Antiche Ruote Angri regala vitalità alla città doriana con il II^ Raduno di Auto e Moto d’Epoca

Numeri da capogiro per la seconda e rombante edizione del Raduno di Auto e Moto d’Epoca organizzato nella città doriana dall’Associazione Antiche Ruote Angri, in collaborazione con il Centro Commerciale IperG, il Piacere della Tavola e Gallo Matto, che ha raccolto il pieno di iscrizioni e grande entusiasmo tra i partecipanti provenienti da tutta la Campania e non solo. Di buon mattino in Piazza Annunziata, predisposta all’accoglienza di auto, moto e proprietari che ne hanno raccontato la storia attraverso simpatici aneddoti, è stata ricreata una magica un’atmosfera retrò grazie al suono di violino e sax a cura dei talentuosi e applauditissimi maestri di fama nazionale Pierpaolo e Raffaele Petti. Apprezzatissima la colazione offerta dall’organizzazione ai partecipanti degustata anche in sella alle moto. Dopo la bryosa ed effervescente presentazione della kermesse a cura della giornalista, conduttrice e testimonial Brigitte Esposito è stato dato il via ad tour mozzafiato che ha fatto assaporare ai partecipanti i tesori culturali di Angri, la storia, gli angoli e vicoli più suggestivi e quelle strade animate da gente pronta a salutare e a sorridere ad ogni suono di clacson, veri cuori pulsanti della kermesse. Una scenografia di alto ed originale livello estetico, un percorso avvincente di grande divertimento e tre momenti enogastronomici che solo Angri ha saputo offrire grazie alle soste: la prima presso Il Piacere della Tavola di Santolo Iannone, dove i partecipanti sono stati omaggiati con pacchi di ottima pasta lavorata artigianalmente con materie prime; la seconda dinanzi al meraviglioso Palazzo Doria per un freschissimo e stuzzicante aperitivo preparato dalla solarissima ed accogliente Marianna Taumaturgo presso lo Chalet Doria; la terza presso il Centro Commerciale Iperg dove Gerardo, Giovanni Gallo e Lena Conte hanno accolto il coloratissimo serpentone di auto e moto scortato dall’instancabile ed efficientissima Polizia Locale. Una vera e propria festa con la degustazione di pizze promosse da La Torrente, ottimi primi piatti e specialità accompagnate dalla musica dei The Bootle’s – The Beatles tribute band, Giovanni Squillante, Marco D’Antuono, Stefano Squillante e Lorenzo Montella, protagonisti del programma televisivo Tu si que vales su Canale 5, che hanno fatto rivivere le atmosfere musicali e il fascino del mitico quartetto di Liverpool: i Beatles. Una splendida giornata, apprezzata da tutti, che ha visto come momento topico anche estrazioni di simpatici premi e la una premiazione da parte dei vertici dell’Associazione Antiche Ruote Angri. Anche stavolta il Raduno è stato appassionante ed emozionante, – hanno commentato il presidente Nino La Mura e i soci Carmine Nocera, Francesco Manzo e Natale Esposito.abbiamo lavorato ininterrottamente in questi mesi per la perfetta riuscita dell’evento e abbiamo constatato davvero la passione che muove da ogni dove gli appassionati, i collezionisti che hanno voluto mostrare la bellezza delle loro auto e moto, pezzi unici perfettamente curati. Vogliamo ringraziare tutti gli sponsor e coloro che hanno hanno creduto nella particolarità del nostro raduno che ha fatto apprezzare ancora di più la bellezza della nostra splendida città.”

Si ringrazia: La Torrente, Nonna Viola, IC Assicurazioni, Tortora Macchine per Movimento Terra, Re Max Red, Eurocom, TM Langella, Panificio Pisacane, Autoscuola Mercury, Ristorante Doria Mangia e Bevi, Evoluzione Danza, Akira Centro Estetico e Parrucchiere, Sogni e Sorprese argenteria, Il Mattino Casalinghi, Ottica Iaccarino, Pianeta Mare, Zio Savino Qualità, Agraria 92, MG Elettrodomestici, National Transport, Fratelli Barba elettrodomestici, Autolavaggio Gerardo, Traporti Fontana, Profumo di Pane, Fernanda Detersivi, De Vivo Giovanni, Ingrosso Bibite, Arredamenti Gaeta Giovanni, Cioccolateria Todisco, Peppe o’ Piezzo, General Meccanica, Pasticceria D’Amato, Macelleria Cascone 2, Blitz Sport, Il Mondo del Pulito, Stanleybet, Re Mida Gioielli, Stazione di servizio Angelina Petroli, Old Barber di Giovanni Grieco, Caseificio Fiordilatte, Longobardi Gerardina ricambi, Pizzeria Red Carpet, Fly Nibiru Viaggi, SAR Service, Caffè Doria, Bar New Game, Chalet Doria.

Il Salotto di Bry è scritto e condotto da Brigitte Esposito, regia di Gerardo Roberto Tartaglia, riprese e fotografia Angelandrea Falcone. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con Teleangri Uno canale 639 visibile in tutta la Campania.

VIDEO E INTERVISTE 

CLICCARE SULLA FOTO PER ACCEDERE ALLA FOTOGALLERY 

Il 22 giugno grande attesa per “La Festa della Musica Europea” a Nocera Inferiore

Sabato 22 giugno, alle ore, 20 presso a Nocera Inferiore ritorna La Festa della Musica Europea,  uno degli appuntamenti internazionali più importanti in tema di cultura e spettacolo, creato per coniugare musica e arte in affascinanti cornici del patrimonio artistico italiano. L’evento è promosso dalla FENIARCO (Federazione Nazionale italiana Associazioni Corali), dall’ARCC (Associazione Regionale Cori Campani), dal MiBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo) e, dall’Associazione Culturale “Ensemble Corale Noukrìa” in partnership con l’Assessorato al Turismo, Arte e Cultura della Città di Nocera, nella persona della Dott.ssa Federica Fortino.
Anche quest’anno la Città di Nocera Inferiore grazie all’Associazione Culturale “Ensemble Corale Noukrìa”, di cui è Direttore Artistico e di Coro Genny Strianese e Presidente Antonio Rispoli, ospita questa manifestazione e per la prima volta nella Chiesa di Sant’Antonio a Nocera Inferiore. La Festa della Musica sul territorio campano inizierà il giorno 21 a Napoli nel Salone della Rettoria del Santuario Immacolata a Chiaia, proseguirà il 22 a Nocera, in Villa Rufolo a Ravello, al Palazzo Reale di Portici e infine il 23 nella Sala Polifunzionale Don Tonino Bello a Salerno, il Santuario della Madonna del Carmine a Salerno e la Chiesa di Sant’Antonio a Posillipo (NA). L’associazione promotrice, nel dare maggiore risalto all’internazionalità dell’evento, ospiterà diverse realtà corali oltre a quelle locali. Le corali eseguiranno brani profani Colti e Popolari, Napoletani e non, Gospel e Spiritual nonché brani di Musica Leggera. Direttore Artistico dell’evento è il Maestro Genny Strianese.

INTERVERRANNO:
> Solimena Choir, Primo Istituto Comprensivo Nocera Inferiore (Dirigente Dott.ssa Anna Cristiana Pentone) diretto da Genny Strianese;
> Coro polifonico AVivaVoce di Quarto (Na) diretto da Antonello Cipriano;
> Coro Voices of Freedom di Roma diretto da Carlo Alberto Gioja;
> Coro Polifonico Libentia Cantus da Torre Del Greco (Na) e Coro Giovanile Loud Whispers da Portici -Ercolano (Na) diretti da Carlo Intoccia;
> Coro Polifonico “Ensemble corale Noukrìa”, Coro Giovanile “Voicing”, Coro di Voci Bianche “Iris” e Gruppo di Percussioni DumDumTà (Giustina Gambardella) di Nocera Inferiore diretti da Genny Strianese.

Presenteranno il giornalista Vincenzo Balzano e il M° Genny Strianese.  La partecipazione all’intera manifestazione è completamente gratuita e libera.

“Il Futuro è nato ieri”, l’opera teatrale del Liceo “T. L. Caro” di Sarno in scena il 6 giugno

La Compagnia Teatrale “La Nave dei Folli” del Liceo “T. L. Caro” di Sarno (Dirigente Scolastico: Prof. Giuseppe Vastola), con lo Spettacolo “Il futuro è nato ieri”, in scena il 6 giugno, ore 20, nell’Atrio del Palazzo Buchy di Sarno, si propone di presentare per flash una sorta di storia dell’Umanità, a partire dall’arcaico uomo-leone per giungere al futuribile uomo-macchina. Nella carrellata dei personaggi, che l’Opera (testo e regia del Prof. Franco Salerno) presenta, centrale è la vicenda millenaria dell’Uomo, intessuta di trionfi e di sconfitte, di nobiltà e di miseria. Molte volte i singoli e i popoli hanno alzato la testa verso il cielo, ma molte altre hanno chiuso i loro occhi nel buio delle vicende più cupe. Così ieri, così forse domani.

