“Pane – Storia d’amore in tempo di guerra”la rassegna di Artesudio, ATELIERspazioperformativo, al Teatro Nuovo di Salerno

Al via domenica 13 dicembre la nona edizione di ATELIERspazioperformativo, danza e teatro,  a cura di Artestudio (Loredana Mutalipassi) e Teatro Grimaldello (Antonio Grimaldi), in collaborazione con il Teatro Nuovo. La rassegna domenicale – quattro appuntamenti dal 13 gennaio a 24 marzo cui si aggiunge il seminario Horton Experience – come di consueto dedica una parte importante alla formazione di livello internazionale, ed è dedicata a danzatori, attori e studenti come spazio alternativo, ma non esclusivo, all’interno del quale approcciare o approfondire l’arte performativa legata alla riscoperta del corpo dell’attore da parte del teatro novecentesco.

ATELIERspazioperformativo inizia al Teatro Nuovo di Salerno in Via Laspro, domenica 13 dicembre con lo spettacolo dell’Osservatorio Palestina “Pane – Storia d’amore in tempo di guerra” di Luisa Guarro; a seguire domenica 24 febbraio, la compagnia DE.CO.VO. con “Caro fratello”, di Marco Ziello, coreografie di Olga Ziello. Doppio appuntamento a marzo: domenica 17 con Teatro Grimaldello con “Le porte del rigurgito” di Antonio Grimaldi; domenica 24 la compagnia Un altro teatro con “Un anno dopo” di Tony Laudadio, per la regia di A. Renzi. Nel mese di aprile, dal  17 al 20, si terrà presso il Liceo Coreutico Alfano I di Salerno il seminario internazionale Horton Experience con un team tutto americano composto da Milton Myers, Max Luna III, Caterina Rago e Massimiliano Scardacchi; maestri accompagnatori Paula Jeanine Bennet e Ruggiero Botta. La pièce “Pane” scritta e diretta da Luisa Guarro, che dà il via alla rassegna, è liberamente ispirata al racconto “Il Pane” di Samira Azzam e vede sul palco Marilia Marciello, Alessio Sica e Omar Suleiman; disegno luci Paco Summonte. E’ una storia d’amore nata durante la breve guerra di resistenza civile dei palestinesi (1947). Protagonisti una infermiera volontaria e un improvvisato soldato, impegnati in azioni necessarie, rese urgenti dal pericolo di morte, che incombe tutt’intorno e nel contempo presi, miracolosamente, dalla bellezza e delicatezza, che ciascuno riconosce nell’altro, nonostante il freddo, le esplosioni, la paura e la rabbia. La guerra separa i due innamorati e accade, un giorno, che la bella infermiera si faccia carico di portare pane ai soldati in trincea, da giorni privi di provviste. Scrive la Guarro: “Mangiare o non mangiare il pane insanguinato, con il quale ogni giorno apparecchiamo le nostre tavole? Questa domanda, dibattuta da sempre, rimanda, nel racconto originale, al concetto religioso dell’Eucarestia. Nel mio adattamento teatrale, accolgo la questione e alla risposta etico-spirituale di Samira Azzam sostituisco una risposta materiale e meccanica, nel tentativo di far assurgere ad evento sacro un fenomeno materiale, quale è la soddisfazione della fame come diritto e dovere storico politico: il dovere di ricordare, il diritto dovere di preservare la propria coscienza e la propria memoria, di non permettere alla fame di ottundere la mente, il diritto di morire con dignità umana. Samira Azzam giornalista e autrice, nata nel 1927 ad ‘Akka, nella Palestina sotto mandato degli inglesi, nel giugno del 1967, mossa dalla speranza e dall’amore, parte dal Libano, dov’era stata deportata con la sua famiglia nel ’47, e tenta di arrivare a Gerusalemme, per documentare la guerra dei 6 giorni. Lungo il difficile percorso Samira muore“.

