Giffoni Teatro: Al via l’edizione 2017 tra prosa e comicità

Millenovecento novantasette, duemila diciassette. Giffoni ed il teatro festeggiano le nozze di cristallo: un amore della città con la finzione scenica lungo 20 anni. È lo straordinario traguardo che taglia quest’anno Giffoni Teatro, l’evento organizzato e promosso dall’associazione omonima presieduta da Mimma Cafaro. Quella alle porte è la ventesima estate di prosa e comicità al Giardino degli Aranci, un palco sul quale si sono alternati tantissimi artisti, i più rappresentativi del teatro italiano, i grandi comici e gli emergenti che da lì hanno spiccato il volo.
Per celebrare tutti loro il Giardino si prepara ad accogliere nuovi protagonisti. Dieci le date fissate dall’associazione che non senza difficoltà e sempre con il sostegno del Comune di Giffoni Valle Piana, ancora una volta, scommette sul teatro, nella convinzione che resti sempre la pillola di cultura più innovativa di cui la platea possa beneficiare, una serata conviviale da trascorrere al fresco di un aranceto che ha scritto la storia del teatro nella valle picentina.
Si comincia giovedì 3 agosto con Francesco Cicchella, protagonista di “Millevoci”, uno show comico -musicale nel quale l’artista, versatile e poliedrico, mostra le sue doti di cantante ed intrattenitore. Sul palco, oltre allo showman, Vincenzo De Honestis (storica spalla di Cicchella in tutti i suoi spettacoli ed in molte delle sue apparizioni televisive), ed una band di sei elementi capitanata dal maestro Paco Ruggiero. Il titolo, che strizza l’occhio al celebre varietà televisivo degli anni ’70, è uno stratagemma per far vivere i suoi cavalli di battaglia: Massimo Ranieri, Michael Bublé, Gigi D’Alessio.
Si prosegue lunedì 7 con Pasquale Palma in “Dottor Futuro”, brillante commedia che vede la partecipazione di Gennaro Scarpato, Oreste e Mirko Ciccariello, meglio conosciuti come i “Malinconici”, trio prodigio del cabaret napoletano. Palma, che quest’anno ha lasciato Made in Sud per intraprendere un percorso artistico diverso, vanta già la partecipazione a film che hanno sbancato al box office in Italia, su tutti “Si accettano miracoli” di Alessandro Siani.
In cartellone anche una parentesi di teatro classico in cui campeggerà il genio e la creatività di Sofocle. Accadrà mercoledì 9 con Antonio Salines e Barbara Bovoli in “L’Antigone”, una nuova traduzione del testo dell’autore, integrale in tutte le sue parti, nel quale si inseriscono anche due brani tratti dall’Edipo a Colono dello stesso Sofocle. Uno spettacolo tutto da ammirare, in cui la pregevole e chiara traduzione di Roberto Lerici riesce a fondere magistralmente lirismo ed epicità che la regia di Livio Galassi asseconda.
Teatro sì ma napoletano venerdì 11 agosto. Sul palco la Compagnia Tandem in “Ce penza mammà”, la commedia intelligente scritta a quattro mani dai fratelli Di Maio, pronta a far ridere e sorridere lo spettatore con una trama articolata dove non si riesce a fare a meno di affezionarsi ai personaggi. Il riso si mescola con il pianto, emozioni in scena che saziano l’anima.
Mercoledì 16 agosto momenti di puro sagaci battute cabarettistiche con la Compagnia Fuori dalle Quinte in “E a mme, me danno a’ pensione – ovvero Tonino Cardamone giovane in pensione”, una farsa che attinge dalla vita reale. La comicità irriverente di Caiazzo è l’elemento principale di questa commedia, rappresentata magistralmente dalla compagnia teatrale battipagliese che conta nel suo organico ottimi e giovani interpreti che coinvolgeranno il pubblico in un vortice d’ilarità.
Appuntamento con il TeatroRagazzi domenica 20: in scena 23 giovani di AssoTeatro in “Alice nel paese delle meraviglie” per la regia di Vito Cesaro. Una messa in scena spettacolare, che va oltre il musical, in cui il regista tiene conto dei trucchi, delle scene, e delle musiche originali del film di Tim Burton con una contaminazione anni ’70 e l’originale inserimento delle canzoni degli Abba.
Il giorno successivo, lunedì 21, l’appuntamento è con Debora Caprioglio in “Callas d’incanto”. L’attrice sarà Bruna, la fedele governante della “divina”, al suo servizio per oltre 20 anni e quindi memoria storica di una grande donna e di una grande artista. L’opera, scritta e diretta da Roberto D’Alessandro, si pone quasi come un romanzo attraverso il quale è possibile ripercorrere la storia della Callas, la sua vita, il suo privato.
Mercoledì 23 si ride con la Compagnia Giffoni Teatro in “Tre pecore viziose”, testo di Eduardo Scarpetta riadattato da Giacomo D’Agostino e Rosario Muro che ne cura anche la regia. Divisa in due atti la trama ci regala intrecci amorosi ed equivoci, commedia dell’arte e humor napoletano.
Giovedì 24 tocca a Claudia Balsamo in “Frida Kahlo Viva la Vida”. Lo spettacolo, che sarà accompagnato dalla mostra fotografica “Dentro la vita di Frida Kahlo”, i momenti migliori e peggiori di una esistenza intensa e travagliata, ripercorre la vita di questa artista prodigiosa, fragile, indomita, rivoluzionaria. Lei, donna minuta, appassionata e sofferente che amava la vita e si augurava di uscirne “gioiosa e di non tornare mai più”, rivive in questo monologo colorato, sensuale e sorprendente così come i suoi quadri.
Ultimo appuntamento venerdì 25 agosto con i fratelli Gianfranco e Massimiliano Gallo due partenopei divenuti ormai nomi di spicco delle produzioni televisive, cinematografiche e teatrali, in “Sette vizi napoletani”, uno spettacolo di teatro canzone in cui si raccontano i vizi del popolo al quale entrambi appartengono in modo viscerale. Autore della commedia è Gianfranco Gallo, che ha già scritto oltre 20 spettacoli teatrali ed è stato interprete di fortunate soap opera (veste i panni di Rocco Giordano in “Un posto al sole”) e di diverse pellicole che hanno ottenuto successo a livello nazionale tra cui “Fortapasc” e il più recente “Indivisibili”. Non è da meno il percorso artistico del fratello Massimiliano che ha collaborato al cinema, tra gli altri, con Edoardo De Angelis, Ferzan Ozpetek e Vincenzo Salemme, recitando inoltre in serie tv come “Il clan dei camorristi”, “I bastardi di Pizzofalcone” e “The Young Pope” di Paolo Sorrentino.

