbiamo fare e dare di più, come ci auguriamo faranno tutti quelli che ci sostengono a partire dagli Enti che compatibilmente con le esigenze burocratiche, dovrebbero anticipare quanto più possono la loro adesione, per dare più tempo alla organizzazione di muoversi e provare ad alzare ancora di più il tiro. Una manifestazione che compie trenta anni è certamente affidabile, corretta, professionale e credibile. Senza questi requisiti ci si ferma subito. Alla XXXI edizione noi ci saremo sempre con lo stesso piglio e con il nostro modo di essere che ascolta prima di tutto le critiche, cestina senza rispondere quelle evidentemente non costruttive, ascolta e molto il pubblico. Grazie a tutti e BUONA RISATA A TUTTI

Claudio Tortora

Il sale del talento dei finalisti del Premio Poggio Bustone a Rieti cuore piccante

31 agosto 2018, ore 21,30Rieti cuore piccante ospita sul palco di Piazza Mazzini i finalisti della quattordicesima edizione del Premio Poggio Bustone. Una grande serata di musica d’autore, condotta come oramai tradizione dal suo direttore artistico Maria Luisa Lafiandra, fra futuro e grande storia della canzone d’autore. Come consuetudine, infatti, i finalisti usciti dalle selezioni di giugno presenteranno un brano proprio ed un omaggio a Lucio Battisti, originario di Poggio Bustone, di cui quest’anno ricorre peraltro il ventennale dalla morte. Sul palco, oltre ai finalisti, salirà anche Paolo Longhi, vincitore del Premio Personalità Artistica 2017.

In giuria ci saranno: Massimo Wertmuller (attore, regista), Marco Testoni(music supervisor, compositore), Valentina Rossi (cantante, docente di musica), Argoh (cantautore, produttore discografico), Pino Balducci (esperto di Lucio Battisti), Emma Biscetti (poetessa, artista).

“Siamo scesi a valle, a Rieti. E siamo molto felici perché questa partecipazione a  Rieti cuore piccante, una manifestazione in continua crescita, è decisamente una gran bella opportunità per offrire un grande palco ai nostri artisti e per portare la musica di oggi e di ieri al grande pubblico di questa importante iniziativa.”

Ricordiamo che i sette finalisti sono frutto delle audizioni delle oltre venti proposte che sabato 23 giugno scorso si sono presentate alle audizioni presso i Forward Studios  di Grottaferrata. Sono provenienti da tutta Italia e arrivano a Rieti con tanti sogni in tasca e molta musica in gola e fra le mani.

Finalisti 2018
1 – Angelo Cicchetti – Tutto se ne va – (Matera)
2- Angelo Lazzaro Gargiulo “Un attimo di noi” (Sant’Antonio Abate – Napoli)
3- Lara Dei  “Corri” (L’Aquila)

4- Julian Ross “Piazza Mazzini” (Rieti)
5- Massimo Comencini “Sala d’aspetto” ((Torri del Benaco – Verona)
6- Matteo Gallina “Tutto esplode” (Avezzano – L’Aquila)
7- Walter Piva “Flussi d’incoscienza” (Gela)

ALBOROSIE, star internazionale del roots reggae, special LIVE DUB SET al Dum Dum Republic

Il re del roots reggae, ambasciatore della musica reggae italiana riconosciuto in ambito internazionale, primo artista bianco a vincere il “Mobo AwardsBest Reggae Act 2011”, premio dedicato alla musica black, è in arrivo al Dum Dum Republic per la sua unica data in Campania. Uno special live dub set in spiaggia, uno straordinario show alle radici del ritmo in levare, senza confini, in cartellone martedì 28 agosto 2018. Star del reggae giamaicano, un po’  calabrese, un po’ siciliano, da anni residente sulle colline di Kingston, protagonista dell’arena sul mare sarà ALBOROSIE con gli Heavy Hammer Sound.