Presentata la V edizione della rassegna teatrale “L’Essere & l’Umano” di Artenauta Teatro

Presentata presso l’Ente provinciale del Turismo di Salerno la rassegna teatrale di Artenauta Teatro L’Essere & l’Umano, giunta alla V Edizione, diretta artisticamente da Simona Tortora, in collaborazione con il Teatro Pubblico Campano, organizzata a cura di Giuseppe Citarella. La rassegna, che si terrà al Teatro Comunale Diana di Nocera Inferiore in Piazza Guerritore, prevede cinque appuntamenti in programma, tutti alle ore 21, che andranno in scena da febbraio a maggio 2019.
“Come per le edizioni precedenti, la rassegna propone, dopo un viaggio plurale tra residenze e campi di prova, tra scritture drammaturgiche e scritture sceniche, un ventaglio di spettacoli che si distinguono nel panorama nazionale delle offerte teatrali per la scelta di giocare con la diversità, nella sua accezione di arricchimento, scoperta, espansione del proprio IO e insieme intesa con l’ALTRO. In ultimo, diversità come possibilità di lanciare lo sguardo oltre la siepe. D’altronde, cosa sono i confini, se non mere condizioni mentali soggette ad una precarietà della stessa definizione? Leggi imposte che non tengono conto degli insopprimibili principi sociali? E, in verità, è solo nel confronto con l’altro che l’individuo permette ad una società di crescere sana e prospera, rigettando la piatta omologazione, figlia di un autoritarismo d’accatto. In tale orizzonte tematico il teatro può porsi come difesa, sentinella, baluardo che rigetta normalizzazione e conformismo”, afferma Simona Tortora e conclude “Ogni cosa, se illuminata, s’intreccia nella comunicazione frontale, circolare, scenica. Dove non solo la profondità dell’Essere e dell’Umano è bene evidenziata ma finanche le zone buie di tale binomio universale. Il che, per ognuno di noi, è un buon viatico verso la conquista della propria identità.”

“Per un giorno e per sempre” il singolo d’esordio di Paola Karol

Per un giorno e per sempre” è il bellissimo singolo d’esordio della bambina talento prodigio di Caltagirone, Paola Karol. La promettente undicenne che ha già calcato i palchi di Sanremo New Talent, Italia’s Got Talent e I Band, porta in scena un brano dedicato al nonno scomparso, sua guida e mentore nonché prima persona ad averle insegnato a lottare sempre per le proprie passioni. Cantare per me è come volare, – ha dichiarato Paola voglio scoprire nuovi orizzonti. Per me la musica è ossigeno e vorrei far scoprire alle mie coetanee la bellezza del coltivare una passione, il tempo è oro e bisogna viverlo fino in fondo. Il nonno italo sarà per sempre la mia guida e sarà per sempre al mio fianco». 

“Posso Darti”, il nuovo avvincente brano di Muna∞B

Posso Darti” il singolo a solista di Muna∞B il cantante-danzatore palermitano che battezza la partenza del nuovo progetto musicale.  Muna∞B, considera il suo nuovo progetto la logica evoluzione di quello che rappresentava la band Muna, da lui precedentemente fondata e scioltasi nel 2015. Dopo l’esperienza da autore e frontman della band “Muna”, Marco Bellone, ex danzatore e coordinatore artistico del corpo di ballo del Teatro Massimo di Palermo, intraprende una nuova avventura musicale con lo pseudonimo di Muna∞B. Marco Bellone, oltre ad essere un musicista, per oltre vent’anni calca centinaia di palcoscenici in Italia e all’estero come danzatore per prestigiose compagnie di balletto classico e contemporaneo e negli ultimi anni divide i suoi impegni artistici tra musica, con il progetto Muna∞B, e danza, come coordinatore artistico del corpo di ballo del Teatro Massimo di Palermo.

“Posso darti” è un brano che racconta gli stati d’animo di una coppia, intrappolata nella routine quotidiana, condannata a ritrovare l’entusiasmo per la propria relazione di notte, durante i sogni. Sogni che però si scontrano inevitabilmente con la quotidianità che risbuca al risveglio.