Kit Harington re del GFF 2017: la star di Game of Thrones premiata con il Giffoni Experience Award

di Benedetta Ferrara – photographer Alessandra Scarpa

L’inverno è arrivato… a Giffoni e con Jon Snow in persona. Il suo interprete Kit Harington, protagonista assoluto della serie dei record Il trono di spade, si è divertito ad incontrare il pubblico e i giovani giurati del Festival rispondendo al loro entusiasmo con altrettanto slancio: a chi gli diceva un emozionato “I love you”, con voce tremante rispondeva subito con la stessa frase o si batteva il pugno all’altezza del cuore salutando poi con la mano e sorridendo timidamente. E quando una ragazza dal Qatar gli ha citato la frase cult di Ygritte ‘You know nothing, Jon Snow’ è scoppiato a ridere. Non sono mancati neppure i momenti di silenzi emozionati, tra cori da stadio e poster con foto che lo ritraggono in versione bionda-Daenerys (tratti dai suoi finti provini corredati di parrucca e andati in onda durante una puntata del talk show di Jimmy Kimmel). E una giurata australiana gli ha portato i saluti della mamma, a suo dire una delle più grandi fan de Il trono di spade al mondo. Prima d’iniziare la chiacchierata con il pubblico, l’attore britannico ha fatto una richiesta, prendendola in prestito da una scritta di un cartellone in sala: “Niente spoiler sulla stagione sette”. Le nuove puntate, in onda in contemporanea anche in Italia su Sky Atlantic HD, stanno macinando record su record, con oltre 16 milioni di spettatori totali in America per l’esordio del nuovo ciclo di episodi, il più visto nella storia del canale HBO per una premiere (tra i titoli battuti anche cult come I Soprano e Sex and the city). Davanti a queste cifre Harington continua a sorridere sornione e carico di orgoglio, anche se c’è stato davvero un momento in cui ha temuto che la sua avventura seriale fosse arrivata al capolinea: “Ho letto il copione della stagione cinque che si concludeva con una frase del genere, ‘Jon Snow muore con i suoi ricciolini neri’. Ho cercato di reagire senza andare nel panico, aspettando una mail ufficiale di licenziamento dalla produzione. È passata la prima settimana, poi la seconda, poi la terza senza che nulla accadesse, finché i creatori mi hanno convocati. Ho pensato: ‘Ecco, ora o mi danno il benservito o mi dicono che in qualche modo Jon risorge’. E per fortuna l’ipotesi giusta era la seconda, ma mi hanno imposto una totale riservatezza perché solo in quattro sapevamo l’evoluzione della storia. Ho fatto un salto enorme e ho esclamato. ‘Yeah!’. Che sollievo!”.