 

Cantante, cantautore, polistrumentista, produttore, ingegnere del suono, Alborosie è un talento dinamico della scena reggae contemporanea. Un bianco che ha scalato i vertici della musica nera,un  italiano che ha scelto di vivere in Giamaica, perché “Non puoi fare certe cose se non le vivi. Vivendo qui tu non fai una cosa, la diventi”, dice.

 

Unbreakable – Alborosie meets The Wailers United ” è il suo ultimo lavoro discografico uscito lo scorso giugno. “Ho realizzato un sogno”, afferma parlando del suo nono album per l’etichetta Greensleeves, dopo l’ultima uscita “Freedom in Dub” nel 2017. “Unbreakable” trae le sue radici dalla grande storia del reggae e punta verso una visione futura della musica con l’abilità sonora che è diventata sinonimo delle produzioni di Alborosie. Un artista che continua ad espandere la sua visione creativa in un album che è considerato “uno dei suoi migliori in assoluto”.

 

Per la parte strumentale, Alborosie si è avvalso della collaborazione della formazione originale dei Wailers (Aston “Family Man” Barrett, Junior Marvin e Tyrone Downie) con la partecipazione di Aston Barrett Jr.  Conferma la tradizione del roots-rock-reggae e, pur mantenendo i suoni tradizionali del reggae, l’inclusione della rivisitazione di Alborosie del classico dei Metallica “The Unforgiven” con i Raging Fyah aggiunge un nuovo tocco all’album che affronta temi contemporanei con un tocco completamente moderno.

 

Il primo singolo, “Contradiction” feat. Chronixx è la perfetta introduzione al progetto: “La canzone trasmette un messaggio alla gente e ai giovani sulla vita quotidiana e sul clima sociale e politico in cui viviamo attualmente”, spiega Alborosie, autore della canzone e produttore. Presenti nell’album anche il grande Beres Hammond, Jah Cure e J Boog.

 

La playa del Dum Dum inizierà a vibrare dalle ore 19, trasportata dalla musica.  Il sound system diventa così arma di resistenza sonora e di diffusione culturale, immersi nello scenario naturale in riva al mare. Il reggae diventa così condivisione, vicinanza e identificazione, oltre i confini, “luogo visionario in cui realmente un altro mondo è possibile”, traducendosi in un messaggio di libertà.

 

Ad aprire le danze i maestri del dubplate in Italia, gli  Heavy Hammer Sound, conosciuti a livello internazionale per la profondità del loro  dubplate box e il modo innovativo di avvicinarsi ai sound reggae e agli spettacoli dancehall. Gli Heavy Hammer Sound fondono Dancehall, Raggamuffin, Bashment, Roots, Ska, Hip Hop. On stage Raffa, Gecky, Gigi, Kwasta, dj Lep, Boris, Lele e dj Charly, un gruppo di DJ e MC che viaggia per il mondo.

Fondata nel 1999 in una piccola città vicino  Lecce in Salento, zona calda del sud Italia identificata da  molti come “la Giamaica Italiana”, la formula nasce da quattro amici uniti dall’amore per il reggae e la cultura giamaicana, un sistema audio e alcune pazze feste da ballo davanti al mare fino alla luce del sole, che vanta collaborazioni con i più importanti artisti reggae e selector mondiali.

Premio Pascoli in Musica: Rita Zingariello e Gianluca Di Santo vincono il primo premio

