Domenica 15 dicembre al via la prima edizione del “Christmas Tour…Special Tramonti”

Il week end è alle porte e si prepara ad alzare il sipario sullo spettacolare “Christmas Tour …Special Tramonti”, un appuntamento molto “movimentato” che domenica 15 dicembre 2019, dalle ore 10.00 alle 23.00, coinvolgerà grandi e piccini trasportandoli nell’atmosfera magica delle festività. L’evento ideato dalla party planner Carolina Di Martino, in collaborazione con le grandi aziende del territorio, si terrà presso l’Azienda Agrituristica Antichi Sapori in via San Sebastiano 14 a Campinola di Tramonti. Il sapore del Natale si miscelerà appetitosamente all’anima rurale del borgo in uno spettacolo senza eguali a due passi dal mare e dai monti incantati. Non i soliti mercatini, ma un’esplosione di idee per regali innovativi, meraviglie di artigianato creativo e prelibatezze tipiche locali in un’atmosfera riscaldata da luci scintillanti, animazione ed intrattenimento, eleganti melodie della tradizione natalizia realizzate dai M° Pierpaolo & Raffaele Petti e M° Ilaria Maria Zarra e una scatenatissima disco music Christmas dance mixata da Gennaro Francese Dj. Saranno presenti con originali esposizioni note aziende del territorio che hanno aderito con energico entusiasmo a questa prima edizione: Cantine Giuseppe Apicella, Odissea Bove dal 1997, Liquorificio Tentazioni, Terra Operose, Granato Caffè, Panificio Armando Imperato, Il Tenero Mondo dei Bimbi, Farmacia Campitiello, Caseificio Maurizio Vitagliano, Terra di Sapori, Bimby Vorwerk, Macelleria Fratelli Tagliamonte, Pasticceria del Borgo, Caseificio Anna Dora Campanile, Mischa Cake, Il Giardino delle Delizie. Imperdibile lo show-cooking a cura dello chef Giuseppe Francese che proporrà ai visitatori un goloso assaggio dei suoi piatti gourmet per un’esperienza culinaria indimenticabile.  L’evento sarà ripreso e trasmesso dalla web/Tv dei grandi eventi live www.360gradiwebtv.it 

L’ingresso è gratuito

Imperdibili week end a Lettere: Natale al Castello è il sogno di tutti i bambini

E’impossibile non lasciarsi inebriare da quel delizioso e allettante profumo di mele caramellate, mandorle croccanti e marshmallow. Ma anche da quell’avvolgente luce che, fino al 26 dicembre 2019, continuerà a condurre turisti e residenti nel favoloso borgo di Lettere dove ogni week end andrà in scena il Natale al Castello. I bambini, timidi e gioiosi, ormai sanno che Babbo Natale non abita più al Polo Nord, ma è ospite di questa antica residenza medievale pronto ad accoglierli per la foto di rito e il ritiro della magica letterina. Le varie aree del Castello, nell’abbracciare caldamente oltre 60 tradizionali casette di legno scintillanti e coloratissime, continueranno ad offrire l’eccellenza delle creazioni artigianali e tutto il gusto dei sapori di montagna. Cospicua e creativa la collaborazione tra l’Amministrazione Comunale e la Pro Loco cittadina che, grazie agli stessi obiettivi, hanno raggiunto anche quest’anno risultati vincenti. Durante il suggestivo percorso natalizio “Il Salotto di Bry” ha raccolto le impressioni dei protagonisti presenti nei mercatini incontrando anche l’ideatore dell’evento, il vicesindaco Gerardo Vuolo, che ha esternato la sua soddisfazione e ha ringraziato coloro che stanno rendendo possibile il magico evento.

Viaggiare a 360 gradi con “Il Salotto di Bry” è scritto e condotto dalla giornalista Brigitte Esposito, regia e riprese di Gerardo Tartaglia, fotografia di Angelandrea Falcone. Una produzione www.360gradiwebtv.it

VIDEO E INTERVISTE 

CLICCARE SULLA FOTO PER ACCEDERE ALLA PHOTOGALLERY 

 

