Dialoghi Pompeiani: l’Arte, il Tempo, le Opere. Il Gran Galà di Archeologia e Arte a Pompei

Sensi, linguaggi creativi, laboratorio di design, attività culturali e promozione turistica, conclude il bilancio di quest’ultimo, intenso, anno di attività, con l’incontro di archeologia e arte “Dialoghi Pompeiani – L’arte, il tempo e le opere”, che si terrà venerdì 10 marzo (ore 18,30), nella sala convegni della Casa del Pellegrino a Pompei.

L’evento ha come tema centrale Pompei che, come affermò Chateaubriand, è “il più meraviglioso museo della terra”. “Una, cento, mille Pompei”, fonte di ispirazione e modello per artisti come Picasso, Le Corbusier, Arturo Martini, Giorgio De Chirico e tantissimi altri. “Anche Ludwig I di Baviera, nel 1840 nel castello di Aschaffenburg desiderò un Pompeianum tutto per sé, mentre l’Imperatrice Elisabetta d’Austria nel suo Achilleion a Corfù fuse citazioni del mondo greco con altre dell’universo Pompeiano”.

Pompei è stata ed è capace di dialogare, da città viva qual è, con il mondo contemporaneo. Tra gli ospiti di questa serata, interverranno: per la sezione archeologia Umberto Pappalardo, archeologo e presidente del Centro Studi Internazionale Pompeiano (Cisp) e Antonio Varone, storico, già direttore degli Scavi di Pompei; per l’Arte, Franco Cipriano, artista, critico dell’arte e direttore artistico di “Dialoghi Pompeiani”; per la sezione architettura e design, Claudio Gambardella, docente di Disegno Industriale presso l’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, presidente dell’associazione “I Love Pompei” e ideatore del Museo Temporaneo d’Impresa a Pompei; per il cinema, Adrian Maben, regista di “Pink Floyd at Pompeii” e di numerosi cortometraggi d’Arte.

Ad inizio serata, dalle 18,30 alle 19,00, il Maestro Gennaro Carotenuto, direttore artistico dell’Accademia del Balletto Classico di Pompei, presenterà “Picasso e la danza”. L’artista spagnolo, in visita a Napoli e Pompei nel 1917 (cent’anni fa), disegnò la scenografie e i costumi per il Balletto Russo di Djagilev tra cui “Parade”, prendendo ispirazione dai vicoli napoletani, da Pulcinella e dall’arte presepiale. A Pompei, assieme allo scrittore Cocteau e al ballerino e coreografo Massine, rimase folgorato dagli affreschi che lo spinsero verso il neo-classicismo.

Condurranno la serata Marina De Honestis e Lucio Esposito. Infine, allieterà l’evento l’Associazione “Convivium – Pompei Food Excellence”.

Storia e storie della Paganese. Novanta anni di emozioni. Il 13 marzo la presentazione del libro

Lunedì 13 marzo, alle ore 18, presso l’Auditorium S. Alfonso Maria de’ Liguori a Pagani  si terrà la  presentazione del libro “Storia e storie della Paganese. Novanta anni di emozioni” a cura di Nino Ruggiero, Peppe Nocera e Barbara Ruggiero. Una storia raccontata dai protagonisti attraverso ricordi, aneddoti e testimonianze che non possono andare perdute e che devono costituire un pilastro per l’identità di una città  che da sempre si emoziona e vive per i colori azzurrostel

