“Hope…the Heart of Christmas” ha unito i cuori dell’Agro attraverso musica, emozioni e fede

E’ stato e resterà un evento unico nel suo genere per le irripetibili emozioni provate da tutti i protagonisti e dai telespettatori.  Un risultato straordinario e migliaia di visualizzazioni, sia sui social che in Tv, per “Hope…the Heart of Christmas – Musica, Emozioni e Fede oltre le distanze” prodotto da www.360gradiwebtv.it L’evento ideato, scritto e condotto dalla briosa giornalista Brigitte Esposito per la magistrale e impeccabile regia e riprese di Gerardo Tartaglia con riprese e foto di Angelandrea Falcone, ha tenuto incollati allo schermo migliaia di spettatori la sera della Vigilia di Natale. La persistente emergenza sanitaria legata al Covid-19 ha spinto tutti ad una continua riflessione sulla fragilità umana. Ritrovarsi per lunghi mesi nel mezzo di un incubo e nell’essere privati del rapporto con gli altri ha messo a dura prova la pazienza di tutti. A Natale c’era bisogno di sentirsi meno soli e attraverso “Hope” è giunto in ogni casa, anche se a distanza, un augurio di speranza. Musica e fede hanno scaldato i cuori facendo sentire tutti incredibilmente più uniti. Non solo parole, ma note e canti per ringraziare chi, con dedizione e spirito di solidarietà, sta lavorando instancabilmente e silenziosamente in prima linea per salvare vite umane. Coinvolte nell’evento le città di Angri, Pagani, Sant’Egidio del Monte Albino, Nocera Inferiore, Nocera Superiore, Corbara, Bagni di Scafati con collegamenti in diretta dalla Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli, dall’Abbazia S. Maria Maddalena in Armillis, dalla Basilica S. Alfonso Maria de’ Liguori, dal Santuario della Madonna del Carmelo “detta delle Galline”, dalla Parrocchia Regina Pacis, dal Convento Chiesa S. Antonio, dalla Parrocchia Maria Immacolata, dalla Parrocchia San Bartolomeo Apostolo, dal Santuario Santa Maria dei Bagni. A trasmettere con estrema dolcezza la passione dello spirito natalizio, la semplicità di un abbraccio virtuale e la gioia della speranza sono stati Don Luigi La Mura, Don Antonio Cuomo, Padre Paolo Saturno, Padre Massimo Staiano, Don Antonio Adinolfi, Padre Tommaso Barrasso, Fra Luigi D’Auria, Fra Salvatore Manzo, Don Vincenzo Buono, Don Carmine Cialdini, il Priore Giuseppe Tortora e il vice priore Antonio Cesarano. A loro si sono alternati in collegamento splendide realtà corali, soprani, cantanti e musicisti di chiara fama che hanno regalato al pubblico irrinunciabili canti tradizionali natalizi ed emozionanti, ineccepibili ed entusiasmanti esecuzioni di altissimo livello artistico: Anna Corvino, M° Pierpaolo Petti, M° Ilaria Maria Zarra, M° Giuseppe Noto, M° Arnaldo Smaldone, M° Paola Petrosino, il Coro Polifonico Millennium, Maria Rosaria Fiocco, Rosario Damiano, Mimmo Angrisano, M° Antonio Saturno, Vincenzo Romano, Laura Paolillo, M° Leo Coppola, M° Raffaele Petti, Il Coro Magnificat, Gaetano Gaeta, l’Ensemble Corale Noukria, il Coro giovanile Voicing, Genny Strianese, Antonio Rispoli, Domenico Bruno, Giustina Gambardella, la Corale Jubilaeum, Teresa Staiano, M° Marta Pignataro, M° Raffaele Pica, La Corale della Maggiore e Propheta Altissimi, M° Pietro Sellitto, Luca Battipaglia, Fortuna Ragosa, Raffaele Ficuciello, Emilio Giordano, il Corbacor, Nunzia Guida, M° Barbara Guida, Clementina Cuomo, Giovanni Squillante, Stefano Squillante, Azzurra Acanfora, M° Angelo D’Errico, Francesco Fabiano. Un ringraziamento immenso a chi ha collaborato, condiviso e sostenuto l’idea con gioia e passione: Massimo Giordano, De Vivo Europein Veicoli, Agrisem Sementi, La Fiammante, Tabacchi Tonino Verdino, Gennaro Tagliamonte, Italiana Vera di Diana Attianese, Pastore since 1940 di Vincenzo e Anna Pastore, l’hair stylist Matteo Gargiulo. Un grazie speciale ad Antenna3 per aver trasmesso live l’evento anche sul canale 186 del digitale.

Di seguito le dichiarazioni di alcuni dei protagonisti:

Don Luigi La Mura“È stata, nella sua sorprendente e gradita originalità, un armonioso mosaico di fede e tradizione, capace di unire alcune geografie ecclesiali del nostro Agro. Un evento, il cui ascolto, accende, non nostalgie di “distanziamenti…”e di privazioni, ma silenti desideri di armonia nel corpo e nello spirito.”