A Pagani grande “Goal per Miriam”: la solidarietà vince la Partita del Cuore

Grande gioia sugli spalti e sul terreno di gioco allo stadio “M. Torredi Pagani dove si è disputata con successo la Partita del CuoreUn Goal per Miriam”, bimba affetta da cardiopatia congenita complessa. Grazie alle Associazioni Koru ed Eventi città di Pagani, supportate dalla Paganese Calcio 1926 Srl, Mo.Ma’s Pagani, Angeli del Soccorso, Croce Rossa Italiana – Comitato Locale Agro,  Obiettivo Danza Pagani,  Pro loco Nocera de’ Pagani “Gerardo Violante“,  Papa Charlie, Agro Progresso Ambiente, EFFE 2G S.C. ASD, Asd Azzurra Fatima Fbc, Asd IEF Sporting club, la città ha messo in campo il cuore e tutte le energie per raccogliere fondi e permettere alla famiglia di Miriam di sostenere le spese per un imminente e delicatissimo intervento negli Stati Uniti. Un traguardo raggiunto, una giornata importante, significativa, allegra nella quale il valore dello sport e quello della solidarietà si sono ancora una volta imposti. In eventi del genere ciò che conta non è certo il punteggio finale che alla fine ha visto prevalere la formazione della Nazionale Italiana Calcio Attori 1971 per 4-2 sulle All Stars, composta dai rappresentati delle associazioni e del Comune di Pagani. A dare il calcio d’inizio Simona Lambiase e Giuseppe Corsini, i genitori della piccola, che con delicatezza e grande trasparenza hanno ringraziato per l’immenso sostegno i promotori dell’iniziativa e tutti coloro che, in questi mesi, hanno contribuito alla raccolta fondi. Nella puntata le interviste agli attori del piccolo e grande schermo che hanno dato il contributo fattivo all’evento.

Il Salotto di Bry” è scritto e condotto dalla giornalista Brigitte Esposito, regia e riprese di Gerardo Roberto Tartaglia, fotografia di Angelandrea Falcone. Una produzione www.360gradiwebtv.it

VIDEO E INTERVISTE 

 

CLICCARE SULLA FOTO PER ACCEDERE ALLA FOTOGALLERY 

A Raffaele Paganini il Premio alla carriera Marte in Danza 2019

L’etoile internazionale inaugura la V edizione il 27 ottobre
Al Gran Gala in suo onore seguiranno 4 serate omaggio all’arte coreutica
L’evento segna il passaggio di testimone: Lamberti Design nuovo amministratore del Marte
Cava dei Tirreni, 10 Ottobre 2019 Sarà Raffaele Paganini il grande ospite di Marte in Danza, quinta edizione dell’evento patrocinato dal Conseil International de La Danse dell’Unesco, promosso e ospitato dal Marte – Mediateca Arte Eventi, in programma dal 27 ottobre all’1 dicembre negli space del polo culturale metelliano. All’etoile internazionale, che in passato, nella sua prestigiosa carriera ha anche condiviso la scena con i direttori artistici del MID Pina Testa e Stefano Angelini, sarà consegnato il premio alla carriera. Il riconoscimento, istituito lo scorso anno e assegnato per la prima volta a Josè Perez, questa volta andrà a Paganini, in segno di riconoscenza per il suo essere stato messaggero della danza in tutto il mondo.
Con l’artista italiano, domenica 27 ottobre alle 18.30, si alzerà per la quinta volta il sipario su un evento che mira a divulgare l’alto valore propedeutico ed artistico della danza: cinque le serate durante le quali allievi promettenti, talenti emergenti, professionisti e grandi ospiti condivideranno lo stesso palco tra emozione e magia. Alla stella che incornicia la Marte in Danza 2019, il compito di raccontare la propria esperienza, i suoi sacrifici, i suoi mille viaggi lontano dalla famiglia e dagli affetti per inseguire un sogno che poi è diventato realtà. Lui, che ha ballato nei teatri più prestigiosi di tutto il mondo, che ha impreziosito i corpi di ballo delle più importanti trasmissioni di successo, che ha firmato la direzione artistica dei più famosi eventi a tema danza, che ha tutelato questa meravigliosa arte, non potrà che essere d’insegnamento e stimolo alle nuove generazioni che con qualche tentennamento hanno scelto di cibarsi di danza e di credere che un futuro “alla sbarra” sia possibile.
Paganini sarà spettatore di un Gran Gala a lui dedicato in cui danzeranno gli allievi ma anche tanti ospiti (ancora top secret) provenienti dalle maggiori fondazioni lirico sinfoniche italiane, danzatori professionisti. Una serata di festa, un inno alla danza.
Il 9 novembre (alle 20.30) la rassegna prosegue con la serata “Viaggio nella danza” ovvero un tour tra stili ed espressioni che incrocia luoghi, paesi e continenti. Il 23 novembre (alle 20.30) il Marte si fa crocevia delle scuole più prestigiose della Campania che approderanno nel polo metelliano per un confronto sulla scena altamente costruttivo e formativo. In cartellone anche il doppio appuntamento (alle 17 e alle 20.30) del 30 novembre con “La danza nel mondo” per tradurre in passi tradizioni, culture, abitudini, stili di vita e poi il gran finale, l’1 dicembre, con la doppia grand soirée (alle 17 e alle 20.30)  “Natale in Danza” che accompagnerà lo spettatore nella fiabesca, magica e calda atmosfera del Natale.
Marte in Danza segna anche un passaggio di testimone importante nell’amministrazione del Polo Culturale metelliano, oggi nelle mani della famiglia Lamberti. «Come famiglia cavese siamo lieti ed onorati di essere promotori di cultura e bellezza nella nostra cittadina – dichiara Maria Lamberti già  Developer Manager di Lamberti Design, ora A.U. della Marte srl – non possiamo far altro che augurarci di avvicinare sempre più persone alle nostre attività che vedranno nei prossimi mesi incrementi in termini di servizi e novità».