Amore SottoSopra reading teatrale e musicale a Cava dei Tirreni

Domenica 26 febbraio, a Cava ‘de Tirreni presso il Rodaviva, si terrà un fantastico  reading teatrale e musicale del libro di Poesie “Amore SottoSopra” scritto da Maria Cristina Orga e da Gino Oliviero e interpretato dagli autori stessi … con l’accompagnamento musicale di GianMArco Volpe e Martina Mollo.
Seguirà il primo concerto ufficiale del duo Gianmarco Volpe e Martina Mollo, voce, fisarmonica e synth che con un repertorio di canzoni napoletane riarrangiate e standard jazz continueranno a far poesia….
Due frontespizi, due versi di lettura, due autori, due voci poetiche, due sensibilità opposte ma affini cantano i tanti volti dell’amore e lo raccontano con immediatezza e sensibilità poetica che nulla cede mai alla retorica del verso né mai strizza l’occhio al lettore per carpirne la benevolenza indulgendo alla rima facile e ad immagini scontate.
34 poesie scritte da lui. 34 scritte da lei. Una chiamata cantata, un viaggio nel sentimento più complesso compiuto attraverso gli occhi di una donna e quelli di un uomo, una lettura sottosopra, in cui il punto di vista si ribalta continuamente, in un raffinato gioco di luci e di ombre mai scontato, ricco di cambi di tono e registri diversi. Ironia e canto danzano insieme sul ritmo incalzante del battito di due cuori che, dopo tanto cercarsi per poi perdersi ancora, s’incontrano nella poesia numero 69, un sorprendete finale scritto a quattro mani che si ripete nei due versi di lettura e approda infine e finalmente all’amore cui non dire basta.
E i due poeti diventano Uno.

“AMORESOTTOSOPRA LIVE” è la performance ideata e interpretata da Maria Cristina Orga e Gino Oliviero, un atto unico della durata di circa 45 minuti, uno spettacolo in versi che porta sulla scena il paso double proposto nel libro e conquista anche il pubblico meno avvezzo a “sentire” in versi e a leggere poesia.

Scrivere di Cibo dal 23 al 26 marzo presso Città della Scienza

Quanto e come si scrive di cibo oggi? È una delle domande alla base di Scrivere di Cibo, in programma dal 23 al 26 marzo 2017 a Città della Scienza, organizzato e promosso da Gnam Village.

La manifestazione – prima rassegna libraria con mercato e cucina annessa – è dedicata alla scrittura sulla Dieta Mediterranea, sulle culture del cibo e sulla giusta relazione tra alimentazione e salute.
Scrivere di cibo è un viaggio nella storia dell’alimentazione, nella gastronomia e nel rapporto tra cucina e salute, nell’agricoltura e nelle opere di prosa e poesia che riguardano il cibo.

L’evento vuole essere un grande laboratorio di scrittura nel quale, con uno specifico percorso didattico, gli studenti di scuole e università saranno coinvolti in un’esperienza culturale e creativa assieme a giornalisti, storici, chef e scrittori. Previsti numerosi incontri con gli autori: decine gli appuntamenti in calendario con scrittori che presenteranno le loro opere e si cimenteranno ai fornelli.

Scrivere di cibo sarà anche il momento per conoscere da vicino il cibo, protagonista della narrazione: prendendo spunto dalle opere presentate nel corso della rassegna, ci sarà un Mercato dei produttori che conterrà uno spazio dedicato ai legumi a cura di Slow Food Campania, un’area dedicata allo street food e laboratori di cucina. Particolare attenzione sarà riservata alla cultura enogastronomica nella letteratura gialla, con il percorso Giallo nel piatto e agli editori campani con la presentazione di volumi sulla storia e sulla realtà di una delle capitali mondiali del gusto e della cultura agroalimentare.

Tutte le fasce d’età – dagli adulti ai bambini – saranno coinvolte negli eventi: ai più piccoli, a cui è dedicata la sezione Kid Food (organizzata in collaborazione con l’Associazione “Per Bimbi” – progetto “Campania per Bimbi” e con “La città dei bambini e delle bambine di San Giorgio a Cremano), con laboratori e la presenza di numerose librerie per ragazzi.

Gli istituti alberghieri del territorio, con Cosa bolle in pentola, delizieranno i palati dei presenti e, per concludere il percorso, ogni pomeriggio sarà animato da una Tavola rotonda dedicata al “Giallo nel Piatto”, uno spettacolo teatrale e una cena-spettacolo dedicata al rapporto tra cibo e letteratura. Verrà data, infine, particolare attenzione alla sensibilizzazione verso l’uso sapiente del sale nell’alimentazione con la Salt Awareness Week 2017 promossa dalla Società Italiana di Nutrizione Umana; alla valorizzazione del pesce azzurro e dei frutti di mare, con approfondimenti sulla storia e sulle proprietà nutrizionali.