In italiano ha imparato solo ‘ciao’ e ‘grazie’ ma gli si legge in faccia una gratitudine immensa: “Mi chiedono sempre come sia cambiata la mia vita con la fama – aggiunge – ma io non mi aspettavo niente del genere, speravo di diventare attore, non di trasformarmi in celebrity, una parola che per inciso non mi fa impazzire. Dopo tutto la fama non è legata a me personalmente ma alla serie Il trono di spade. Nella mia carriera potrei non trovare mai un progetto di questo spessore e non potrei essere più riconoscente di averlo fatto, anche se dovesse dire rimanere intrappolato nei panni di Jon Snow per sempre. Dopo nove anni insieme, lui fa parte di me e credo resterà sempre così”.

Blindatissimo sulle anticipazioni di trama, l’attore si è però concesso un desiderio sugli sviluppi sicuri di trama e ad un ragazzo che gli ha chiesto chi vedrebbe bene seduto sul famoso trono di spade ha risposto senza esitazione: “Secondo me se lo merita Tyrion”. E se lo dice lui…

“Peace of HeART” Grande successo per la Rassegna d’Arte, visitabile gratuitamente presso l’Università popolare di Sarno

Arte e Creatività. Colori e forme. Emozioni e riflessioni. Tutto questo e tanto altro nel mix vincente che rende la Rassegna d’Arte “Peace of heART” un evento da non perdere.

Ingresso libero da lunedì 17.07.2017 (dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 15 alle 18) a sabato 22.07.2017 (dalle ore 10 alle 13) presso la splendida Sede dell’Università popolare sita a Sarno (SA) in Via Abignente.

Il Presidente dell’Istituto, Dott. Nicola Troisi, ha inteso aprire le porte del Polo formativo ad una serie di appuntamenti squisitamente culturali che riescano a parlare al cuore dei cittadini; dunque, un fitto calendario di manifestazioni, in programma anche dal mese di Settembre fino a Natale.

 “Peace of heART” è un’iniziativa targata MediaVox: titolo emblematico, un gioco di parole, per un Progetto che è riuscito ad unire nella stessa Collettiva d’Arte ben 22 Artisti provenienti da tutta Italia.

Marina Ripa di Meana e Antonio Monda a Positano per “Mare, Sole e Cultura”