“Charme in Passerella” conquista Minori con l’alta moda e un coinvolgente spettacolo

Emozionante e romantica la sfilata di alta moda andata in scena e orchestrata sapientemente dinanzi alla Basilica di Santa Trofimena a Minori, città dal fascino divino. Il Gran Galà “Charme in Passerella”, ideato dall’event planner Carolina Di Martino in collaborazione con il Comune di Minori e presentato dalla giornalista e conduttrice televisiva Brigitte Esposito, ha avvolto in un dolce abbraccio i numerosi spettatori presenti nella gremitissima Piazza Cantilena. Le collezioni haute couture 2020 dello storico e rinomato Atelier di Angri Pastore since 1940 di Anna e Vincenzo Pastore, magistralmente abbinati ai preziosi ed esclusivi gioielli di alta manifattura della Gioielleria Contè Amalfi Coast di Alfonso Iozzino, sono stati interpretati con grande professionalità dalle splendide modelle strappando scroscianti applausi a scena aperta. Ad accompagnare le uscite delle modelle in una trama originale, elegante e creativa i maestri di fama nazionale Pierpaolo e Raffaele Petti, un duo sorprendente ed innovativo che, sulle note di sax e violino, ha creato atmosfere magiche e sognanti. Ad impreziosire il defilé di alta moda non solo ricerca musicale, ma anche veri e propri quadri narrativi danzanti dipinti dalla Soul Ballet Academy di Giovanna Parlato. Ipnotiche performance, alternate a scintillanti abiti in scena, hanno scandito il ritmo classico, moderno e contemporaneo terminato con uno spettacolare e sensuale tango.  Tra le linee essenziali degli abiti e le affascinanti trasparenze è stata intensa la profonda e graffiante voce di Valeria Marrazzo che ha infiammato il pubblico così come gli emozionanti giochi di fuoco degli artisti della Alterego Events. Fantasiosa e fiabesca la scala allestita da Fiori Ferrigno di Maria & Tina così come il gustoso caffè a limone offerto al pubblico da Granato Caffè.

Il Salotto di Bry è condotto dalla giornalista Brigitte Esposito, regia e riprese di Gerardo Roberto Tartaglia, fotografia di Angelandrea Falcone. Una produzione www.360gradiwebtv.it

VIDEO DELLA SFILATA E INTERVISTE

Cliccare sulla foto per accedere alla PHOTOGALLERY 

 

La XXIII^ Edizione de “I Cortili della Storia” a Sant’Egidio del Monte Albino, un successo nazionale.

Una folla oceanica ha invaso l’affascinante centro storico di Sant’Egidio del Monte Albino in occasione della XXIII^ edizione de “I Cortili della Storia. L’entusiasmo riscontrato ha reso estremamente soddisfatta la Pro Loco, guidata magistralmente dalla vulcanica presidentessa Angela De Rosa. Un plauso agli instancabili soci, ai figuranti, alle associazioni che hanno collaborato, agli artisti e ad ogni singolo santegidiano per la grinta e l’impegno profuso nella straordinaria e superlativa organizzazione. Una collaborazione divenuta fondamento stesso di una cultura organizzativa specifica che ha decretato il successo dell’evento. La Pro Loco, pur restando ancorata al solco della tradizione, ha reso innovativa la macchina del tempo con i suoi saperi e i suoi sapori. La città è diventata simile all’ampolla di un alchimista che, miscelando gli ingredienti più svariati, ha prodotto due giornate incredibilmente magiche e speciali. Un viaggio a ritroso, una scenografia nei cortili esaltata fedelmente e nei dettagli da scene di vita quotidiana di un tempo. Dame e cavalieri, arcieri, falconieri e giullari hanno hanno conquistato tutti per l’altissima qualità degli spettacoli, per l’interessante fiera delle arti e dei mestieri, per il museo delle torture, per le affascinanti mostre d’eccellenza, per il maestoso corteo e la genuinità dei piatti della tradizione gastronomica sangiliana apprezzati da migliaia di persone che sono giunte da ogni parte d’Italia diventando parte integrante della manifestazione. Di grande fascino il Corteo Storico per le strade del borgo durante il quale viene proclamato il sindaco dell’Antica Università di S. Egidio che si svolse dagli inizi del 1500 al 1806, anno in cui per effetto della legge di abolizione della feudalità di Giuseppe Bonaparte, Re di Napoli, furono soppresse le Università e costituiti i Comuni. Tre i momenti salienti: il saluto del rappresentante della città di Nocera sul sagrato della Chiesa di S. Maria delle Grazie, il corteo e la rievocazione della riunione del Parlamento dell’Università nel corso della quale viene eletto il sindaco.

Nello “special televisivo” del Salotto di Bry le interviste ai protagonisti.