Entusiasti gli studenti, che sono i protagonisti di questa pièce. Di altissimo livello il team di Docenti che ha lavorato alla realizzazione di questo Spettacolo-Evento: le Tutor interne Prof.ssa Maria Frecentese e Prof.ssa Rosa Viscardi, i Maestri Prof. Ciro Ruggiero (autore delle musiche), Prof. Alessandro Carraturo e Prof. Giuseppe Liguori (preziosi collaboratori a livello artistico-musicale), il Maestro Ugo Maiorano (ritmi folk), la Maestra Carmela Fiore (coreografie) e la giornalista Avv. Viridiana Myriam Salerno (Aiuto-regia e addetto-stampa).

L’educazione al messaggio e ai codici del Teatro viene realizzata attraverso una messa in scena articolata e complessa, che cerca di far venir fuori le potenzialità dei giovani, molto spesso sottovalutate. Sulla scena, infatti, gli attori si raccordano con le musiche e i canti, le danze e i video.

Una vera e propria Orchestra live accompagna le scene del lavoro teatrale, fondendo folk e pop, jazz e rock, tammorra e taranta, esaltando la contaminazione e la mescolanza, come espressione di una visione del mondo fondata sul dialogo, sull’apertura e sull’accoglienza. Elementi fondamentali, questi, di una Scuola moderna e interdisciplinare, che esalta la creatività, l’empatia e la condivisione. Anche attraverso il Teatro, che da 28 anni funge da palestra culturale e civile per gli studenti del Liceo “Tito Lucrezio Caro” di Sarno e per l’intera Comunità dell’Agro sarnese-nocerino.

Si scaldano i motori per il 16 giugno: al via il II^ Raduno d’Auto & Moto d’Epoca di Antiche Ruote Angri

Dopo l’immenso successo dello scorso anno che ha visto un elevato numero di iscritti e la partecipazione di collezionisti e di club dell’intera regione Campania ritorna ad Angri la II^ Edizione del Raduno d’Auto & Moto d’Epoca organizzata dall’Associazione Antiche Ruote Angri presieduta da Nino La Mura. L’evento, frutto di passione e professionalità, si svolgerà domenica 16 giugno 2019 in collaborazione con il Centro Commerciale IperG, Il Piacere della Tavola e Risto Pasta & Bar. Appassionati e collezionisti di veicoli storici sfileranno lungo le strade cittadine regalando un vero e proprio tuffo nel passato. Il ritrovo e le iscrizioni si terranno in Piazza Annunziata a partire dalle ore 9,00 con il ritiro di un buono breakfast. Alle 10.30 partenza e tour per le strade cittadine con alcune soste enogastronomiche davvero gustose. Alle ore 11.30 arrivo presso il piazzale del Centro Commerciale IperG per un prelibato e ricco buffet, premiazioni, sorprese e una grande festa finale con superospiti The Bootle’s – The Beatles tribute band protagonisti del programma televisivo Tu si que vales su Canale 5 che faranno  rivivere  il fascino dell’indimenticabile quartetto di Liverpool. L’obiettivo principale – hanno dichiarato il presidente Nino La Mura e il socio Carmine Nocera è la valorizzazione del territorio. Motori, enogastronomia e bellezze artistiche e culturali saranno i punti cardini su cui punteremo per offrire a tutti il piacere di vivere la città. Come l’anno scorso, anche quest’anno saranno consegnati dei simpatici gadget ai partecipanti volti a ricordare lo spirito di amicizia, di condivisione e voglia di viaggiare insieme. Il tour, condotto dalla giornalista Brigitte Esposito, sarà ripreso televisivamente dalle telecamere di www.360gradiwebtv.it e Teleangriuno regia di Roberto Tartaglia con immagini live di Angelandrea Falcone in onda nel programma “Il Salotto di Bry in Tour” e frizzanti scatti e cartoline fotografiche a cura di Paolo Novi Fotografo. Non resta dunque che scaldare i motori!

Sabato 1 all’Auditorium di Ravello la danza del Polo Regionale in “Tributo a Leonardo”

Dopo aver spalancato le braccia alla musica l’Auditorium Oscar Niemeyer di Ravello è pronto ad accogliere, sabato 1 giugno alle 19.30, il “Tributo a Leonardo”, 120 minuti di danza che traducono in passi i percorsi di vita, i disegni e le opere d’arte del genio italiano della pittura e della meccanica. Ad interpretare il linguaggio dell’ars coreutica saranno la Compagnia di Danza Classica del Polo Regionale (istituito per la diffusione della cultura coreutica, musicale e teatrale della Campania) la Compagnia di Danza Classica e Contemporanea del Liceo Alfano I e gli studenti del Conservatoire Paul Dukas di Parigi correlato con la scuola salernitana dal progetto di scambio culturale “Echange de culture coreografique”.
Nel solco dell’instancabile spirito di ricerca che caratterizzò per tutta la vita Leonardo da Vinci, anche i coreografi dei tre ensamble (saranno 30 i danzatori in scena) hanno cercato di analizzare per poi raccontare i tanti aspetti di questo uomo d’ingegno e talento universale del Rinascimento, che incarnò in pieno lo spirito della sua epoca, portandolo alle maggiori forme di espressione nei più disparati campi dell’arte e della conoscenza.
La prima parte, affidata ai ragazzi della Compagnia Polo Regionale sarà distinta in tre quadri coreografati da Alessandra Veronetti e Domenico Di Dato, prima ballerina e solista del Teatro San Carlo di Napoli: il pas de deux “Leonardo e il Nibbio”, poi “Arte e scienza” e infine “Impermanenza”, sulle musiche tratte dalla ricomposizione della “Quattro Stagioni” di Vivaldi a firma di Max Richter. Ad impreziosire il lavoro in scena sarà la voce recitante dell’attore Paolo Tarallo.
A seguire i due momenti dell’Alfano I. Il sipario tornerà ad aprirsi sulla Compagnia di Danza Classica diretta dal professore Massimiliano Scardacchi che per loro ha immaginato e coreografato un momento particolare della vita di Leonardo. Era l’anno 1490 e Ludovico il Moro, in occasione dei festeggiamenti in onore del matrimonio tra Gian Galeazzo Maria Sforza e Isabella d’Aragona,commissionò a da Vinci uno spettacolo, che sarà poi ricordato come “La festa del Paradiso”. Di quei disegni, preparatori all’allestimento, vi è traccia nel codice atlantico. Oggi come allora, sulle musiche di Mozart “Flute Harp”, Concerto in do k.299, Scardacchi riporta in scena fanciulli travestiti da angeli o da pianeti che ruotano intorno a Giove.
La Compagnia di Danza Contemporanea dell’Alfano I trascinerà invece lo spettatore in un meraviglioso viaggio nel tempo nel tentativo di riportare tutti tra i sentieri e le strade percorse dal genio italiano, scandite da colori, suoni, profumi che diventano passi, sguardi, movimenti. È il sincronismo del cuore e della mente, della memoria che s’intreccia col presente, dell’azione che si fa danza nell’idea della coreografa, la docente Annarita Pasculli.
Tre i momenti coreografici del Conservatoire Paul Dukas di Parigi: tredici elementi dai 18 ai 25 anni impegnati ad interpretare i disegni ma soprattutto il tratto che Leonardo imprimeva sui suoi fogli: china a volte leggera a volte nitida, ma anche sfumata e poi incisiva, precisa e forte proprio come i passi. Nelle coreografie di Mariangela Siani e Catherine Chatelain c’è tutta la volonta di interpretare quei disegni, che sfogliati con l’occhio del danzatore ne evidenziano luci e ombre.
L’ingresso è libero. L’appuntamento è alle 19.30. Lo spettacolo sarà replicato il 3 e il 4 giugno al Parco Archeologico di Paestum.

Se un giorno di Giugno un Viaggiatore … Storytelling itinerante per le vie del borgo

Venerdì 7 Giugno, si terrà, a Cori, la IV edizione di “Se un giorno di Giugno un viaggiatore …”, iniziativa gratuita e aperta a tutti, dal titolo ispirato al libro “Se una notte d’inverno un viaggiatore”, pubblicato nel 1979 da Italo Calvino, padre della letteratura italiana per l’infanzia, insieme a Gianni Rodari. La passeggiata tra alcuni dei vicoli di Cori collegherà diversi punti che simbolicamente rappresentano altrettanti mondi immaginari, contenitori a loro volta di laboratori: lettura creativa, musica, archeologia e composizione artistica con varie tecniche. 