Miza Mayi: Stages of a growing flower è l’album d’esordio dell’artista afroitaliana

Il primo album di Myza Mayi è anche il primo da solista ed autrice. Un album poliedrico, con influenze nu soul, electro pop, electric jazz, lounge, funky. “Stages of a Growing Flower”, letteralmente “stadi di crescita di un fiore”, si presenta come un concept album autobiografico. I brani contenuti nel disco rappresentano diverse attitudini emotive e si susseguono in base ad un ideale percorso di crescita interiore: dapprima resilienza poi desiderio, coraggio, delusione, nostalgia, rabbia, speranza, amore illuminato, amore cosciente, amore universale e infine leggerezza.

Il Canestro del Cuore 1^ Memorial “Enrico De Mattia”: emozioni, sport, beneficenza e #SiVive

#SIVIVE è stato lo slogan di una meravigliosa manifestazione di affetto e solidarietà che ha visto nei tantissimi partecipanti forti emozioni e momenti di commozione. Uno slogan che ha saputo magistralmente unire sport e beneficenza in quello che sarà un importante progetto solidale della durata di un anno.   “Il Canestro del Cuore 1^ Memorial “Enrico De Mattia”, svoltosi ad Angri presso il Palagalvani, è stato organizzato con grande passione dalla Croce Rossa Italiana Comitato Locale Agro in collaborazione con l’Associazione “Rotaract Club – Zona Campania Felix e condotto da Brigitte Esposito per ricordare la vitalità, la gioia e l’entusiasmo che ha sempre contraddistinto Enrico, giovane angrese scomparso prematuramente. Entusiasmante il torneo di Basket under 15 tra l’A.S.D Primelab Angri Pallacanestro settore giovanile e la Pro Loco Scafati Basket Settore Giovanile, le importanti dimostrazioni di Primo Soccorso e “Il Canestro del Cuore” disputato tra gli amici di Enrico e la PrimeLab Angri Pallacanestro Serie C capitanata dal presidente Alfonso Campitiello. Il risultato tecnico in sé è passato in secondo piano perché tutte le energie sono state spese per un obiettivo tangibile: devolvere l’intero ricavato all’acquisto di un’ambulanza da inserire nell’organico e nelle attività della Croce Rossa che porterà per sempre impresso il nome di Enrico sulla fiancata. Un evento che si è concluso con una toccante lettera letta da Roberto Mauri, amico fraterno di Enrico, un messaggio rotto dall’emozione e ascoltato in silenzio da tutti i partecipanti e dal pubblico sulle note della sua canzone preferita e sulle immagini di tanti momenti insieme rivissuti in un unico striscione di cuori: persempre#sivive

Il Salotto di Bry è scritto e condotto da Brigitte Esposito, regia riprese e montaggio di Gerardo Roberto Tartaglia, foto Franco Esposito. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con TAone Teleangriuno canale 639 visibile in tutta la Campania.

VIDEO E INTERVISTE 

PHOTOGALLERY

Concerto per la Pace presso la Regina Pacis di Angri tra emozioni e standing ovation

Inaspettata ed emozionante standing ovation finale,  applausi scroscianti ed interminabili per i protagonisti del Concerto di Natale per la Pace ideato dalla Parrocchia Regina Pacis di Angri. Un atteso e apprezzato appuntamento d’inizio 2019 che ha coinvolto e regalato emozioni infinite al numerosissimo pubblico presente. L’evento organizzato dall’intraprendente e creativo parroco dei giovani Padre Antonio Cuomo ha visto in scena la Corale polifonica Magnificat” e l’eccellente formazione orchestrale (i M° Ilaria Maria Zarra, Raffaele Petti, Giuseppe Noto, Luca Campolongo, Arnaldo Smaldone, Antonio Trezza, Gianpaolo Fiumara, Maria Giovanna Barbato) diretti dal M° Pierpaolo Petti, il coro di voci bianche “Pueri cantores Eccomi” diretto dal Carola Vaglio e le significative coreografie dei bravissimi Giovani della Parrocchia. La voce intensa e sicura di Padre Antonio che ha guidato il pubblico nella contemplazione dell’immensa bellezza del creato, dall’Inferno al Paradiso per giungere a Dio attraverso la fede, si è sinergicamente unita alla dolce voce di Brigitte Esposito che ha condotto l’attento pubblico in un sublime viaggio musicale. Sono stati eseguiti, in tutte le lingue, i canti tra i più belli e conosciuti della tradizione natalizia internazionale con l’obiettivo di portare un messaggio di speranza e pace nei cuori di tutti. La Parrocchia Regina Pacis ha voluto, infine, concludere il concerto con una suggestiva sfilata, in abiti bianchi e fiaccole lucenti, mostrando il valore della Sacra Famiglia raccolta in Chiesa come nella grotta di Betlemme con il rassicurante sorriso del piccolissimo Jacopo tra le tenere braccia di Padre Antonio.