Il Salotto di Bry è scritto e condotto dalla giornalista Brigitte Esposito, regia e riprese di Gerardo Roberto Tartaglia, fotografia Angelandrea Falcone. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con TAone.

IL VIDEO – LE INTERVISTE 

IV^ edizione Festa del Vino di Lettere: l’itinerario al profumo di mosto il 21 e 22 settembre nel Castello Medioevale

di Brigitte Esposito

Nell’aria si respira già profumo di autunno e a Lettere, il 21 e 22 settembre, torna l’evento dal sapore vinoso, delicato e frizzantino: La Festa del Vino di Lettere 2019. Una quarta invitante e coinvolgente edizione, nell’antico e famoso Castello Medioevale, durante la quale si festeggerà il rito della vendemmia pronta a dare il via alla produzione di uno dei vini più noti a livello nazionale: il frizzantino rosso naturale DOC, amabile per la spuma viva e per l’intenso e spiccato sapore. La kermesse, ideata e organizzata dalla Pro Loco di Lettere capitanata da Antonio Ruocco, è in sinergia con il Comune di Lettere e in collaborazione con l’A.I.S. Campania Penisola Sorrentina. Il sindaco Sebastiano Giordano, il vicesindaco e assessore agli eventi Gerardo Vuolo, il presidente della Pro Loco Antonio Ruocco, l’architetto Paola Marzullo direttore del Parco Archeologico del Castello, il direttore artistico Alfonso Del Sorbo, l’assessore al turismo Elvira Pentangelo, l’assessore alla cultura Anna Amendola e l’assessore alla sicurezza Angelo Della Marca, con immenso entusiasmo condurranno gli appassionati di vino, di arte culinaria e i visitatori non solo in pregiati vigneti, ma anche in tre scenografiche aree altamente storiche, folk e conviviali. Il dolce nettare letterese sarà versato nel cuore dell’antico borgo medievale attraverso un caleidoscopico e variegato programma all’insegna di un soave e squisito itinerario enogastronomico alla scoperta dei colori e dei sapori di una città da sempre legata alla tradizione. Vini di note cantine accostati sapientemente a primi e secondi piatti della tradizione, preparati sul posto dagli chef dei migliori ristoranti ed aziende agricole letteresi, saranno i protagonisti dell’attesa kermesse. Arte, musica, cultura, spettacolari performance, folklore ed enogastronomia per vivere un’esperienza storico-sensoriale decisamente unica.

INFO 
– Start Ore 19:30
– Ticket Ingresso Completo 12 € ( 2 Primi  1 Secondo  2 calici di Vino ( o acqua ) 1 Dolce  E liquore Locale  )
–  Ticket Cena limitato/bambino 6 € ( o primi o secondi sempre con dolce vino o acqua )
I Ristoratori della serata :
#La canonica special events
#Resort Paradiso
#Elisabetta luxusury events
#Gran hotel ristorante la meridiana
#Borgo Antico
#Giardino delle Rose
#Ristorante la Panoramica
# Villa Palmentiello
Gli artigiani della serata :

– Caseificio fratelli Bari
– Caseificio Bari
– Macelleria Vuolo
– Macelleria D’Amora
– Parco Mille Luci
– Panificio Calabrese
– Panificio Varone
– Pasticceria Di Dato
– Liquori Sorrentino
Zona Parcheggio con Navetta (4 euro per autoveicolo)

Per raggiungere evento da Autostrada 👉 uscita Castellammare direzione Gragnano ➡️Direzione Lettere 👉Uscita Angri Direzione Sant’antonio Abate ➡️ Direzione Lettere

OFFICIAL SPOT – FESTA DEL VINO DI LETTERE 2019 

Una produzione www.360gradiwebtv.it 

 

Nasce Cantaballo, il programma di movimento creativo contro “l’analfabetismo motorio”

I bambini di oggi “non sanno più muoversi”, perché sempre più spesso attratti dall’utilizzo di tv o di dispositivi tecnologici e multimediali: da questa osservazione nasce Cantaballo, il primo programma di educazione al “movimento creativo” per bambini. Ideato dall’esperta del settore, Rosa Cipriano, il programma di esercizi si avvale del canto e della danza per favorire nei più piccoli un approccio naturale al movimento gioioso e giocoso.

 

«Il 71% dei bambini di oggi preferisce trascorrere il proprio tempo libero utilizzando strumenti digitali come tablet, smartphone, pc, e non fanno più esperienza di movimento» spiega la dott.ssa Rosa Cipriano, esperta in programmi di educazione al movimento creativo per bambini, che aggiunge: «Si parla di “analfabetismo motorio”, proprio per indicare il grave deficit dei bambini di oggi, che hanno difficoltà a compiere anche i movimenti di base come correre, saltare, arrampicarsi».

 

«Eppure – continua l’esperta – il movimento è strettamente correlato allo sviluppo cognitivo: muovendosi il bambino impara a conoscere se stesso, migliora le capacità di relazionarsi con gli altri, sviluppa la propria intelligenza. Quando un fisico è mantenuto attivo anche il cervello ne giova. Il movimento non è solo pratica sportiva, nei bambini è soprattutto gioco libero e spontaneo».