Grande successo e grande proposta di qualita’ ieri sera alla prima edizione del premio musicale dedicato a Giovanni Pascoli all’interno del programma del Giardino della Poesia. La cantautrice pugliese Rita Zingariello e il cantautore di Como Gianluca Di Santo hanno vinto a pari merito ilprimo premio Pascoli in Musica nella splendida cornice di Villa Torlonia a San Mauro Pascoli, ieri sera, grazie ai voti della giuria coordinata da Giordano Sangiorgi del MEI e formata da Miro Gori, Presidente Sammauroindustria, Marcello Balestra della Fondazione Dalla, Fabio Bertozzi della Banda Amici della Musica di San Mauro Pascoli e Daniela Esposito, giornalista e ufficio stampa musicale. A Eugenio Finardi il Premio alla Carriera, a Filippo Nigro una menzione speciale.  Hanno premiato la Sindaca Luciana Garbuglia e il Presidente di Sammauroindustria Miro Gori insieme a Werther Colonna e Giordano Sangiorgi del MEI presentati da Enrico Deregibus, giornalista e conduttore della serata. Una prima edizione che ha piacevolmente stupito la Sindaca di San Mauro Pascoli Luciana Garbuglia che si  e’ complimentata coi sei finalisti  per l’inpegno profuso premiando Rita Zingariello e Gianluca Di Santo e colpita particolamente dal brano La Civetta, una poesia di Pascoli, realizzato dal cantautore palermitano VIncenzo Salamone e ha proposto di portare nell’archivio multimediale le canzoni su Pascoli ascoltate ieri sera, una cosa che sara’ realizzata certamente dal MEI, organizzatore della serata nella splendida cornice di Villa Torlonia all’interno della rassegna Il Giardino della Poesia. Saranno così presenti in un unico file presto disponibile a tutti anche le canzoni di Filippo Nigro, ospite della serata, e degli altri concorrenti Elisa Genghini, Giacomo Scudellari e Forse Giorgio. Grande entusiasmo di Sammauroindustria sponsor della serata che ha pronosticato, grazie anche alla magica presenza di E ugenio Finardi, premio alla carriera per avere scritto pagine di poesia pura da antologia per almeno tre generazioni, un proseguimento vista questa prima felice esperienza che ha visto fare il sold out di tutti i posti in platea che ha dimostrato di apprezzare con grandi applausi la proposta musicale realizzata dal MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti.

Okdoriafest 2018 chiude con un’edizione da record: il bilancio degli organizzatori

La settima edizione dell’Okdoriafest ha spopolato non solo a San Marzano sul Sarno, ma a livello nazionale e sui social.  A decretare il successo, infatti, il boom di visitatori che ha raggiunto la soglia delle centomila presenze costituita da persone di tutte le età, dalle famiglie con bambini e ragazzi, ai gruppi di amici fino ai meno giovani che si sono lasciati contagiare dal ritmo incessante prodotto nel Parco Urbano. Ma anche un’edizione condivisa a colpi di like sui social, tanto da intasarli. “Questa edizione ha davvero colpito nel segno – hanno dichiarato gli organizzatori Mimmo Esposito, Marco De Simone, Pietropaolo CoppolaUn consuntivo davvero da record e noi siamo davvero increduli e soddisfatti. Proprio per questo ringraziamo tutti coloro che hanno creduto ancora una volta nel nostro sogno e reso possibile e concreto l’evento. Un grazie al Sindaco Cosimo Annunziata e a tutta l’Amministrazione Comunale, a tutto il nostro meraviglioso staff che ha lavorato ininterrottamente, ai giovani volontari, agli standisti, agli sponsor, ai media and communication partners, Nelle sei giornate, inoltre, non si sono registrati episodi tali da richiedere l’intervento degli uomini della sicurezza o delle forze dell’ordine. Questo è motivo di orgoglio per noi e vogliamo complimentarci in primis con il pubblico corretto e poi con chi ha ci ha affiancato nelle diverse fasi. Un grazie particolare al comandante della Polizia Locale Gennaro Perulli e agli agenti da lui coordinati per la dedizione, la professionalità e la partecipazione attiva dimostrata nello svolgimento delle sei giornate. L’incolumità e la sicurezza generale da loro garantita, l’approfondimento di tutti gli aspetti possibili sia nella fase preparatoria sia in quella attuativa e la sinergia con tutte le altre forze dell’Ordine hanno dato prova di elevate capacità umane e professionali in grado di garantire il regolare svolgimento della kermesse nazionale caratterizzata dalla presenza di un numeroso pubblico cittadino e forestiero nonché il funzionamento della città. Grazie dunque di cuore al Comando dei Carabinieri, alla Protezione Civilealla Pubblica Assistenza, alla Security coordinata da Giovanni Rendina, alla Croce Rossa Italiana e ai volontari. Vi diamo appuntamento alla prossima edizione.”