Natale al Castello di Lettere festeggia il successo inarrestabile e le presenze da record

Dal 10 novembre 2018 alla prima settimana di gennaio 2019 Natale al Castello di Lettere, terza edizione ricchissima di eventi e di iniziative, ha registrato un costante ed importante afflusso di pubblico diventando polo di attrazione per grandi e piccini. Bilancio positivo ed eccezionale per la città che fa ormai di questo evento un biglietto da visita di portata nazionale. La kermesse, ideata e organizzata dal vicesindaco Gerardo Vuolo insieme all’amministrazione comunale guidata da Sebastiano Giordano in perfetta sinergia con la Pro Loco, ha coinvolto migliaia di visitatori provenienti da diverse regioni con oltre cinquanta espositori che hanno deliziato con degustazioni di prodotti tipici, iniziative a scopo benefico, spettacoli, esibizioni musicali, animazioni ed effetti speciali. Il Salotto di Bry ha documentato il tutto seguendo i visitatori nelle serate magiche. Tanti i commenti sui social e gli apprezzamenti per questo evento che non sfigura di certo di fronte ai più blasonati d’Italia. “Sono molto soddisfatto dello straordinario successo dei Mercatini– ha dichiarato Gerardo Vuolo organizzatore e vicesindaco di Lettere –, soprattutto pensando allo scetticismo iniziale che accompagnò questa idea quando iniziai a lavorarci insieme ad Alfonso Del Sorbo e ad un gruppo di ragazzi che hanno profuso tante energie, pazienza e tempo in questo progetto. Come tutte le cose, si può sempre migliorare e già da domani inizieremo a lavorare alla prossima edizione per renderla ancora più interessante e per coinvolgere ancora più partecipanti. Ci tengo a ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla sua riuscita: la Pro Loco e le altre associazioni locali, la Protezione civile, i Vigili urbani. Un ringraziamento particolare va ai miei colleghi dell’amministrazione comunale e al sindaco per la fiducia che hanno riposto in me nella organizzazione e gestione di tutta la manifestazione.”

Il Salotto di Bry è scritto e condotto da Brigitte Esposito, regia riprese e montaggio di Gerardo Roberto Tartaglia, aiuto riprese Angelandrea Falcone, fotografia Pasquale Genco, riprese drone Carlo Tortora. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con TAone Teleangriuno canale 639 visibile in tutta la Campania.

VIDEO E INTERVISTE 

 

Boom di visitatori allo spettacolare Presepe Vivente della Salette a S. Antonio Abate

Con la meravigliosa comunità abatese Il Salotto di Bry ha fatto un emozionante viaggio nel tempo, in quella tradizione che unisce un paese, la storia e la vita religiosa: il Presepe Vivente della Salette a S. Antonio Abate. Un evento che vanta primati di presenze e di consensi da tutta Italia. Un’ambientazione realistica e suggestiva, un’atmosfera incantata, ricostruita fedelmente nelle scene di vita di duemila anni fa con oltre 250 figuranti, tra pastori, mercanti, lavandaie, pescivendoli, scalpellini, falegnami, fabbri, massaie, animali e un’umile grotta scaldata dal respiro di un bue e di un asinello, di una stella che guida il cammino dei Magi e dall’emozione di Giuseppe e Maria che contemplano il figlio Gesù. Un’undicesima edizione di successo ideata e curata magistralmente dal Comitato del Presepe Vivente, nato nel 2008 grazie alla creatività, allo spirito d’iniziativa e all’energia del vicesindaco di S. Antonio Abate Antonio Criscuolo, da Augusto Veniero e Antonio Staiano. Un plauso per aver coinvolto con passione i cittadini ognuno dei quali, con le proprie professionalità, ha dato un fattivo e importante contributo. I visitatori hanno potuto, infatti, intrufolarsi nelle capanne, tra gli artigiani che hanno riproposto la vita della piccola Betlemme con gli antichi mestieri per evitare che il tempo potesse cancellare le tradizioni e le umili origini contadine, ma soprattutto per far assaporare un cammino appassionante, spirituale e artistico. Presenti ed emozionati Mons. Francesco Alfano Arcivescovo di Sorrento – Castellammare di Stabia, Fra Filippo Rizzo Direttore Centro Educativo “Bartolo Longo” di Pompei, Alfonso Longobardi Consigliere Regionale della Campania, Antonio Varone sindaco S. Antonio Abate, Sebastiano Giordano sindaco di Lettere e il Cav. Vincenzo Staiano titolare Pizzeria O’ Zi Aniello di Gragnano e pizzaiolo di Papa Francesco.

Il Salotto di Bry è scritto e condotto da Brigitte Esposito, regia riprese e montaggio di Gerardo Roberto Tartaglia, aiuto riprese Angelandrea Falcone, fotografia Pasquale Genco, riprese drone Carlo Tortora. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con TAone Teleangriuno canale 639 visibile in tutta la Campania

VIDEO

PHOTOGALLERY 

Il Salotto di Bry alla scoperta dei Mercatini di Natale e del paniere enogastronomico di Tramonti

Allegria, musiche, atmosfere, suggestive decorazioni e tante eccellenti bontà hanno dato vita al gustoso percorso de “I Mercatini di Natale e il paniere enogastronomico di Tramonti”. Il Salotto di Bry è andato alla scoperta di un appuntamento divenuto imperdibile per gli amanti della creatività e dell’artigianato provenienti da tutta la regione. Gli standisti presenti all’evento, organizzato dal Comune di Tramonti grazie all’entusiasmo dell’assessore Assunta Siani e alla straordinaria energia e creatività dell’event planner Carolina Di Martino, hanno esposto presso la Casa del Gusto prodotti biologici del territorio a chilometro zero oltre ad oggettistica e addobbi legati ai temi natalizi insieme a tante originali idee regalo. Tramonti, cuore pulsante della Costa d’Amalfi, offre da sempre una gastronomia che esercita fascino e curiosità, grazie ai suoi prodotti di qualità: vini, insaccati, dolci, olii e prelibatezze di ogni genere.
Il Salotto di Bry è scritto e condotto da Brigitte Esposito, regia riprese e montaggio di Gerardo Roberto Tartaglia, aiuto riprese Angelandrea Falcone, fotografia Pasquale Genco, riprese drone Carlo Tortora. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con TAone Teleangriuno canale 639 visibile in tutta la Campania.