 

Partendo da queste premesse e attraverso lo studio del valore educativo della danza e della musica, Rosa Cipriano ha ideato il Cantaballo: si tratta del primo programma di esercizi motori per bambini, cantati e ballati, che si basa su canzoni inedite, dalla stessa scritte e interpretate.

 

«Ogni canzone – spiega l’ideatrice del progetto – descrive un percorso motorio che si sviluppa su specifici obiettivi educativi. Canto e movimento creativo si uniscono per dar vita a un programma completo di attività motoria per bambini di età compresa tra i 4 e gli 8 anni. Grazie alle canzoni e agli esercizi Cantaballo, i bambini fanno un’esperienza didattica completa, che consente loro di sviluppare le capacità motorie di base, con un approccio giocoso e divertente».

 

Insieme alla dottoressa Rosa Cipriano, un comitato scientifico composto da dirigenti scolastici, neuropsichiatri infantili, ricercatori universitari, pediatri, logopedisti, vaglia e testa l’efficacia della metodologia per lo sviluppo psicomotorio del bambino.

In questa direzione gli studi della dott.ssa Cipriano hanno suscitato interesse e trovato piena sintonia con le attività di ricerca che conduce la prof.ssa Carmen Palumbo, ricercatrice presso il dipartimento di Scienze Umane, Filosofiche e della Formazione/Disuff dell’Università degli Studi di Salerno.

 

«Sul sito Cantaballo.it – conclude quindi Rosa Cipriano – è possibile ricevere subito video guide gratuite dove spiego esercizi semplici ed efficaci da fare con i bambini. Docenti, insegnanti di danza, educatori dell’infanzia, laureati in scienze motorie, potranno apprendere il programma completo seguendo il corso on-line che consente di imparare la metodologia Cantaballo e scaricare le canzoni».

 

Cantaballo, però, ha anche una finalità sociale. Il programma Cantaballo col cuore, consente ai bambini ospiti di Enti, Onlus, Associazioni, di sperimentare la gioia del movimento cantato e ballato. Tutte le info sono disponibili su www.cantaballo.it.

Un successo l’edizione 2019 del “Premio Ritratti di Territorio” di Nunzia Gargano

Una serata esplosiva, di #deflagrazioni, come da claim dell’edizione 2019 del Premio Ritratti di Territorio.  Ancora una volta tutto esaurito per la rassegna, giunta quest’anno alla sesta edizione, organizzata dalla giornalista Nunzia Gargano a Pagani. Presso il ristorante “Il Bagatto” in via Termine Bianco sono state diverse le personalità premiate; tutte con un minimo comune denominatore: l’impegno, la passione e la professionalità al servizio del territorio. La kermesse, come per le precedenti edizioni, è stata divisa in due parti: il premio e la degustazione enogastronomica.

Ecco, nei dettagli, la lista dei premiati dell’edizione 2019. 

Giornalismo e impegno civile: Marina Alaimo

Musica: Franco Ascolese, Manuel Zito

Teatro: Roberto Azzurro

Creatività linguistica e culturale: Edgardo Bellini

Premio alla carriera: Giuseppe Cacciatore

Fotografia: Armando Cerzosimo

Giornalismo: Antonio Corbo

Teatro: Gianfranco Gallo, Antonio Gargiulo, Roberto Russo

Moda: Alessandro Legora

Premio Speciale Ritratti di Territorio: Enzo Moscato, Claudio Gubitosi

Regia: Francesco Mucci

Sport: Claudia Palumbo De Vivo

Arti urbane: Veronica Pepe

Saggistica: Isaia Sales

Cinema e teatro: Andrea Contaldo, Anna Rita Vitolo

Regia: Gaetano Del Mauro

Premio speciale alla memoria di Antonio Esposito Ferraioli

Scrittura e giornalismo: Federico Esposito, Aldo Padovano, Alfonso Tramontano Guerritore, 

Ritratti di Territorio Food Award: Angela Pergamo, Alfonso Califano, Nando Bifulco (New concept), Luisa Matarese Alma De Lux, Azienda Penna di Sassano, Caseificio Aurora (azienda storica), Silvia Chirico (ecosostenibilità ambientale), Davide Mea (chef emergente), Pasquale Bevilacqua (Pastry chef emergente), Filippo Cascone (mastro fornaio), Ciro Di Giovanni e Nicoletta di Patre di Sakura Piscine Pizzeria Magma, Pizzeria La Pergola di Scafati, Francesco Pastore (chef della pizza)

Il Premio Ritratti di Territorio nasce nel settembre 2014 dalla felice intuizione di Nunzia Gargano – giornalista, specializzata in enogastronomia e promozione culturale che – in occasione dei suoi venti anni di giornalismo – ha inteso omaggiare con una manifestazione annuale il patrimonio, la cultura, le tradizioni e l’enogastronomia locale.