 

Okdoriafest 2018: Sbirciando dietro le quinte con gli organizzatori e l’energico staff

Cosa è accaduto dietro le quinte dell’Okdoriafest 2018? Gli organizzatori Mimmo Esposito, Pietropaolo Coppola e Marco De Simone per sei giorni hanno accolto sempre col sorriso e con grande entusiasmo le tante persone accorse da ogni dove per godersi una festa davvero unica nel suo genere. I tre brillanti art directors insieme all’energica Matilde Giorgio coordinatrice dello staff e a Carmine Giordano eccellente coordinatore dell’ufficio stampa hanno raccontato le serate, la loro esperienza e i dati tecnici nell’intervista.

IL VIDEO – INTERVISTE

 

 

Okdoriafest 2018: Con Enzo Avitabile 100.000 mani ‘ncopp ‘o groove

di Brigitte Esposito

La sua voce e la sua musica sono linfa vitale, proprio come il suo avvincente tour. Enzo Avitabile ha fatto tappa all’Okdoriafest 2018 con i Bottari di Portico regalando alle 100.000 persone accorse una ventata di vita, musica, passione e straordinari messaggi di pace diretti a tutti i popoli per abbattere i confini. L’artista che ha duettato nel corso della sua meravigliosa carriera con i più grandi interpreti della world music è stato anche premiato, proprio per la sua sensibilità e per la sua innata energia, dagli organizzatori della kermesse Mimmo Esposito, Pietropaolo Coppola e Marco De Simone. Con il ritmo primitivo delle botti e con suo fratello, il sax, ha dato vita ad una coinvolgente fusione di ritmi e suoni tali da mandare in delirio il pubblico. Ha entusiasmato, infatti, alternando sul palco i suoi più grandi successi alle canzoni del suo nuovo lavoro discografico dal titolo “Pelle Differente”, il primo best of della sua carriera. Non è mancato il commovente omaggio al suo grande amico Pino Daniele a cui ha dedicato a luci spente e solo con le luci del cuore Terra Mia, defilandosi in un angolo del palco. Nell’intervista Avitabile esprime il suo parere sull’Okdoriafest, le sue emozioni e racconta del suo nuovo capolavoro.

Il Salotto di Bry è condotto da Brigitte Esposito, regia di G. Roberto Tartaglia, riprese Angelandrea Falcone e fotografia Pasquale Genco. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con Teleangri Uno canale 639 visibile in tutta la Campania

IL VIDEO E L’INTERVISTA

 

PHOTOGALLERY

Enzo Avitabile, premiato all’Okdoriafest 2018 dagli organizzatori Esposito, Coppola e De Simone

Mimmo Esposito, Marco De Simone e Pietropaolo Coppola, organizzatori di Okdoriafest – Festa della Birra 2018 tenutasi presso l’immenso Parco Urbano  di San Marzano sul Sarno, nell’ultima serata della kermesse hanno premiato la leggenda della musica partenopea ed internazionale Enzo Avitabile.  L’artista  con il suo sound e la sua inconfondibile voce partendo dalla tradizione della canzone popolare partenopea, ha dato sempre spazio e risalto a tutti coloro che vivono nelle tante periferie esistenziali del mondo. “Non è l’artista che sceglie il suo pubblico – è stato scritto sul premio – è il pubblico che sceglie il suo artista. E il «rapporto» è sempre lo stesso, che siano 10, 100 o 80.000… sono sempre un’anima sola. La grande anima umana….Non c’è eroe senza pubblico….Grazie Maestro Avitabile The King”. 