Martedì 18 luglio appuntamento con la rassegna letteraria “Positano Mare, Sole e Cultura” sulla terrazza dell’Hotel Le Agavi a Positano (via G. Marconi, 127) alle ore 21 con Marina Ripa di Meana, autrice di “Colazione al Grand Hotel” (Mondadori) e Antonio Monda, direttore artistico del Festival del Cinema di Roma e autore de “L’evidenza delle cose non viste” (Mondadori) che indagheranno l’amore e i suoi universi delineando il ritratto di un’epoca irripetibile e di un ambiente tra mondanità e cultura. «Verso la metà degli anni Settanta mi sistemai per alcuni mesi al Grand Hotel. Fu un periodo come fuori dal tempo. Non avevo una lira in tasca, ma vivevo come una miliardaria, viziata e coccolata. Per alleviare quella specie di clausura di lusso invitavo spesso a colazione due amici, Alberto Moravia e Goffredo Parise. Erano i miei dioscuri, i miei cavalieri del cielo, Castore e Polluce, miei complici di avventure, miei paladini e più tardi anche miei testimoni di nozze.» Marina Ripa di Meana scrive una nuova, inedita puntata della sua vita raccontando l’amicizia con due grandi della nostra letteratura, Alberto Moravia e Goffredo Parise. Un’amicizia lunga trent’anni, in cui l’insolito terzetto si frequentava quotidianamente nei luoghi canonici della dolce vita romana, come il Grand Hotel e il bar Rosati a piazza del Popolo, e si scambiava pettegolezzi, racconti e confidenze. Ne emerge il ritratto di un’epoca irripetibile e di un ambiente, tra mondanità e cultura. Un’epoca irripetibile come quella raccontata da Antonio Monda che con “L’evidenza delle cose non viste” aggiunge un tassello al suo grande progetto di raccontare New York in dieci romanzi, assumendo l’inattesa prospettiva di una donna innamorata, costretta a vivere, nell’invisibilità e in solitudine, una passione più forte della vita. È il 1986. A New York il benessere non è più un sogno ma una realtà alla portata di tutti, e Audrey è appena arrivata in città dall’Olanda, dopo un breve periodo passato a Chicago. È giovane, affascinante, e ha la distinta sensazione di trovarsi nel cuore del mondo. L’eccitazione dell’arrivo a Manhattan diventa incontenibile quando Audrey trova lavoro presso lo studio legale Barron: Warren, il titolare, è il più importante avvocato di New York, e tra i suoi clienti ci sono i finanzieri, i politici e le star più in vista d’America e di ogni parte del mondo. È un uomo di grande successo, rispettato, invidiato, per la vita professionale e per la solidità del rapporto con la moglie Beth, elegante e bellissima: un matrimonio talmente saldo da essere definito, da tutti, “la casa sulla roccia”. Eppure tra Audrey e Warren qualcosa succede. Finché un giorno Warren invita Audrey a seguirlo a Las Vegas, per chiudere un affare e assistere al match di pugilato tra il campione in carica e Mike Tyson, un giovane pugile tanto brutale da sembrare imbattibile. Dopo l’incontro, passano la loro prima notte insieme. Una notte che segna l’inizio di una relazione clandestina, tanto impossibile quanto irrinunciabile. 

Da Los Angeles a Parigi nuovo trionfo per il compositore napoletano Stefano Gargiulo

Dopo aver trionfato ai L.A. Music Awards nel 2014 come Best Instrumental Album of the Year per il suo album Netherworld, il compositore napoletano Stefano Gargiulo riceve un nuovo riconoscimento a livello europeo. Recentemente ha ritirato il premio come Best Score al Paris Art & Movie Award 2017 per la colonna sonora del film The Loot – Il Malloppo, diretto da Claudio Cirri (della CLAM) e patrocinato dal Comune di Scandicci. Un lavoro totalmente autoprodotto di cui Cirri ha scritto soggetto e sceneggiatura, occupandosi per la maggiore anche della post produzione, montaggio, affiancato da Paolo Matassini, effetti speciali in fase di ultimazione e color correction. Il film è stato girato tra Firenze e Scandicci e racconta la storia di due amici che scappano con un sostanzioso gruzzolo di soldi, il bottino appunto, e sono inseguiti da un gruppo di uomini.

Gargiulo ha ottenuto il premio a Parigi in ex aequo con il compositore spagnolo, che ha musicato il film Evo, e la giuria ha apprezzato la sua capacità di realizzare una composizione originale che allo stesso tempo prende spunto dalle influenze del Maestro Ennio Morricone.

Per lo stesso lavoro, ha ricevuto nel 2016 altri tre importanti riconoscimenti a livello internazionale: al Chandler International Film Festival come Best Music Score Feature, a Hollywood International Moving Pictures Film Festival come Music Score ed infine a LA Short Award sempre come Best Score.

Per Stefano Gargiulo sono conferme importanti che lo stimolano a proseguire il suo lavoro di compositore per Film, Videogames e Spot TV, oltre che a portare avanti il progetto per un nuovo album. Attualmente sta collaborando con Creative Capers, uno studio di animazione video di Los Angeles.

Il polistrumentista partenopeo ha un legame molto forte con la sua città e, nonostante stia partecipando a molti progetti a Los Angeles, continua a vivere e a lavorare a distanza da Napoli.