Scrivere di Cibo è Patrocinato dalla Regione Campania, dal Comune di Napoli e dall’Ufficio Scolastico Regionale della Campania ed è realizzato in partnership con Napolinoir, Ritratti di Territorio, “La città dei Bambini e delle Bambine” di San Giorgio a Cremano, Slow Food Campania, la Società Italiana di Nutrizione Umana, Arte&Scienza, Campania per Bimbi, Oltre il Giardino e Le piazze del Sapere.

Nel Salotto di Bry ospiti i Sei personaggi in cerca di Totore e l’attore Gennaro Silvestro

Nel Salotto di Bry, condotto da Brigitte Esposito, non può mancare l’avvincente angolo lettura dedicato a recensioni di libri, anteprime letterarie, trame, incontri con scrittori e consigli di lettura. In questa puntata un coinvolgente reading insieme a Ritratti di Territorio, curato dalla giornalista Nunzia Gargano e patrocinato dal Comune di Pagani. Una ricerca particolare di sei personaggi con un solo interrogativo: Dov’è finito Totore? Ospiti Pino Imperatore, autore insieme a Francesca Gerla dell’opera comica in sette capovolgimenti “Sei personaggi in cerca di Tatore” Edizione Homo Scrivens, e il poliedrico attore Gennaro Silvestro reduce dal grande successo della fiction in onda su Rai Uno “I bastardi di Pizzofalcone”.

Il Salotto di Bry è condotto da Brigitte Esposito, regia di G. Roberto Tartaglia, riprese e fotografia Angelandrea Falcone, account manager Carolina Di Martino, produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con Teleangri Uno (Taone) canale 639 visibile in tutta la Campania. 

Ham Radio Show: in mostra a Pompei il meglio dell’informatica e dell’elettronica

Per tutti gli appassionati di tecnologia c’è un appuntamento da non perdere a Pompei. Sabato 25 e domenica 26 febbraio, nell’area espositiva di via Plinio (di fronte alla pineta degli Scavi), si svolgerà la XV edizione di “Ham Radio Show, la mostra-mercato del Radioamatore, dell’Elettronica e dell’Informatica”.

L’elemento centrale dell’evento fieristico è rappresentato, come sempre, dall’esposizione degli ultimi ritrovati tecnologici: computer, smartphone, tablet, tv, stampanti 3D, home theater, digitale terrestre e satellitare, foto-videocamere, droni e tutti gli accessori connessi a questi moderni dispositivi, il tutto a prezzi interessanti. Ham Radio Show rappresenta anche una buona occasione per chi è caccia di affari e vuole puntare all’usato di qualità.

Da visitare è anche la sezione “vintage” di Ham Radio Show, che consente di ammirare dei veri “gioielli” del passato e di riscoprire la tecnologia che ha fatto parte della nostra vita quotidiana solo fino a qualche decennio fa (radio d’epoca, giradischi, telefoni a disco, ecc.).

La mostra-mercato è promossa e organizzata dall’Associazione Radioamatori Italiani (Ari) di Pompei. Pertanto è presente un’apposita sezione che raccoglie tutto ciò che riguarda gli appassionati di radiocomunicazioni amatoriali: apparecchiature per telecomunicazioni, radio rice-trasmittenti e tanto altro.

La mostra torna a Pompei proprio nell’anno in cui la locale sezione Ari festeggia trent’anni di attività. Nata nel giugno del 1987 con lo di scopo di riunire e rappresentare i radioamatori di Pompei e dell’area vesuviana, essa svolge attività di studio, di sperimentazione, educative e sociali connesse al servizio di radioamatore. Tra gli obiettivi c’è anche la promozione dell’utilità sociale dei radioamatori, mediante lo sviluppo delle attività di telecomunicazione a supporto della Protezione Civile e della tutela del territorio in generale.

Ritratti di Territorio e “Sei personaggi in cerca di Totore” il 24 febbraio a Pagani

Dov’è finito Totore? Questo l’interrogativo a cui cercano di rispondere i “Sei personaggi in cerca di Totore”, il libro scritto a quattro mani da Francesca Gerla e Pino Imperatore per le Edizioni Homo Scrivens.

Proveremo a trovare la risposta alla domanda venerdì 24 febbraio. Alle ore 19, gli autori presenteranno l’ “opera comica in sette capovolgimenti”, come recita il sottotitolo, nella “Sala Fusco” dell’Auditorium “Sant’Alfonso Maria De Liguori” in Pagani. L’evento, organizzato da “Ritratti di Territorio”, gode del patrocinio del Comune di Pagani. Farà gli onori di casa il sindaco Salvatore Bottone. L’evento sarà coordinato dalla giornalista Nunzia Gargano.

L’attore Gennaro Silvestro (reduce dal successo della fiction “I bastardi di Pizzofalcone” nei panni dell’assistente capo Francesco Romano) sarà la voce narrante dei sei personaggi “Tutti smaniosi di avermi a portata di mano. Non per abbracciarmi o baciarmi o chiedermi come sto, ma per abboffarmi di mazzate”, come spiega Totore in prima persona.

Totore è un ventenne vivace ed esuberante. Vive nel quartiere di Marianella, nella periferia nord di Napoli. È fidanzato con Rosaria, una bella ragazza del suo quartiere.

Una sera Totore ha appuntamento con la fidanzata, che gli ha comunicato il desiderio di fare un giro romantico sulla penisola sorrentina. Totore non ha un’auto a disposizione, per cui chiede al suo amico Cosimino di prendere in prestito la macchina del padre, una 500 nuova di zecca. Cosimino prova a dirgli di no, ma Totore insiste e lo convince promettendogli che Rosaria porterà con sé una sua amica “bona”.

Cosimino prende di nascosto la macchina del padre. Totore si mette al volante, e Cosimino per non litigare non oppone resistenza.

Con Totore (fresco di patente) alla guida, i due amici giungono sul luogo dell’appuntamento: l’incrocio di Marianella dove c’è la statua di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori. Qui ci sono ad attenderli Rosaria e la sua amica Luisa, una ragazza tutt’altro che “bona”.

Proprio in quel momento si trova a passare di lì Carolina, la mamma di Totore.

Davanti all’auto viaggia uno scooter con a bordo Luciano, un ex scippatore del quartiere, e Aristide, un ex professore di Totore.

Con una brusca sterzata e un’accelerata, Totore dirige l’auto verso lo scooter, lo urta e fa cascare Luciano e Aristide, che si procurano gravi danni. Poi perde il controllo della vettura e va a sbattere contro dei bidoni per i rifiuti, il cui contenuto si rovescia addosso a Rosaria e a Luisa. Con un effetto carambola, l’auto si schianta contro il basamento che regge la statua di Sant’Alfonso. Il violento urto provoca due conseguenze: Cosimino batte la testa contro il parabrezza e perde i sensi; il bastone pastorale retto da Sant’Alfonso si stacca dalla statua e precipita sul tetto dell’auto, danneggiandola ulteriormente.

La mamma di Totore si sente male.

Frastornato, Totore esce dalla vettura e scappa.

Cosimino, Rosaria, Carolina, Luciano e Aristide finiscono all’ospedale…

Sabato 18 al Marte di Cava dei Tirreni la presentazione della mostra su Picasso

Dopo il successo della mostra Joan Miró e i surrealisti, che ha riscosso l’interesse di circa 12.000 visitatori, il Marte – Mediateca Arte Eventi – di Cava de’ Tirreni propone per il 2017 un nuovo grande evento espositivo dal titolo “Pablo Picasso e altri viaggiatori, storie naturali e viaggi spirituali”.

L’itinerario, in programma dal 19 febbraio al 18 giugno, esporrà quarantanove opere di Picasso, tra incisioni, litografie e ceramiche. A queste ultime si collegano altre sessanta opere di importanti artisti “viaggiatori” approdati sulle coste salernitane. A corredo un cartellone di eventi collaterali con spettacoli a tema .Intervengono: l’amministratore del Marte Alfonso Baldi, il responsabile del progetto Rosario Memoli e il curatore della mostra Marco Alfano.