Alle ore 16:00 si partirà dal Tempio d’Ercole, proseguendo verso Piazza Monte Pio, Piazza della Giudaica, Piazza San Giovanni, Piazza Montebello, fino a Piazza Signina, dove varie attività commerciali offriranno la merenda e nei giardini adiacenti verrà installato il codymaze, labirinto virtuale giocabile da canale Telegram codymaze. Durante il percorso sarà interpretata “La linea e il punto” di Veronique Cauchy (ED. White Kids), libro che narra del viaggio, la scoperta, la ricchezza dell’incontro e scambio con l’altro, capace di parlare ai bambini delle potenzialità inesauribili della fantasia. Un po’ la storia dello stesso “… Storytelling itinerante per le vie del borgo”.

La proposta didattico – educativa infatti nasce dalla sinergia tra svariate realtà presenti sul territorio impegnate da mesi nella realizzazione della manifestazione: Soc. Coop. Soc. Utopia 2000 (Il Bruco Verde); Il Circo della Farfalla Onlus; La Casa del Sole Onlus; Ass. Arcadia (Biblioteca e Museo); APS Polygonal; Centro del sollievo per anziani fragili Gaspare Bruschini; Progetto S.P.R.A.R. del Comune di Cori attuato dalla Coop. Soc. Il Quadrifoglio; Ass. Chitart; Ass. Lapostrofo. Il laboratorio finale è coordinato da Morris Modena. Il video di lancio dell’evento è stato curato da Giuseppe Guratti, con colonna sonora originale di Fabio Perciballi.

Al via il Festival delle Percussioni “Ritmi di festa in città”: martedì apre l’Orchestra del Polo Regionale

Musica nell’Quadriportico del Duomo di Salerno. Questa la sede unica e suggestiva del Festival di Percussioni “Ritmi di festa in città”, seconda edizione dell’evento in programma martedì 28 e mercoledì 29 maggio, organizzato dal Conservatorio di musica Martucci di Salerno con la direzione artistica del Maestro Paolo Cimmino.
Ad aprire il Festival sarà l’Orchestra di Percussioni del Polo Regionale, istituito per la diffusione della cultura coreutica, musicale e teatrale della Campania.
«Ci auguriamo che questo concerto insieme sia il primo di una lunga serie – spiega il curatore della due giorni Paolo Cimmino, docente della Cattedra di Strumenti a Percussione, al Conservatorio di Salerno – questa sinergia centra infatti in pieno l’obiettivo dell’evento, ovvero arricchire l’offerta formativa degli studenti del Conservatorio e dei licei musicali della Campania attraverso una stretta collaborazione anche con le eccellenze professionali ed artistiche della città di Salerno. La presenza del Polo Regionale, che è la nuova generazione, fa capire quanto sia importante, per la mia idea di Festival, far incontrare tutti gli studenti ai quali offriamo un’esperienza unica di confronto e formazione. Un sentito grazie va ai docenti, maestri e coordinatori Gerardo Sapere, Rosario Barbarulo e Antonio Palmieri, senza il lavoro dei quali nulla sarebbe stato possibile».
In programma non solo concerti, ma anche master class, esposizione strumenti, e la partecipazione di grandi artisti. Una preziosa occasione per i ragazzi dell’ensemble e per i partecipanti tutti che avranno così l’opportunità di stringere la mano dei loro beniamini, farsi ascoltare, confrontarsi.
La serata di apertura sarà distinta in due parti: nella  spetterà all’Orchestra del Polo Regionale dare il via al concerto affrontando un repertorio che spazierà dalla musica del ‘900 (in scaletta “Clapping music” di John Cage) ad un omaggio ai grandi compositori italiani (come l’overurture dal Guglielmo Otello di Rossini). Alternerando lo spartito  tra i grandi autori stranieri e italiani, l’esibizione chiuderà con un richiamo alla cura per l’ambiente. Attingendo agli Stinking Gerbage, l’ensemble utilizzerà solo strumenti da riciclo.
Nella seconda parte toccherà al pianista Raffaele Ranieri insieme con lo stesso Cimmino alle percussioni e poi la grande star del Festival edizione 2019: Anders Åstrand, percussionista svedese ha più volte suonato al PASIC (Convention internazionale della Percussive Arts Society) e dal 2008 è International Orchestral Consultant for Zildjian.
Il giorno successivo, sempre nel Quadriportico del Duomo di Salerno, il Concerto per marimba e fiati dell’Orchestra fiati Martucci di Salerno diretta da Alexandre Cerda Belda. A seguire l’esibizione della seconda guest del Festival: il Maestro Ruud Wiener, ex docente del Conservatorio di Rotterdam e Maastricht, è stato uno dei membri fondatori del New Percussion Group di Amsterdam. In programma sia martedì che mercoledì (dalle 10 alle 14 e dalle 15 alle 19) anche masterclass presso la Sala San Tommaso.
Il concerto è alle 20.30, l’ingresso è libero.

Angri, racconti, poesie, cortometraggi e disegni per ricordare Don Enrico Smaldone

In centinaia tra alunni di scuola primaria e istituti superiori angresi hanno partecipato al concorso Don Enrico Smaldone, un uomo e il suo sogno, indetto dal Comitato nato lo scorso anno per valorizzare l’eccezionale educatore e prete angrese. A circa 70 anni dalla fondazione di quella Città dei Ragazzi che consentì a tantissimi orfani e giovani un inserimento sociale e lavorativo, Don Enrico Smaldone è sempre più conosciuto ed amato anche dai più giovani. Sono stati decine i premi conferiti durante la cerimonia di premiazione che si è svolta presso la Cittadella Don Enrico, alla presenza delle nipoti del sacerdote, i componenti del Comitato, studenti, docenti e i dirigenti scolastici Filippo Toriello, del Liceo Don Carlo La Mura, Mario Novi, responsabile del ProfAgri di Angri e Brunella Cataldo , dirigente dell’Istituto comprensivo Don Enrico Smaldone. Alla manifestazione hanno preso parte anche i coniugi Caracciolo, reggenti della Cittadella Don Enrico, gestita dalla Fraternità di Emmaus che si occupa di assistenza sociale con una rete di case famiglia . “Una partecipazione gioiosa ed emozionante che dimostra quanto Don Enrico non sia un mero ricordo di un passato ma uno straordinario modello di educatore innovativo – dichiara Agostino Ingenito -presidente del Comitato – Nel corso degli ultimi mesi abbiamo constatato quanto sia vivo nel ricordo di migliaia di persone e famiglie che hanno spesso ricordi personali e testimonianze sull’intensa e faticosa attività compiuta dal quel pretino operaio che spese la sua vita per costruire un sogno dando opportunità educative e sociali a tanti piccoli diseredati, fornendo occasioni di riscatto con formazione ed inserimento lavorativo per tante generazioni“. Nei prossimi giorni il Comitato continuerà la sua attività con un programma di laboratori estivi e un evento a luglio in occasione del 70 anniversario della fondazione della Città dei Ragazzi.

Pino Daniele Opera, grande concerto il 24 maggio presso la Chiesa San Lorenzo a Napoli

Venerdì 24 maggio, alle ore 20.30, nel Complesso monumentale San Lorenzo Maggiore di Napoli, Michele Simonelli e Paolo Raffone in concerto presenteranno Pino Daniele Opera, un progetto che propone in chiave cameristica 12 brani di Pino Daniele. Ad accompagnarli alcuni dei musicisti storici che hanno collaborato con il ‘nero a metà’: Rosario Jermano, Ernesto Vitolo, Antonio Onorato, Roberto Giangrande, Valentina Crimaldi, Donatella Brighel e alcuni musicisti giovani musicisti napoletani di grande talento.

L’intero progetto vede protagonista la voce splendida, profonda e penetrante del giovane musicista e cantante Michele Simonelli.

L’idea di questo progetto nasce da una storia di profonda amicizia che legava Pino Daniele e Paolo Raffone, ma soprattutto dalla loro collaborazione che prende le mosse dalla formazione musicale di Pino fino alla pubblicazione dei primi dischi che lo portarono all’attenzione del pubblico e poi al grande successo nazionale e internazionale. Alcuni di quei brani, era il 1985, arrangiati da Raffone insieme a Pino con una orchestrazione classica [tecnicamente “da camera”], furono sperimentati in un tour nei maggiori teatri italiani i cui Pino era accompagnato, da una vera orchestra con archi e fiati.

L’iniziativa restò nel cassetto del maestro Raffone per anni, con la reiterata ed affettuosa promessa reciproca che avrebbero dovuto concretizzare tale opera in futuro.