Musicista Compositore e Polistrumentalista Stefano Gargiulo studia Armonia e Composizione con il M° Keith Goodman. Collabora con produzioni per Film, Videogames, Spot TV, in Italia e Los Angeles. Esperto nell’ utilizzo di Software Musicali, come Logic X, Finale, StaffPad, e Sistemi Operativi, iOS e Windows.

Rosanna Lambertucci, Gianluca Mech e Paolo Crepet a Positano per “Mare, Sole e Cultura”

Giovedì 13 luglio appuntamento con la rassegna letteraria “Positano Mare, Sole e Cultura” sulla terrazza dell’Hotel Le Agavi a Positano (via G. Marconi, 127) alle ore 21 con Rosanna Lambertucci, autrice de “La dieta per vivere 100 anni” (Mondadori) Paolo Crepet, autore de “Il coraggio” (Anteprima – Mondadori) e Gianluca Mech che indagheranno gli “Universi del benessere”.  Vivere a lungo non è sufficiente, ma soprattutto è importante vivere bene e in salute, attivando un circolo virtuoso capace di generare un atteggiamento positivo nei confronti dell’esistenza. Perché anche la salute dell’anima può fare la differenza in un percorso verso l’eterna giovinezza.
 
“La vita media si sta notevolmente allungando. Alcuni esperti ipotizzano, addirittura, che l’aspettativa di vita dell’uomo possa arrivare a 110-120 anni. Ma chi ci credeva fino a qualche tempo fa? Oggi è una realtà: abbiamo degli ultracentenari che hanno dimostrato che questo è possibile – spiega Rosanna Lambertucci – Lo confesso: non dico che voglio diventare proprio un’ultracentenaria, ma di arrivare a cent’anni me lo auguro, e voglio mettercela tutta per farlo!”

XIX Irnofestival dal 12 luglio 5 spettacoli all’Arena del Mare

La XIX edizione dell’Irnofestival, strutturata su cinque spettacoli/concerti si svolgerà all’Arena del Mare di Salerno dal 12 luglio al 1 settembre  2017. Diretto artisticamente dal M° Tiziano Citro l’appuntamento, fisso e tradizionale nel panorama della musica colta salernitana, richiama centinaia di spettatori provenienti dalla Campania e dalle regioni del centro-sud Italia.

12 luglio, ore 21 – Apertura con concerto prestigioso. Il Giovanni Amato quartet,  gruppo già noto  nel panorama europeo della musica jazz , ospita il giovane e famoso Francesco Cafiso che, col suo sax, farà vibrare le corde più profonde di tutti gli appassionati  amanti del jazz d’autore raffinato e suadente.

28 agosto, ore 21 – Edoardo Siravo sarà la voce recitante della fiaba musicale “Pierino e il lupo” di S.Prokofiev mentre  il pianista Lucio Grimaldi eseguirà , per la prima volta a Salerno, il concerto n.1 per pianoforte e orchestra di S.Rachmaninov  accompagnati dalla grande orchestra sinfonica russa “Tchaikovski” diretta da Leonardo Quadrini.

29 agosto, ore 21 –  Renata Fusco, artista salernitana, sarà protagonista di un viaggio nella canzone d’autore dal 1800 ai giorni nostri:All of Me… Melodie celebri dal musical al jazz  dalla canzone napoletana al mondo disneyano con Giuseppe Di Colandrea – sax e clarinetti, Filippo D’Allio – chitarre, Mimmo Napolitano – pianoforteLuigi Sigillo – basso e contrabbasso; Gianluca Mirra – batteria.

30  agosto, ore 21 –  spettacolo di grande qualità:  Carmina Burana Cantiones Profanae di Carl Orff  con  la grande orchestra sinfonica “ Tchaikowski”  della Repubblica di Udmurtia  ed il coro lirico di Craiova e Brasov  diretti dal M° Nicolai Rogotnev.

1 settembre, ore 21 –  Rappresentazione dell’opera Rigoletto di Giuseppe Verdi, melodramma in tre atti: la più complessa ed affascinante opera del maestro di Busseto. Un cast di voci importanti sarà accompagnato dall’orchestra della Repubblica di Udmurtia diretta, questa volta, dal M° Massimo Testa. Coro lirico di Craiova e Brasov diretto dal M° Florian Zamfir con regia di Antonio De Lucia. Scene di Giuseppe Grassom costumi della sartoria Shangrillà di Foggia.  