Il Salotto di Bry è condotto da Brigitte Esposito, regia di G. Roberto Tartaglia, riprese e fotografia Angelandrea Falcone e Pasquale Genco Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con Teleangri Uno canale 639 visibile in tutta la Campania

IL VIDEO

 

PHOTOGALLERY

Re Mida Gioielli di Angri con il suo magico Angel’s Day di Giannotti incanta la clientela

Re Mida Gioielli fa indossare nuovamente un’emozione con dei gioielli magici e speciali che sanno tutto di uno stato d’animo o di un sentimento esprimendolo con stile ed eleganza attraverso gli Angeli di Roberto Giannotti. Ad Angri, presso la Gioielleria Re Mida di Rosa Mauri, è stato un successo l’Angel’s Day l’esclusiva e particolare giornata in cui gioiellerie selezionate in Italia e nel mondo, grazie ad accurati allestimenti ispirati al tema serafico hanno organizzato la presentazione della nuova linea Giannotti. La Gioielleria Re Mida si è trasformata in un vero e proprio angolo di Paradiso per coinvolgere a avvolgere totalmente la clientela in un’atmosfera suggestiva. Ha proposto gioielli d’arte magistrale, monili con l’angels philosophy, il libro magico con le risposte degli angeli, e due gioielli molto speciali: “Con tutto il mio cuore” un chiama angeli con una frase incisa sulla cintura del ciondolo e con una pietra preziosa a forma di cuore all’interno dello scrigno, e “Shine” la nuova collezione scintillante in collaborazione con i cristalli Swarovski che rendono unici i chiama angeli. “Il nostro obiettivo – ha dichiarato la titolare Rosa Mauriè donare emozioni e rendere felice la clientela con gioielli raffinati e spettacolari con tagli eccellenti che esaltino al meglio la luce e i riflessi delle pietre. Ogni angelo se indossato con amore e passione racconta una storia e regala energia e fortuna. Noi cerchiamo sempre di miscelare l’eleganza e la ricercatezza con quel tocco fashion da proporre a qualsiasi tipo di clientela.” Nel video si ripercorrono i momenti salienti di una giornata davvero angelica e l’estrazione dei premi del Concorso Evviva San Giovanni, primo contest indetto in occasione dei festeggiamenti in onore del Santo Patrono della città che prevedeva una Medaglia in argento del Santo e 4 premi in gioielli.

Il Salotto di Bry è scritto e condotto da Brigitte Esposito, regia e riprese di G. Roberto Tartaglia, fotografia di Angelandrea Falcone e Roberto Tartaglia. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con Teleangri Uno canale 639 visibile in tutta la Campania.

IL VIDEO CON L’INTERVISTA

PHOTOGALLERY

Torna il Summer Music Festival l’8 settembre presso la Parrocchia Regina Pacis di Angri

Anche quest’anno torna, l’8 settembre 2018,  l’imperdibile e bryoso appuntamento con il SUMMER MUSIC FESTIVAL in occasione dei Festeggiamenti in onore della Madonna della Pace ad Angri. La kermesse, giunta alla VI^ edizione, è organizzata dalla Parrocchia Regina Pacis e fortemente voluta da Don Antonio Cuomo insieme al direttore artistico il M° Pierpaolo Petti.  Si offre ai giovani l’occasione di emergere in ambito canoro e un’occasione per entrare in contatto con professionisti del mondo della musica, dello spettacolo, della tv e della cultura. Il festival si propone, infatti, di coinvolgere adolescenti, giovani e appassionati dell’arte canora per creare momenti di scambio e di unione utilizzando il canto come mezzo di comunicazione, stimolando non solo il talento, ma anche la voglia di mettersi in gioco sul famoso palco. Tante le sorprese e le novità, ma soprattutto ospiti d’eccezione. Per partecipare rivolgersi a petti.pierpaolo@alice.it  cell. 328 2496107.