Nel 2014 Simonelli e Raffone incisero piano e voce il brano “Che ore so”, Pino l’ascoltò e gli piacque moltissimo, al punto da mostrare un certo interesse nell’intero progetto iniziato proprio da lui e Raffone nel lontano 1985.

Pino e il Maestro Raffone si ripromisero di lavorare insieme a questo progetto, cooptando Michele Simonelli, del quale apprezzavano il colore, il timbro e la duttilità della voce. Purtroppo per motivi di tempo il tutto fu rinviato a causa dei tanti impegni del noto artista, con la promessa di riprenderlo quanto prima. Sventuratamente i problemi di salute e la prematura scomparsa del cantautore napoletano non lo resero più possibile.

Nello scorso 2018, Raffone e Simonelli, avvalendosi degli storici musicisti che avevano già collaborato al tour nel 1985, hanno deciso di portare a compimento il progetto tanto caro allo stesso Pino. Nasce così il disco dal titolo PINO DANIELE OPERA, un album prodotto da Jonathan Goldsmith, uscito nel mese di maggio 2018; l’album presenta 12 grandi successi di PINO DANIELE rivisitati in chiave cameristica dal maestro Paolo Raffone.

Dodici brani che saranno proposti nel concerto di venerdì 24 maggio nella chiesa di San Lorenzo a Napoli, che ripercorrono i momenti più significativi della carriera di Pino Daniele, rivestiti con un abito nuovo, mai indossato finora: “l’abito cameristico”.

Una vera e propria ‘chicca’ per gli appassionati di uno dei più grandi artisti italiani che, con i suoi successi, le sue poesie ed il suo sound, ha letteralmente cambiato il modo di fare musica dagli anni

’70 ad oggi.

Lo spettacolo musicale sarà composto da un organico cameristico di 12 elementi, diretti dal M° Paolo Raffone e con la voce solista di Michele Simonelli, oltre gli special guest.

Il ricavato della serata finanzierà il progetto “Uno strumento per te” dell’associazione culturale Record M.E., un’iniziativa volta ad offrire ai musicisti economicamente disagiati la possibilità di coltivare la propria passione per la musica attraverso l’acquisto di strumenti musicali.

Angelica Sepe, Ambasciatrice della canzone popolare nel mondo tra i giurati di “All Together Now”

Allieva e pupilla di  Roberto Murolo, cantautrice e musicista di rango, Angelica Sepe ha tenuto concerti a New York, Washington, Montreal, Toronto, Cuba, San Paolo, Buonosaires, Tokio, Osaka, Hiroshima, Taiwan, Cipro, Bruxelles, Liegi, Varsavia, Stoccolma, Casablanca,Tel Aviv, Gerusalemme, Damasco, Aleppo, Madrid, Lisbona, Parigi, Londra, Zurigo, Monaco, Dublino, Brasilia, Pretoria contribuendo a diffondere internazionalmente, anche attraverso la rete degli Istituti di Cultura Italiani, il patrimonio artistico del proprio paese.
Un linguaggio senza tempo e senza confini quello di  Angelica Sepeche  porta nella sua voce i segni inconfondibili di una tradizione capace di rinnovarsi e di incrociarsi con le diverse ispirazioni e contaminazioni che arrivano dagli innumerevoli viaggi pur conservando nelle diversità i segni della sua terra, i suoi profumi, colori e suoni.
Il linguaggio universale di Angelica è la sua musica, una musica che annulla le distanze, tradizionale ed innovativa, antica e rivisitata, culturale ma alla portata di tutti. Antiche melodie intrecciano suoni mediterranei, la lingua tradizionale si fonde con suoni moderni. Tutto, nella musica di Angelica, si mescola con equilibrio creando una sorta di “esperanto” che, declinato in musica, permette a chiunque di comprenderne il significato.
Angelica Sepe è stata definita “l’Artista della pace”. Il suo impegno sociale inizia nel 1999 con il brano “Ma si tu staje cu’ mme”” da lei scritto, con contaminazioni arabe, che diventa il leit motiv di una campagna sociale atta a sensibilizzare l’ opinione pubblica alla “cultura dell’ accoglienza”. E’ il primo passo di quello che diventerà il suo maggiore impegno, infatti tra il 2007 e il 2010 la sua voce arriverà a Beirut a NaKura e a Gerusalemme, Tel Aviv con i contingenti di Pace delle Nazioni Unite, in Kossovo, in Irak .Nel 2014 Angelica  è ancora impegnata in un nuovo progetto sociale con i Refugee a favore dei Rifugiati Politici in collaborazione con il “Centro Enea” di Roma il più grande in Europa, con il brano “Lacrime al sole” da lei scritto. Nel Giugno 2015 inizia una nuova collaborazione con l’attore  Enzo De Caroche scrive è dirige ” L’Oro di Murolo” che ancora oggi entrambi portano in giro per l’Italia. “L’Oro di Murolo” è  un omaggio elegante ad un artista prezioso e uomo garbato: Roberto Murolo. Il suo modo raffinato e popolare di interpretare la canzone napoletana è un tesoro inestimabile, così come il suo lavoro di cantore, interprete e sistematore antologico di un immenso patrimonio, il repertorio napoletano, classico e non solo. Nel 2018 debutta a Belgrado con il nuovo Spettacolo “Galà Napoletano“Napoli..sempre”, spettacolo scritto e diretto dalla stessa  Angelica Sepe cheha come obiettivo quello di promuovere uno scambio culturale, tra la tradizione musicale napoletana classica e le varie culture internazionali.Angelica Sepe è testimonial della petizione all’Unesco per la Candidatura de “Il Belcanto e l’Opera Lirica Italiana” per il riconoscimento quale patrimonio culturale immateriale del’umanità.