Successo ad Rodaviva per “Notte in Bianco”: Letizia Vicidomini racconta l’anima noir dei suoi avvincenti personaggi

Andrea Martino e Viola Carraturo, i due protagonisti principali di Notte in Bianco l’ultimo capolavoro noir della brillante ed originale scrittrice Letizia Vicidomini, sembravano essere seduti in carne ed ossa e comodamente tra il pubblico durante la presentazione del romanzo presso il Rodaviva di Cava de’ Tirreni. Un descrizione realistica ed efficace attraverso letture e giochi di parole. Ad interloquire bryosamente con la scrittrice ed il pubblico la giornalista Brigitte Esposito, conduttrice del format tv “Il Salotto di Bry” in onda su www.360gradiwebtv.it con il magico accompagnamento musicale di un grande bassista Angelo Colanieri che ha trasformato le sue fantastiche note in poesia. Straordinaria ed eccellente l’accoglienza e l’ospitalità di Sandra Ruggiero, titolare del Rodaviva il caffè-libreria punto di riferimento di noti ed importanti artisti. Aperitivi, musica soft, scaffali di libri di ogni genere ed un appuntamento culturale di livello con il noir hanno fatto anche questa volta del Rodaviva un luogo d’incontro e d’ispirazione. In un’atmosfera unica, rilassante e suggestiva Letizia Vicidomini, leggendo alcune pagine del suo romanzo e rispondendo a tutte le minuziose domande poste da Brigitte, ha evidenziato dettagli visivi, olfattivi e uditivi molto specifici che hanno reso ancora più affascinante la sua “Notte in Bianco” edito da Homo Scrivens. Una trama che conquista sin dalle prime righe, uno stile profondamente personale che scava nelle ambiguità umane, nelle contraddizioni di quelle verità celate dietro l’apparenza dei protagonisti sono state magistralmente miscelate all’ottimo esempio di scrittura introspettiva, psicologica e imprevedibile. In uno spazio dove l’arte abbraccia la creatività l’artista è diventato spettatore e lo spettatore ha vestito i panni dell’artista. “Un libro è passaporto per un viaggio – ha dichiarato l’autrice Letizia Vicidomini Da lettrice ne faccio tanti e torno ogni volta carica di emozioni. Avere il privilegio, da scrittrice, di condurre altri a viaggiare è esaltante e mi da’ una carica immensa. Capita, poi, che certe serate, con alcune persone e in determinati luoghi siano viaggi speciali. Come stasera, con te. Grazie di tutto, Brigitte, questa presentazione la porterò nel cuore per sempre.” Un successo festeggiato, al termine del reading, con una gustosissima torta realizzata da Rosanna Tarallo che per l’occasione ha trascorso anche lei una Notte in Bianco.

Amalfi: Entra nel vivo il cartellone estivo tra grandi nomi ed eventi raffinati

Entra nel vivo ad Amalfi il cartellone estivo, che si inaugura domani sera (4 luglio) in Piazza Duomo con Peppe Servillo & Solis String Quartet. “Presentimento” è il titolo dell’evento, organizzato da Napoli Teatro Festival Italia, in programma a partire dalle ore 21. Sono circa 50 gli appuntamenti, per adulti e bambini, in programma fino al 24 settembre tra musica, arte, cultura e momenti ludici. Grande interesse anche quest’anno desta la raffinata rassegna “Amalfi in Jazz” che, per una felice intuizione dell’assessora alla Cultura Enza Cobalto, si svolgerà come sempre in Piazza Duomo. In scaletta quattro imperdibili appuntamenti, che propongono anche stavolta un incrocio di stili e di culture musicali, con un prestigioso ventaglio di nomi celebri del panorama jazzistico. Completamente gratuiti, gli appuntamenti musicali, in programma tutti i sabati di luglio (7, 14, 21 e 28) si svolgeranno ai piedi della spettacolare scalinata del Duomo con inizio alle 22.

Qui, si esibiranno formazioni jazzistiche tra cui figurano nomi di spicco a livello internazionale nel panorama musicale di genere. Si inizia venerdì 7 luglio con Rosàlia De Souza 6tet che aprirà insieme con Antonio De Luise, Sandro Deidda, Angelo Carpentieri, Aldo Vigorito e Dario Congedo. La terza edizione della fortunata rassegna proseguirà poi il 14 luglio con Antonio Onorato Trio (con Onorato ci saranno Eddy Palermo e l’amalfitana Francesca Fusco) e il 21 luglio con Marco Zurzolo e il Jazz Quartet formato da Gigi De Rienzo, Carlo Fimiani, Vittorio Riva, Francesca Zurzolo. Ultimo appuntamento venerdì 28 luglio con Gegé Telesforo in Soundz for Children – United Musicians for UNICEF Tour 2017. Insieme col cantante e polistrumentista foggiano saliranno sul palco Alfonso Deidda, Seby Burgio, Joseph Bassi e Dario Panza.

Il cartellone proseguirà il 1° agosto (ore19) nella piazzetta di Lone con un suggestivo Concerto al Tramonto(l’evento è in collaborazione con con la Società Concerti Sorrento) che vedrà protagonista l’Arpec Ensemble.Venerdì 4 agosto all’Arsenale della Repubblica (21) l’Orchestra Sinfonietta Fukuoka porta in scena Opera Tango Passione Italiana. L’iniziativa rientra nel progetto internazionale “Città in Concerto 2017 – 2020” ed è realizzata in collaborazione con l’Accademia Internazionale della Musica S. Ludovico da Casoria.

Il 7 agosto a partire dalle ore 21 il Musical a cura dell’Associazione Sipario di Luce e dal titolo Amalfi 839 ADsi sposta nella frazione di Tovere, per approdare poi il 10 a Pogerola. Il 12 agosto Tovere ospiterà la XXI edizione della Sagra della Patata. Il 7 agosto alle 21.30 in Piazza Duomo sarà la volta del Soul Six Vocal Group mentre domenica 13 con inizio alle 21.15, sempre in Piazza Duomo Gran Concerto di Ferragosto con l’Orchestra Sinfonica di Salerno “Claudio Abbado”Mercoledì 16 agosto (ore 21) in Piazza Don G. Amodio a Pogerola, «Signori, attenti alle donne!» spettacolo musicale di Luciano Capurro e la Compagnia del Salone Margherita.

Il 17 e 18 agosto approda (ore 21) all’Arsenale della Repubblica «Il Baciamano», spettacolo teatrale di Manlio Santanelli per la regia di Giovanni Esposito. A portarlo in scena, dopo il successo dei mesi scorsi, saranno Susy Del Giudice e Giulio Cancelli.

Sabato 19 e domenica 20 agosto a Pogerola (ore 21) ritorna l’appuntamento annuale con la Sagra della Zucca e della Zucchina, XXI edizione. Ad Amalfi, in piazza Duomo, invece, Concerto dell’Accademia Mandolinistica Napoletana. L’evento in programma domenica 20 agosto alle ore 21 vedrà la partecipazione straordinaria di Lello Giulivo, già voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare.

Giovedì 24 agosto in Piazza Municipio con inizio alle ore 21.30 Amalfi Summer Fest – In concerto La Maschera e Venerdì 1 settembre il Capodanno Bizantino con l’investitura del magister di civiltà amalfitana e una serie di eventi collaterali. Lunedì 4 settembre all’Arsenale della Repubblica (ore 21) serata di grande jazz con Fabrizio Bosso e Alessandro Florio Trio. Sabato 9 settembre in Piazza Duomo (ore 21), Nick The Nightflyin Concerto e sabato 24 settembre, a Vettica, Espedito De Marino in Concerto con un omaggio a Totò e Luigi Tenco.

La programmazione estiva riserverà ampio spazio anche agli eventi per i bambini, organizzati in sinergia con la consigliera delegata alle politiche per l’infanzia Francesca Gargano. Tra i tanti eventi, oltre a quelli ludici affidati a compagnie di animazione, spiccano tre eventi che puntano a far scoprire ai più piccini le tradizioni di Amalfi. Si parte domani 4 luglio con il Pizza Party realizzato presso la pizzeria Donna Stella dove i bambini potranno sbizzarrirsi a impastare le loro pizze e si proseguirà il 9 luglio con un’escursione nella spettacolare riserva della Valle delle Ferriere. Gli appuntamenti alla scoperta delle tradizioni si concluderanno con ilLemon Tour nell’azienda agricola della famiglia Aceto.

«Il cartellone che sta entrando nel vivo è molto variegato e presenta punte di eccellenza internazionali, con le quali riaffermiamo l’unicità di Amalfi e la sua naturale identità di città della cultura e dell’accoglienza», spiega il sindaco Daniele Milano.

«Quello che proponiamo ha un appeal internazionale che ha già regalato e ancora regalerà momenti unici in alcuni dei luoghi più suggestivi della città – aggiunge l’assessora alla Cultura Enza Cobalto – e al contempo risponde ai desiderata degli amalfitani con eventi come quelli dedicati ai più piccoli»

Giffoni Film Festival 2017: il 6 luglio sarà presentata la 47ᵃ edizione

La conferenza stampa di presentazione della 47ᵃ edizione del Giffoni Film Festival (14 – 22 luglio 2017) si terrà giovedì 6 luglio, alle ore 11, presso la Casa del Cinema di Roma (Villa Borghese, Largo Mastroianni 1).

Dopo i saluti del Direttore Generale per il Cinema del MiBACT Nicola Borrelli, del presidente del Giffoni Experience Piero Rinaldi e del sindaco di Giffoni Valle Piana Antonio Giuliano, sarà il direttore Claudio Gubitosi ad illustrare il programma del Giffoni 2017. Le conclusioni saranno affidate al Presidente della Regione Campania on. Vincenzo De Luca. 

Letizia Vicidomini presenta il romanzo “Notte in Bianco” al Rodaviva di Cava de’ Tirreni

Venerdi 7 luglio, alle 19.00,  appuntamento da non perdere con l’originale e coinvolgente scrittrice Letizia Vicidomini che presenta, presso il delizioso Rodaviva di Cava de’ Tirreni amatissimo dagli artisti, il suo ultimo ed avvincente libro “NOTTE IN BIANCO” ed. Homo Scrivens. Ad introdurre e interloquire con l’autrice, la giornalista Brigitte Esposito che per l’occasione trasferisce al Rodaviva il suo “Salotto di Bry“, programma di successo di 360gradiwebtv. Ad accompagnare e dare il ritmo al reading ci sarà il basso di Angelo Colanieri. L’opera racconta la storia di Andrea Martino, “il Commissario buono”, in pensione da un anno con tutta l’intenzione di godersela tra i nipoti e le sue amate piante. Un giorno di primavera viene chiamato dal suo vice, promosso a capo della squadra: hanno trovato una donna anziana con la testa fracassata, all’interno del suo esercizio di Sali e Tabacchi. Un condominio intero nasconde la storia della tabaccaia, ma il Commissario si lascia catturare dalla vicenda, per dare alla vittima giustizia e pace. Ma chi era davvero quella donna? Scopritelo non solo leggendo ma anche attraverso gli indizi della presentazione.

Dal 30 giugno al 1 luglio al Castel dell’Ovo i “Pionieri della rete”, le menti geniali del web

Le menti più geniali che hanno fatto il passato e faranno il futuro della Rete si incontrano a Napoli dal 30 giugno al 1 luglio al Castel dell’Ovo. “Pionieri della Rete” sarà l’occasione di conoscere chi ha fatto la storia del web in Italia e tutte le novità nel mondo dell’innovazione digitale con alcuni dei principali attori dell’ecosistema delle startup. L’evento, organizzato da AssoProvider in collaborazione con NaStartup, Sindacato Unitario Giornalisti della Campania e PandAnt, sarà anche l’occasione per premiare le menti che hanno creato la Rete come la conosciamo oggi. Pionieri della Rete darà anche spazio al divertimento e ai premi. Con l’iniziativa “porta un vecchio oggetto tech”, si potrà fare un tuffo nel passato e vincere premi importanti. “Pionieri della rete” verrà presentato lunedì 26 giugno alle ore 11 presso il Sindacato Unitario Giornalisti della Campania in Vico Santa Maria a Cappella Vecchia 8/B a Napoli alla presenza di Marcello Cama, consigliere AssoProvider; Antonio Aprea, socio Assoprovider; Antonio Prigiobbo, founder NaStartup; Claudio Silvestri, segretario SUGC; Giancarlo Donadio, founder Pandant.