Ritratti di Territorio è oramai un appuntamento fisso, l’occasione per evidenziare le potenzialità della Campania e del Sud. Un evento che serve anche a valorizzare tutti coloro che si sono distinti nei propri settori di interesse che hanno un minimo denominatore comune: amore e profondo legame con la propria terra di origine.

“Il Salotto di Bry” è scritto e condotto dalla giornalista Brigitte Esposito, regia e riprese di Gerardo Roberto Tartaglia, fotografia di Angelandrea Falcone. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con TAone.

 VIDEO 

PER ACCEDERE ALLA PHOTOGALLERY CLICCARE SULLA FOTO 

Dal 5 al 9 settembre Angri festeggia la Regina della Pace: il programma religioso e civile

Tenetevi pronti per il rientro dalle ferie perchè ad Angri fervono i preparativi per i festeggiamenti in onore della Madonna della Pace che si terranno dal 5 al 9 settembre 2019 in Via Nazionale. Un appuntamento che, da anni, incanta per il suo fascino religioso, ludico, folkloristico e per le intense atmosfere musicali capaci di richiamare in città migliaia di persone da ogni dove. Padre Antonio Cuomo, parrocco presso la Parrocchia Regina Pacis di Angri, e i giovani della Commissione Festeggiamenti hanno reso noto il ricco ed articolato programma delle serate che, intrecciando l’aspetto religioso con eventi, spettacoli ed enogastronomia, non deluderà le aspettative dei partecipanti.

A seguire il programma religioso e civile:

Giovedi 5 settembreGiornata del malato, degli anziani e dei nonni

Alle ore 19.00 accoglienza della Madonnina pellegrina. Santa Messa e preghiera per gli ammalati, anziani e nonni. Benedizione dei giovani della Commissione Festeggiamenti. Al termine inaugurazione del nuovo piazzale della della Chiesa e momento di festa e condivisione a cura della Caritas Parrocchiale.

Venerdi 6 settembre – Giornata dei bambini

Dal pomeriggio il Villaggio della Pace a cura dell’Azione Cattolica parrocchiale.

Alle ore 19.00 Santa Messa, benedizione dei picoli Angeli della pace e delle Figlie della pace, Passaggio sotto il manto.

Alle ore 21.00 la VII^ Edizione del Summer Music Festival, la grande kermesse canora organizzata dai giovani della Parrocchia con la direzione artistica del musicista di fama nazionale M° Pierpaolo Petti, un’ orchestra live, ospiti d’eccezione e una giuria di qualità.

Sabato 7 settembre – Giornata dei Giovani

Alle ore 19.00 Santa Messa e preghiera con i giovani per il nuovo anno scolastico.

In serata Marco Calone in concerto.

Domenica 8 settembre – Natività di Maria – La comunità in festa

Alle ore 7.30 Santa Messa e peregrinatio della Madonna per le strade della Parrocchia.

Alle ore 21.00 Processione solenne con inizio dalla scuola Taverna.

Alle ore 22.00 i Vaj Mò Live band in concerto

Lunedi 9 settembre

Alle ore 19.00 Santa Messa. Consacrazione alla Regina della Pace degli sposi novelli e dei bambini battezzati da settembre 2018 ad oggi.

In serata Daniele De Martino in concerto.

Giovedi 12 – SS. Nome di Maria

Alle ore 19.00 Santa Messa di ringraziamento e saluto alla Regina della Pace, la venerata statua parte per il restauro.

Nei giorni della festa verrà consegnata all’Associazione BAOBAB il frutto del digiuno quaresimale per la costruzione di una scuola e il mantenimento di 200 bambini nella Missione di Tampellin (Burkina Faso) guidata dai padri missionari di don Orione.

Inoltre ci saranno nel corso delle serate gli Stand gastronomici organizzati dai gruppi parrocchiali del Rinnovamento nello Spirito e del Cammino neocatecumenale. Si potranno assaggiare ottime specialità, in particolare il tradizionale soffritto.

PROMO

 

Il 14 e 15 settembre la XXIII Edizione de “I Cortili della Storia” a S. Egidio del Monte Albino