Nel Salotto di Bry “Antiche Ruote Angri” presenta il II^Raduno Auto e Moto d’Epoca il 16 giugno ad Angri

E’ stata presentata ufficialmente nel Salotto di Bry la II^ Edizione del Raduno d’Auto e Moto d’Epoca organizzata dall’Associazione “Antiche Ruote Angri”. Dopo il successo della scorso anno il 16 giugno 2019 torna l’atteso appuntamento nella città doriana in piazza Annunziata alle ore 9.00. Si potranno ammirare meravigliosi veicoli storici prima di vederli sfilare lungo le arterie cittadine simulando un vero e proprio tuffo nel passato. Gli ideatori, il presidente Nino La Mura e il socio Carmine Nocera, hanno svelato in tv le novità fornendo a collezionisti, appassionati e semplici curiosi informazioni e dettagli utili per l’iscrizione.

Il Salotto di Bry è condotto da Brigitte Esposito, regia Gerardo Tartaglia riprese Angelandrea Falcone. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con TAone canale 639 del digitale visibile in tutta la Campania.

VIDEO 

Cliccare sulla foto per accedere alla PHOTOGALLERY 

23 e 24 giugno 2019: Al via a Castellammare di Stabia la 50° Edizione nazionale di collezionismo

Weekend di sabato 22 e domenica 23 giugno 2019 da non perdere a Castellammare di Stabia, si terrà il Memorial Correale, quest’anno per la prima volta all’interno dell’Accademia il gusto di imparare, ampia struttura situata in via Alcide De Gasperi n°327, a pochi passi dal porto turistico Marina di Stabia, e con spostamenti veramente brevi e veloci, la possibilità di visitare le famose aree archeologiche di Pompei, Castellammare di Stabia ed Ercolano, o godere del favoloso spettacolo del golfo di Napoli dalla sommità del Vesuvio o del Monte Faito, raggiungibile in pochissimi minuti con la suggestiva funicolare.

Per appassionati di collezionismo  o semplici curiosi, in programma la 50° manifestazione nazionale di numismatica,filatelia, cartamoneta, cartofilia, bibliofilia, gettoni, telecarte e oggettistica varia, organizzata dall’Associazione Circolo “Tempo Libero” di Castellammare di Stabia.

Fondata il 2 febbraio 1994 dal compianto Presidente Salvatore Correale, iniziò questa lunga e difficile avventura con un gruppo di amici provenienti da ogni zona d’Italia, con serietà, professionalità e passione, in una realtà ostile, poco propensa ad ospitare iniziative di questa valenza storica e culturale.

Quest’anno in occasione del venticinquesimoanniversario, saranno evidenziate le varie iniziative del Circolo Filatelico Numismatico, e per onorare e ringraziare in modo adeguato tutti i presenti del continuo supporto, diversi momenti conviviali per festeggiare questo importante traguardo.

Castellammare di Stabia è diventata nel tempo, nel panorama nazionale del collezionismo, punto di riferimento per esperti operatori del settore e studiosi.