Okdoriafest 2018 ringrazia la Security e tutte le Forze dell’Ordine per la riuscita dell’evento

di Brigitte Esposito

Per Okdoriafest 2018 non c’è festa senza security! La sicurezza per gli organizzatori Mimmo Esposito, Marco De Simone e Pietropaolo Coppola è l’elemento principale, fondamentale per garantire la perfetta riuscita dell’evento. Per sei giorni professionisti qualificati hanno garantito la sicurezza delle 100.000 persone giunte da ogni dove presso il Parco Urbano di San Marzano sul Sarno operando con riservatezza, efficienza ma soprattutto allegria. Questo video per ringraziare non solo la Security per il brillante, straordinario e immane lavoro svolto, ma anche tutte le forze dell’ordine: Comando dei Carabinieri, Polizia Locale, Protezione Civile, Pubblica Assistenza, Croce Rossa Italiana e volontari.  Passione, sinergia ed impeccabile lavoro di squadra.

Il Salotto di Bry è condotto da Brigitte Esposito, regia di G. Roberto Tartaglia, riprese Angelandrea Falcone e fotografia Pasquale Genco. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con Teleangri Uno canale 639 visibile in tutta la Campania

IL VIDEO

PHOTOGALLERY

 

Marco Vezzoso, dopo il successo all’estero, pubblica “Guarda che Luna… Again”

Dopo aver conquistato consensi all’estero con il suo jazz raffinato, il trombettista jazz MARCO VEZZOSO sta già raccogliendo ottimi riscontri da parte di pubblico e critica con il nuovo album “Guarda che Luna… Again” (Davinci Edition/Egea), mentre si prepara a portare la sua musica live, con una serie di concerti in Italia e all’estero.  Il musicista ha di recente partecipato al progetto Cabu Cabucomponendo la colonna sonora originale della fiction. Cabu Cabu è un cortometraggio, prodotto da Esserci scs, che affronta con il linguaggio della commedia, un classico ostacolo nel percorso interculturale: la resistenza a incontrare l’altro, motivata dalla diffidenza, dalla paura, dall’apparente mancanza di punti in comune.

L’11 Luglio da Jakarta, partirà il nuovo tour in Indonesia e Malesia, durante il quale Marco Vezzoso proporrà i diversi aspetti della sua musica e renderà omaggio ad alcuni grandi autori e compositori del panorama musicale italiano.
Il nuovo disco “Guarda che luna… again”, uscito di recente e disponibile in digital download, sulle piattaforme di streaming e in formato cd  è, infatti, un percorso nei classici della canzone italiana che il musicista ha rivisitato in chiave personale, su richiesta della label di Osaka che lo pubblica.
La copertina è un quadro dell’artista giapponese Shinya Sakurai conosciuto in Giappone e con il quale è entrato subito in sintonia, anche per la sua originalità e spontaneità.   “Il disco è un percorso nella musica popolare italiana che vuole rendere omaggio alla melodia italiana e ad artisti come Modugno e Buscaglione. Il disco si intitola “GUARDA CHE LUNA… AGAIN” proprio per rinnovare il mio personale riconoscimento a questi grandi cantanti. – racconta Marco Vezzoso – Inoltre, durante il mio ultimo tour in Oriente il pubblico era affascinato in tutto e per tutto dalla nostra terra, così con questo album voglio onorare la nostra bella Italia”. Marco Vezzoso, che vive a Nizza dove insegna al Conservatorio e dirige l’Ensemble de Cuivre dell’Opera di Nizza, è stato in tour con successo in diverse città del Giappone, e, dopo la pubblicazione dell’ultimo album, sta già lavorando a nuovi progetti discografici. Dalla sua ricerca musicale sono scaturiti i due album precedenti: “Jazz à Porter” (Map Milano/Egea), dal quale è tratto il brano “Resta in camera bi” scelto come sigla del programma di Radio Rai 1 “Tra poco in edicola” e live “Japan Live Tour – The Osaka concert”, registrato ad Osaka nel 2015 durante la precedente tournée in Giappone (pubblicato dalla label giapponese Davinci Editions/Egea). Con tournée in varie parti del mondo – tra cui Giappone, Cambogia e Indonesia – il disco uscito in Giappone e un nuovo tour internazionale, l’artista è un esempio di eccellenza italiana che ha acquisito consensi all’estero prima che nel suo Paese.