Sabato 14 e Domenica 15 settembre ritornano I Cortili della Storia giunti alla XXIII Edizione. Un’antica e seguitissima rievocazione Storica con un avvincente percorso gastronomico nella città di Sant’Egidio del Monte Albino in Campania.  Si narrano fatti, storie e e la festa passata del casale. Una rievocazione di quella che poteva essere una “festa popolare” dell’antichità, articolata in momenti che vanno dal basso medioevo al secolo XVI.
L’ambientazione della manifestazione, pertanto, ricrea momenti di vita di quel tempo, in modo che il visitatore possa compiere una sorta di viaggio nel tempo, tra l’atmosfera cortese dei cortili e l’allegria delle piazze in festa.
Ad accoglierlo, all’interno dei cortili, troverà figuranti in costumi d’epoca che gli proporranno l’assaggio di alcune pietanze tipiche del posto, preparate secondo antiche ricette (come il “fusillo sangiliano” fatto a mano, la pasta di “sciuanelle” e la pizza di granone farcita col pomodorino solo per limitarci ad alcuni esempi).
Inoltre, in altrettanti cortili, detti dei “cunti”, a cura della compagnia “ARTENAUTA” con la regia di Simona Tortora e della compagnia “ProLoco in Scena”, il turista assisterà alla narrazione di antichi fatti realmente accaduti nel casale. Mentre in altri cortili, come quello in cui è ambientata una scena di una classica cena medievale, il visitatore assisterà alla rievocazione di ambientazioni tipiche della vita dell’epoca. Il vero tuffo nel passato è garantito dalla fiera delle antiche arti e mestieri. Grazie alla presenza di artigiani ed artisti in costume storico medievale, che lavoreranno tutti sul posto, il visitatore, nelle due serate della manifestazione e nella mattinata di domenica, potrà assistere ad alcune estemporanee di antichi mestieri. Per l’occasione saranno presenti le macchine della tortura e macchine da guerra di epoca medievale. Con la “Dea dei serpenti” si assisterà ad un momento magico dove si avrà la possibilità di vedere da vicino serpenti di varie specie e di interagire con essi. Un arte antica e affascinante, vero intrattenimento delle antiche feste e dei mercati dei quell’epoca come quella dei falconieri, altro momento di grande svago durante le feste. A cura dell’ associazione “I Cavalieri del Giglio” e della compagnia “Compagnia Arcieri D’Oria” parteciperà a combattimenti e a scontri tra cavalieri, a dimostrazione nell’arte della spada e scudo, mentre il gruppo di arcieri, con il suoi coinvolgimento, darà vita al torneo.

PROGRAMMA

Sabato 14 Settembre

Ore 20.00 – Apertura e visita ai cortili del Centro Storico.
Musiche tradizionali e degustazioni di prodotti tipici.
Fiera delle arti e mestieri medievali.
Esibizione incantatori di serpenti e dei falconieri.
Esibizione acrobati del borgo. Combattimento arma bianca.
Spettacolo della condanna al patibolo.
Spettacoli di recitazione all’interno dei cortili.

– Domenica 15 Settembre

Ore 12.00 – Mercato medievale e degustazione di prodotti tipici presso la Corte di Palazzo Ferrajoli della Fontana. Esibizione dei Falconieri e incantatori di serpenti.

Ore 17.30 – Partenza del Corteo dei figuranti da Piazza Municipio;
Ore 18.00 – Arrivo dei figuranti alla chiesa di Maria SS. delle Grazie;
Ore 19.00 – Arrivo dei figuranti all’abbazia di Santa Maria Maddalena;
Rievocazione Storica degli eletti dell’antica Università di Sant’Egidio.
Ore 20.00 – Apertura e visita ai cortili del Centro Storico.
Musiche tradizionali e degustazioni di prodotti tipici.
Fiera delle arti e mestieri medievali.
Esibizione dei falconieri e incantatori di serpenti.
Esibizione Acrobati del borgo. Combattimento Arma Bianca.
Spettacolo della condanna al patibolo.
Spettacoli di recitazione all’interno dei cortili.

 

 

Il 10 Luglio Capone & BungtBangt, Solis String Quartet e Iaia Forte in “Strativari” per il Napoli Teatro Festival Italia 2019

Strativari” è uno spettacolo che vuole mettere a fuoco l’immagine di una Napoli multiforme. Due gruppi musicali assai diversi per vocazione e storia collaborano, con la complicità teatrale preziosa di Iaia Forte, a realizzare uno spettacolo nuovo che, alternando citazioni a contributi originali, celebra l’immagine inconsueta di una città non etichettabile. Vista dall’alto, la città sembra una sola ma al viaggiatore, che sceglie di calarsi nelle sue viscere per attraversarla, Napoli rivelerà i molti strati che la compongono, sovrapposti e percepibili nella loro specificità affascinante, eppure indissolubilmente legati in un in-treccio di colori, di odori, di suoni. Non esiste logica che spieghi il mistero di questa osmosi feconda di anime favorita da legami invisibili che vanno ben oltre la vicinanza fisica. A svelarlo, semmai, sarà una suggestione sonora che, al pari della città, non ammette categorie: non è nobile né plebea, ma forte e autentica sia che provenga da un violino, sia da una vecchia scopa travestita da chitarra o da una voce che seduce, culla e rapisce. Non bastano occhi, gambe e ragione per viaggiare attraverso la città a strati: ci vuole la musica.