VIDEO E INTERVISTE 

CLICCARE SULLA FOTO PER VISIONARE LA PHOTOGALLERY 

Sanremo Giovani: I Deschema conquistano Sanremo e partono in tour mondiale

Siamo estremamente increduli del risultato ottenuto. Quando a fine agosto abbiamo deciso di provare Area Sanremo non ci aspettavamo  che andasse a finire così. Calcare un palco così importante è stata  un’emozione indescrivibile. Riguardo il podio che dire? Siamo arrivati  secondi al televoto, con il 18% dei voti, tour mondiale che ci vedrà  come ambasciatori della musica italiana su tutti e 5 i continenti.  Ringraziamo di cuore tutti coloro che hanno creduto in noi” così hanno dichiarato i Deschema per esprimere tutta la loro soddisfazione per l’incredibile risultato raggiunto.Nella prima serata di Sanremo Giovani, rispettando l’origine del loro nome che li vuole “Deschema” ossia “fuori dagli schemi”, con il brano “Cristallo” hanno sorpreso tutti e si sono classificati tra i primi 3 artisti, a fianco della favorita della vigilia Federica Abbate, dietro soltanto al vincitore Einar. Per il gruppo toscano, proveniente da Area Sanremo Tim (evento organizzato dalla Fondazione Orchestra Sinfonica di Sanremo in collaborazione con Anteros Produzioni) è stato un vero e proprio successo che gli permetterà di realizzare un tour mondiale in primavera, il “Sanremo Giovani World Tour”, promosso da MAECI (Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale), in collaborazione con RAI / Festival di Sanremo. Il tour toccherà i 5 continenti, con concerti a Tunisi, Tokio, Sydney, Buenos Aires, Toronto, Barcellona e Bruxelles. Il brano “Cristallo” parla di quei momenti in cui ci sentiamo più  fragili e vulnerabili. Spesso il mondo di oggi ci impone di nascondere,  dietro le apparenze, la parte più sensibile di noi, quella che magari  sta soffrendo e che in un attimo può frantumarsi in mille pezzi. La canzone è stata scritta con l’intento e la speranza che possa essere utile a chi ha bisogno di ritrovare la fiducia in se stesso e la determinazione per rialzarsi e andare avanti.

Il menu della vigilia nel Salotto di Bry con lo chef Luigi Arpaia, La Panoramica, l’Azienda Agricola Ruocco e il Birrificio Aeffe

Il 2018 sta per terminare, fervono i preparativi per gli attesissimi cenoni, gli ospiti sono pronti per prendere posto a tavola…ma ecco la fatidica domanda: cosa cucinare per tante persone? Uno Chef nel Salotto di Bry non vi abbandona e vi propone una puntata davvero succulenta con idee e spunti per i menù della Vigilia di Natale e Capodanno. Nella famosa cucina televisiva di Bry ci sono Luigi Arpaia e Rita Donnarumma, rispettivamente chef e titolare dell’incantevole Ristorante Pizzeria La Panoramica a Sant’Antonio Abate; Gaetano Ruocco titolare dell’omonima e rinomata Azienda Agricola di Lettere e l’originalissimo Birrificio Aeffe di Nocera Inferiore. Luigi Arpaia, creativo e determinato chef nazionale apprezzato in tutta Italia per la sua cucina innovativa, e Rita Donnarumma, eccellente imprenditrice e titolare de Il Ristorante Pizzeria La Panoramica, presentano il loro avvincente concetto gastronomico con brillante tecnica e personalità stilistica. Prodotti di qualità e a km zero per un menu di mare, avvolgente e profumato, caratterizzato da giochi di colori e sapori da deliziare gustosamente i palati. La Panoramica, situata a pochi passi dal famoso e storico Castello di Lettere abbracciato dai Monti Lattari, offre la magia e l’incanto di un contesto naturale unico al mondo reso ancor più speciale dai profumi e dai colori della natura circostante a cui si aggiungono la cucina, i sapori inconfondibili, i vini e i prodotti della terra. Gaetano Ruocco, titolare dell’omonima e rinomata Azienda Agricola a carattere familiare, presenta la genuinità dell’olio, del pomodoro e del vino, la qualità delle materie prime, i metodi di lavorazione e la grande passione per la coltivazione della terra. Non c’è poi cenone che non si concluda con la classica carrellata di dolci natalizi e il Salotto di Bry stupisce con i colori  e i sapori delle immancabili birre artigianali del Birrificio Aeffe prodotte con materie prime selezionate secondo ricette innovative e rispettose della tradizione.

Uno Chef nel Salotto di Bry è scritto e condotto da Brigitte Esposito, regia e riprese di Gerardo Roberto Tartaglia, aiuto riprese Angelandrea Falcone. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con TAone Teleangriuno canale 639 visibile in tutta la Campania.

VIDEO 

 

PHOTOGALLERY