Il Maestro Peppe Vessicchio presenta il suo libro insieme a Rudy Zerbi

Euroma2 Music Talent Show, la lunga kermesse dedicata alla musica continua a riservare sorprese per il pubblico di Euroma2, con eventi letterari che vedranno la presenza di ospiti d’eccezione. Da non perdere, l’incontro con il Maestro Peppe Vessicchio, che saluterà il pubblico di Euroma2 per presentare il suo libro in compagnia del popolare conduttore radio-televisivo Rudy Zerbi. Altro importante appuntamento, la presentazione della biografia su Luigi Tenco, a cura di Michele Piacentini, un tributo a cinquant’anni dalla scomparsa di uno dei simboli della musica italiana.

Il weekend di incontri letterari si apre sabato 18 febbraio, alle ore 17.00 con Michele Piacentini e la sua appassionante biografia del grandissimo cantautore Luigi Tenco (edizioni Imprimatur). “Conoscere la storia di Luigi Tenco e la sua avventura a Sanremo – racconta Piacentini – significa conoscere la storia della musica italiana e suggerire ai giovani musicisti il miglior modo per inseguire le proprie passioni“.
Domenica 19 febbraio, alle ore 18.00, sarà la volta di un altro grande protagonista della musica italiana: il Maestro Peppe Vessicchio presenta il suo libro “La musica fa crescere i pomodori. Il suono, le piante e Mozart: la mia vita in ascolto dell’armonia naturale” (edito da Rizzoli). L’opera, nata dalle conversazioni del Maestro con Angelo Carotenuto, è un saggio pop autobiografico ricco, profondo e divertente sul talento, sulla passione e la capacità di trasferirla, sulla cura e sugli effetti straordinari dell’armonia nelle nostre vite. All’incontro sarà presente Rudy Zerbi, conduttore televisivo e radiofonico tra i volti più amati della televisione italiana. Giudice rigoroso e attento dei talent show più seguiti, nella sua lunga carriera ha scoperto numerosi talenti musicali.

Gli appuntamenti si terranno entrambi in Galleria, presso il Caffè Roma; i libri potranno essere acquistati nella libreria Arion Gruppo Feltrinelli di Euroma2, dove gli autori saranno a disposizione del pubblico per firmare le copie.

Prosegue, intanto, Euroma2 Music Talent Show, il grande contest musicale rivolto ad artisti emergenti che, dal 4 al 19 febbraio, vede alternarsi sui 5 palchi tantissimi cantanti, band e scuole di musica. Gli otto finalisti, decretati attraverso il gradimento dei video autoprodotti pubblicati sul canale Youtube dell’evento, parteciperanno alla giornata di premiazione del 28 febbraio

A Nocera Inferiore al via la V^ edizione dell’iniziativa “Dona con amore”

Anche Nocera Inferiore “Dona con Amore”.

L’appuntamento è per Sabato 18 Febbraio 2017 dalle ore 8:15 alle ore 12:00 presso il Centro Immuno-Trasfusionale dell’Ospedale “Umberto I” di Nocera Inferiore.

L’obiettivo dell’iniziativa sociale è sensibilizzare la comunità a promuovere gesti gratuiti d’amore e di solidarietà quali l’effettuazione della donazione di sangue, soprattutto in questo periodo, vista “emergenza sangue” (crescente domanda di sangue) in cui si trovano gli Ospedali dell’intera provincia salernitana.

Perché donare sangue volontariamente, gratuitamente, anonimamente e con costanza, permette di alimentare un enorme patrimonio collettivo da cui ciascuno può attingere nel momento della necessità.

Perché donare sangue rappresenta un gesto importante verso gli altri ed anche verso se stessi.

Perché donare sangue non è un gesto di solidarietà comune ma è il gesto di solidarietà atto a sostenere i bisogni di salute dei cittadini favorendo il raggiungimento dell’autosufficienza di sangue e dei suoi derivati.

La manifestazione “Dona con Amore”, che a livello provinciale è giunta alla sua Ve edizione ed è promossa dall’Associazione “Donation Italia” di Salerno, a Nocera Inferiore è organizzata, per la prima volta, dal “Forum dei Giovani della Città di Nocera Inferiore” e dall’ “Associazione Volontari Italiani Sangue Comunale di Nocera Inferiore” e gode del patrocinio morale del Comune di Nocera Inferiore.

Gli altri punti di raccolta dislocati sul territorio provinciale:

Sabato 18 Febbraio 2017, dalle ore 08.00 alle ore 12.00 :

SALERNO: Unità di Raccolta presso il SIT Azienda Ospedaliera Universitaria (Località S.Leonardo);

CALABRITTO (Avellino): Unità di Raccolta Mobile in Piazza Giacomo Matteotti;

NOCERA INFERIORE: Unità di Raccolta presso Ospedale Umberto I;

Domenica 19 Febbraio 2017, dalle ore 08.00 alle ore 12.00 :

BATTIPAGLIA: Unità di Raccolta presso il CT Ospedale S. Maria della Speranza;

EBOLI: Unità di Raccolta presso Ospedale Maria Ss. Addolorata;

PAGANI: Unità di Raccolta Mobile in Piazza S. Alfonso;

ROCCADASPIDE: Unità di Raccolta presso Ospedale Civile;

SARNO: Unità di Raccolta Mobile presso in via Sarno/Striano uscita autostrada A30

SABATO 18 E DOMENICA 19 FEBBRAIO 2017, DALLE ORE 08.00 ALLE ORE 12.00:

SAPRI: Unità di Raccolta presso Ospedale dell’Immacolata;

VALLO DELLA LUCANIA: Unità di Raccolta presso CT Ospedale San Luca.

  • Età: compresa tra i 18 anni e i 60 anni (per candidarsi a diventare donatori di sangue intero), 65 anni (età massima per proseguire l’attività di donazione per i donatori periodici), con deroghe a giudizio del medico;

  • Peso: più di 50 kg;

  • Pulsazioni e Pressione arteriosa: comprese tra 50-100 battiti/minuto (anche con frequenza inferiore per chi partica attività sportive), tra 110-180 mm di mercurio (sistolica o massima), tra 60-100 mm di mercurio (diastolica o minima);

  • Stato di salute: buono;

  • Stile di vita: nessun comportamento a rischio;

È doveroso autoescludersi per chi abbia nella storia personale:

  • Assunzione di droghe;

  • Alcolismo;

  • Rapporti sessuali ad alto rischio di trasmissione di malattie infettive;

  • Epatite o ittero;

  • Malattie veneree;

  • Positività per il test della sifilide (TPHA o VDRL);

  • Positività per il test AIDS (anti-HIV1);

  • Positività per il test dell’epatite B (HBsAg);

  • Positività per il test dell’epatite C (anti-HCV);

  • Rapporti sessuali con persone nelle condizioni incluse nell’elenco.

  • Prelievo: Il mattino del prelievo è preferibile essere a digiuno o aver fatto una colazione leggera a base di frutta fresca o spremute, thè o caffè poco zuccherati, pane non condito o altri carboidrati semplici. Le donne che hanno in corso la terapia anticoncezionale non devono sospenderne l’assunzione quotidiana.

Ad ogni prelievo il donatore viene sottoposto ad un’accurata visita medica e ad una serie di esami di laboratorio necessari per verificare il suo stato di salute.

Il prelievo di sangue intero è assolutamente innocuo per il donatore e ha una durata di circa 5-8 minuti. Il volume massimo di sangue prelevato, stabilito per legge, è uguale a 450 centimetri cubici +/- 10%.

  • Dopo il prelievo: Ai lavoratori dipendenti che cedono il proprio sangue gratuitamente è riconosciuto il diritto ad una giornata di riposo retribuita. [Fonti di riferimento: Circolare del 5 febbraio 1981 n. 134367 A.G.O., in applicazione della Legge del 13 luglio 1967, n. 584; Legge del 21 ottobre 2005, n. 219; Decreto 18 novembre 2015].

  • Intervallo di tempo tra una donazione e l’altra:

L’intervallo minimo tra una donazione di sangue intero e l’altra è di 90 giorni.

Di norma, quindi, gli uomini possono donare sangue intero 4 volte l’anno, mentre le donne 2 volte l’anno. Le donne non possono donare sangue durante il ciclo mestruale o la gravidanza, e per un anno dopo il parto.

San Valentino al Rodaviva: Dal troppo amore all’amore solidale, reading, concerto e cena con il cuore

Martedi 14 febbraio alle ore 20.00 San Valentino Noir al Rodaviva a Cava ‘de Tirreni: “I Delitti della Gelosia, Reading Musicale dell’antologia di racconti noir edita da Atmosphere e curata da Piera Carlomagno“La gelosia è un rodimento dell’anima che può ispirare un tango, una lirica o un tagliente racconto noir” Se la passione incrocia il dolore, diventa pericolosa e l’amore si trasforma in una storia noir. Il libro “esce in corrispondenza della festa di San Valentino e racconta di amori complicati, molesti e disperati. Dodici gli autori che hanno declinato il tema in maniera originale e aperta, uomini e donne di età diverse e con differenti approcci al mondo della scrittura. Presenta il libro il giornalista Gabriele Boiano, che dialogherà con le autrici Piera Carlomagno, Tina Cacciaglia Brunella Caputo. Si racconterà il lato oscuro del troppo Amore …in musica e parole.  La narrazione musicale è affidata al duo Areacustica. Non mancheranno i Cuori … quelli di stoffa realizzati dagli utenti della Fondazione della Monica impegnata nel promuovere attività creative per anziani e persone affette da disagi mentali . Abbiamo coltivato per voi l’albero dei Cuori di Stoffa…che non si infrangono …. A chi coglie un Cuore solidale da donare alla persona che più ama verrà offerto un piccolo omaggio… Dalle 21.30 concerto live degli Areacustica  e Cena: Igor Di Martino e Rossella Carrieri sono due giovani musicisti che collaborano da molti anni con grande sintonia, coltivando idee musicali in comune e creando nei loro Live un’atmosfera magica, quasi incantata. Ciò che li accomuna è proprio il modo di comunicare attraverso la musica, intimo e dolce. Il loro ultimo lavoro che presenteranno a fine serata si intitola “Tower of Joy” contiene pezzi inediti e cover riarrangiate.

Agro: Successo per lo Swap Party tra donne, il gioco ecosostenibile con poche regole

Lo swap party, letteralmente la festa dello scambio, fino a poco tempo fa, era un perfetto sconosciuto da noi. Era inglese. Era americano. Pure italiano, ma era “roba” del nord, al massimo del centro Italia. Poi sono arrivate loro, le angresi Ida e Barbara Frascogna, titolari del negozio Re-used ‘n’ chic, che ne hanno organizzato uno, l’anno scorso, e un altro, proprio ieri, presso il “Foyer 900 caffè letterario” di Scafati. Una via di mezzo tra gli incontri alla “Sexy and the City” e il più classico aperitivo con le amiche, lo swap è un’occasione per scambiarsi un po’ di tutto, dai vestiti alle scarpe, dalle collane alle borse. Non si compra niente, pur portandosi a casa l’entusiasmo del nuovo acquisto e qualcosa di carino. A onor del vero, nell’armadio delle donne, ci sono sempre delle cose che non si usano, per tutta una serie di ragioni, ma che non si butterebbero mai via. E allora perché non scambiarle? Il motto è sempre lo stesso, quello nato e coniato dalle due sorelle Frascogna, in occasione della nascita del negozio sito ad Angri, in via Marconi 19: “Ciò che non serve più a te può servire ad altri, ciò che non serve più agli altri può servire a te”. Aperitivo, stuzzichini, chiacchiere e lo swap che, a ben pensarci, trasforma anche l’odiata pratica del riciclo di regalini non graditi in una festa spiritosa, informale e al tempo stesso glamour. Una sorta di gioco ecosostenibile con poche regole, la prima delle quali è divertirsi. Tanti i ringraziamenti da parte di Ida e Barbara e un nuovo invito: “Siamo molto soddisfatte per com’è andato il secondo Swap Party di Re-used’n’chic , ringraziamo tutte le amiche che hanno partecipato e che hanno trascorso con noi questa splendida serata e ringraziamo il “Foyer 900 caffè letterario” per l’ospitalità e il buonissimo aperitivo. Speriamo siate rimaste soddisfatte dei vostri swap acquisti o che, se non siete riuscite a portare a casa qualcosina, vi siate comunque divertite trascorrendo un momento speciale, diverso, in nostra compagnia. Che dire di più? Ci vediamo al prossimo swap party”. Il sentore è che sia vicinissimo, magari già a primavera ce ne potrebbe essere un altro.

di Carmen Schiavone