L’idea di questo spettacolo nasce da lontano – ci spiega Maurizio Capone frontman dei BungtBangt -, nel senso che uno dei miei obbiettivi, dal 1999, è quello di arrivare a toccare anche la musica classica con la nostra strumentazione ed il nostro linguaggio. Quindi quando Ruggero Cappuccio, direttore del NTFI, mi ha chiesto di partecipare al festival 2019 con un progetto inedito non ho esitato a proporre un ensamble con i Solis String Quartet. Siamo due quartetti con linguaggi e strumentazione estremamente diversi ma con una identica visione della musica sul piano filosofico. Già avevamo avuto il piacere di collaborare con loro nel nostro brano “Case Fracassate” quindi già avevamo un buon feeling. Ma questa volta la fusione integrale dei due gruppi è spettacolare, sia musicalmente che umanamente abbiamo lavorato come un collettivo nel quale l’obbiettivo è creare bellezza senza anteporre personalismi. Un’esperienza molto stimolante ed anche divertentissima visto che lo spirito che ci accomuna è anche goliardico. Durante la prima riunione abbiamo subito pensato di coinvolgere persone che potessero darci ulteriori elementi che rendessero ancora più originale il progetto, per questo abbiamo subito coinvolto Stefano Valanzuolo per la scrittura di un soggetto e Raffaele Di Florio per la regia. Una volta composto il gruppo motore avevamo la necessità di coinvolgere un attore poliedrico e spericolato che sapesse interpretare i mille strati che compongono lo spettacolo, abbiamo deciso che Iaia Forte fosse la persona adatta a completare questa idea di trasversalità e di stratificazioni musicali e culturali. La sua teatralità, che proviene dall’avanguardia napoletana, ci ha arricchito ulteriormente e contribuisce a rendere unico il progetto. Le scelte artistiche vogliono descrivere una Napoli fuori dagli stereotipi, anche di quelli di recente nascita, e suggeriscono nuove visioni, alternative e di ampio respiro. Sia noi che i Solis già lo facciamo, ognuno a proprio modo, ma questa è è una sfida molto ambiziosa che ci porta in ambiti nuovi ed anche molto diversi accostando l’inaccostabile. Posso garantire che questa è la cifra del nostro modo di fare arte: mai fermarsi e crogiolarsi in quello di cui già siamo capaci. Sempre avanti verso nuove sfide e nuove contaminazioni.” 

Lo spettacolo Strativari è concepito come una suite e si compone di otto movimenti (con un Prologo ed un Epilogo) differenti per colori, dinamiche ed atmosfere. Otto tavole, otto ritratti emotivi che toccano altrettanti affetti – il ricordo, la passione, il gioco, lo scontro, la fatica, la denuncia, il desiderio, la devozione – esplorati dal punto di vista dei napoletani.

La non convenzionalità è un tratto che ci contraddistingue da sempre e che ben si sposa con Capone&BungtBangt – dichiara Gerardo Morrone dei Solis String Quartet – in questo progetto raccontiamo la nostra città, attraverso la voce accattivante, incisiva e spesso irriverente di Iaia Forte. Gli stimoli sono molteplici come gli strati della Napoli fatta di pluralità di linguaggi e stili unici. Dal punto di vista musicale abbiamo messo in relazione, con il gioco del contrasto, grandi autori come Bach, Mozart, Prokofiev e Viviani con brani originali sia di Capone che del Solis String Quartet composti da Antonio Di Francia. Il tutto sapientemente curato da Stefano Valanzuolo e Raffaele Di Florio.”

L’obiettivo dello spettacolo è gettare uno sguardo disincantato su un territorio troppo spesso, e a sproposito, psicoanalizzato, scandagliato, vituperato o troppo amato, cogliendo il tormento e l’estasi di una realtà contraddittoria e anche per questo affascinante.
Il titolo, invece, attraverso un gioco di parole, evoca il nome del più celebre liutaio di tutti i tempi e rimanda ad una dimensione nobilmente classica. Ma gli “strati” “vari” che compongono l’immagine di Napoli sottintendono, in realtà, una pluralità di linguaggi, stili, corpi e anime che, forse, non ha uguali altrove. Così come la stratificazione geologica di un territorio racconta l’evoluzione morfologica del luogo, così il metodo usato per costruire la “drammaturgia”del lavoro musicale/teatrale ha adottato la “stratificazione” della musica nelle sue infinite declinazioni, cercando di restituire allo spettatore le tante identità di una collettività, di un paese, di un’intera civiltà.

Per me è un onore lavorare con musicisti incredibilmente bravi – dichiara l’attrice Iaia Forte – e credo sia fondamentale, in un momento storico come questo, ri-aggregarci artisticamente in un processo collettivo che vede anche regia a autore parte imprescindibile. Realtà apparentemente diverse si sono incontrare e unite dalle stesse necessità espressive e intenti artistici. Questa cosa mi rincuora e mi rende vitale specie oggi che si tende a fare esperienze artistiche individualistiche. Quindi non c’è solo il piacere, come attrice, di far parte di un organico così ricco e stimolante ma come essere umano ho il piacere di aderire ad uno spettacolo in cui l’incontro diventa un elemento imprescindibile e prezioso“.