Don Antonio Cuomo: “Una serata di vera gioia, quella che ha unito la fede, la cultura e la tradizione in un abbraccio tra generazioni”

Don Carmine Cialdini: “Per noi è stato come rispondere ad una vocazione…siamo stati chiamati a gioire e a trasmettere la gioia del Natale. E’ stato un momento di gioia pura mista alla commozione per esserci ritrovati dopo un anno per abbracciare tutti virtualmente.”

Priore Giuseppe Tortora: “In questo momento storico così particolare e disorientante, siamo onorati di aver partecipato a questo evento, che ha riunito le Chiese dell’Agro Nocerino-Sarnese e portato in tutte le case, nella sera della Vigilia di Natale, le tradizionali canzoni natalizie e tanti ricordi. È stata un’esperienza che ha allietato i nostri cuori e risollevato i nostri animi, facendoci sperare in un vicino ritorno alla normalità”.

Don Vincenzo Buono: “Un bel momento di aggregazione tra comunità che sono state unite dalla fede e dalla musica in memoria di una serata “di luce” per la nascita del Redentore. Esprimiamo gratitudine per averci voluto coinvolgere in questo bel progetto, nonché gioia e piacere per la partecipazione che – ce lo auguriamo – avrà allietato tanti.

Don Antonio Adinolfi: “Nonostante le difficoltà dovute al tempo che stiamo vivendo, quest’evento ci ha dato la possibilità di sentirci uniti in un cuore solo, annunciando insieme la grande gioia del Natale che vince tutti i sentimenti negativi ed abbatte le distanze dei cuori”

Fra Luigi D’Auria: E’ stato un modo originale e piacevole per stare accanto ai fedeli e ha fatto sorgere in me il desiderio di creare altri momenti simili per far conoscere la bellezza e la grazia di questo luogo. Pace e bene”

Fra Salvatore Manzo: “L’evento vissuto ci ha fatto ben capire che esiste un Natale taroccato e che la gioia della nascita di Gesù non tarocca nulla. La nascita di Gesù può essere vissuto anche oltre le distanze. Francesco d’Assisi non è andato in Terra Santa per viverlo … ma ha voluto vedere con i suoi occhi lì dove si trovava ciò che il Bambino di Betlemme aveva vissuto… e rimase estasiato lì a Greccio. Anche noi nella nostra Greccio, dobbiamo fare entrare il Re della Pace. Il canto e la fraternità nonostante le distanze hanno portato nelle case un pò di Betlemme.”

Massimo Giordano: “E’ stato un evento eccezionale che, in questo delicato periodo, ha aperto i cuori di tutti noi. Grazie a chi ci ha creduto, auguri a tutti, grazie a Brigitte e alla redazione di 360gradiwebtv.”

Antonio Saturno: “Onorati di aver fatto parte di questo progetto unico nel suo genere. Complimenti per aver unito in un unico abbraccio alcuni dei luoghi di culto più significativi dell’Agro. Contenti di aver regalato ai telespettatori l’emozione della presenza fisica di Sant’Alfonso con l’esecuzione, direttamente dalla Cappella che conserva le spoglie mortali del Santo sita nella Basilica a lui dedicata in Pagani, dei brani: ‘A nuvena di Salvatore Di Giacomo (magistralmente interpretata da Mimmo Angrisano) dove il poeta invita le persone ad affrontare le difficoltà della vita con “allegria” (Tu scendi dalle stelle ‘o Re del Cielo e nuje pigliammo ‘e guaje chiù allegramente) e le immortali note del Tu scendi dalle stelle con l’intima “voce” della mia chitarra risuonante tra la suggestione della presenza dell’ immortale compositore (Sant’Alfonso) e le immagini struggenti di questo sofferto 2020 che volge al termine.”

Genny Strianese e Antonio Rispoli: “Che Natale è senza le voci, i suoni e le meravigliose armonie che contraddistinguono il Natale. Con i nostri canti e gli strumenti scelti per l’occasione abbiamo voluto allietare chi soffre, chi è solo e chi ha perso un proprio caro. A noi tutti è mancata quest’anno quell’emozione pre-concerto natalizia ma grazie a Brigitte Esposito, a Gerardo Tartaglia e Angelo Falcone l’abbiamo potuto rivivere nei momenti salienti di questo evento. Ci siamo sentiti onorati di aver partecipato è stata un’esperienza meravigliosa che non dimenticheremo. Tanti complimenti alla troupe e all’immane lavoro dietro le quinte per ottenere quell’equilibrio di suoni, voci e strumenti nonostante la mascherina che noi tutti indossavamo”

Vice priore Antonio Cesarano: “È stato un onore per il nostro Santuario aver ospitato un evento così bello in un periodo molto particolare. Ringraziamo per averci scelto e averci regalato momenti magici. Complimenti alla redazione di 360gradiwebtv che è riuscita a portare avanti, con determinazione e bravura, questa bellissima passione. 

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *