Europein Veicoli presenta l’innovativa e funzionale “De Vivo Crane”


La prestigiosa azienda Europein Veicoli, con sede a San Valentino Torio in provincia di Salerno, nasce dalla passione e dall’impegno della famiglia De Vivo, che da oltre 40 anni opera nel settore di vendita e noleggio di autovetture, veicoli commerciali con un’efficace e professionale assistenza e servizi ad essi legati. I titolari Maurizio, Pasquale e Antonella, insieme al qualificato team di tecnici, offrono e garantiscono quotidianamente un’immediata consulenza nella scelta di veicoli funzionali, su misura e che si adeguano maggiormente al tipo di lavoro che si svolge. La passione per i motori è per Europein Veicoli motivo di continua crescita ed evoluzione. In questa puntata i titolari hanno presentato un veicolo Daily con cassone ribaltabile e gru con antenna firmata De Vivo Crane.

Europein Veicoli vi aspetta in Via Cesina 40 a San Valentino Torio.
E-mail devivoeuropeinveicoli@gmail.com

La puntata e realizzata e prodotta dalla web/Tv www.360gradiwebtv.it

CLICCARE SULLA FOTO PER ACCEDERE ALLA PHOTOGALLERY

Pasquale e Maurizio De Vivo – i titolari

Antonella De Vivo – titolare

Come sarà il Post Covid? Esperti e gente comune ridisegnano il futuro con CoviDesignJam MH

Quotidianità e relazioni, lavoro e imprenditorialità, mobilità e viaggi, cultura e intrattenimento, istruzione e formazione: sono questi i temi sui quali si concentrerà la COVIDesignJam

Persone comuni, artisti, stakeholder, sportivi e professionisti virtualmente riuniti dal 22 al 24 maggio su miro.com immaginano soluzioni positive di adattamento al Covid–19, per ridisegnare il nostro futuro, conciliando le nuove necessità alla quotidianità, alla socialità e non solo, proponendo nuovi orizzonti progettati a misura d’uomo.

COVIDesignJam nasce da Digital Entity NOIS3, due agenzie di design già presenti con il loro lavoro nel nostro vissuto quotidiano, progettisti dietro le quinte delle nostre vite, che propongono soluzioni quasi cucendole addosso alle nostre necessità. Loro è l’idea di una Design Jam dedicata a come dovremo convivere con il Covid-19 nei nostri gesti quotidiani. Il tema non  le regole più manifeste, come il distanziamento fisico o lo stare in fila, ma anche il nostro essere sociali: come saluteremo i nostri amici? Quando e dove potremo vederli? Che ne sarà delle nostre cene ai ristoranti o degli aperitivi? Che cosa significa turismo di prossimità, materialmente come funzionerà? E se volessimo andare al cinema o a un concerto?

La Design Jam è un format, una maratona progettuale lunga un fine settimana, fatta di persone che si ritrovano senza avere nulla di preordinato se non le proprie esperienze, pronti per progettare soluzioni.

Come in una jam session fra musicisti, nella quale si suona insieme improvvisando e unendo i propri bagagli culturali e creativi, in una design jam l’ingrediente fondamentale è l’ibridazione fra i diversi approcci. Intorno ai tavoli durante la jam ci saranno i protagonisti di quei settori che maggiormente necessitano di trovare nuovi modi: per viaggiare, andare a scuola, mangiare in un ristorante, lavorare.

COVIDesignJam è un fine settimana durante il quale pensare proposte per risolvere le necessità quotidiane, le nuove esigenze imposte dall’emergenza coronavirus; guardando al presente per immaginare un futuro che offra soluzioni, attraverso il confronto in diverse sessioni per offrire risposte e soluzioni a governanti e società civile.

Al centro delle Design Jam e quindi anche della COVIDesignJam ci sono i Designer.

Vi siete mai chiesti chi ha deciso che il principale pulsante degli smartphone fosse a portata di pollice? I designer. Chi ha progettato l’utilizzo di siti così facilmente consultabili anche dai nostri nonni? I designer. Perché le posate sono le primo cassetto della cucina? Sempre i designer.

Quegli stessi designer che a loro volta hanno deciso di chiamare a raccolta dal 22 al 24 maggio colleghi, addetti ai lavori, esperti, ma anche gente comune e cittadini per provare a far convivere le necessità quotidiane con le nuove modalità di vita imposte dal Covid-19.

Come ripensiamo la socialità? La vita pubblica? I viaggi? La mobilità? L’istruzione?

Probabilmente per qualche istante, durante il lockdown, anche noi abbiamo provato cosa significhi guardare il mondo con gli occhi di un designer. Mentre cercavamo soluzioni ai problemi che di giorno in giorno abbiamo affrontato in casa, nel lavoro, nella gestione delle nostre vite in un ambiente improvvisamente molto diverso dal solito abbiamo unito competenze, informazioni, risorse e idee.

“Sospese.io”, l’app solidale per la collettività, il progetto open source di weBeetle

Sospese.io​ è una web app ​contenitore di segnalazioni​ di punti di raccolta e di ritiro di beni e servizi donati, un progetto che mira a potenziare la pratica del ​dono intesa come pratica di comunità​.   Sospese.io, progetto no profit ideato da Riccardo Tartaglia per la weBeetle srl, nasce nel tentativo di condensare e organizzare tutti i punti di raccolta e di ritiro di beni e servizi donati.   In questo periodo la nostra azienda si è interrogata su come poteva ​mettere le proprie competenze a servizio della comunità​ e, tra le varie idee condivise, abbiamo deciso di produrre qualcosa che potesse essere ​utile anche in futuro​, quando l’emergenza sarà finita. Attraverso Sospese.io, gli utenti possono ​cercare e segnalare un “punto sospeso”​, punti di raccolta di  beni e servizi sospesi oppure ​dichiarare una donazione effettuata​. Il progetto Sospese vuole sostenere la disseminazione di pratiche benefiche attraverso la condivisione, in modo da attivare un circuito virtuoso del dono.   Perché Sospese?  Abbiamo voluto che il nome si legasse alla pratica solidale del “​caffè sospeso​” di Napoli, un’usanza che ha origini attestate durante la Seconda Guerra Mondiale.   In quel periodo complicato le persone presero l’abitudine di pagare una seconda tazza di caffè per chi non poteva permetterselo. Leggenda narra che quando la gente riceveva un caffè sospeso era portata a ricambiare lasciando, a sua volta, una tazza di caffè.   Questa pratica, identitaria del nostro territorio, nel corso degli anni si è diffusa e sviluppata in molti modi, anche imprevedibili. E così, ​lasciare cose sospese per sconosciuti è diventata una pratica solidale​ che ha travalicato i confini, ampliando il suo senso e coinvolgendo persone di nazionalità diversa.  Lasciare cose in sospeso, in questo senso, è un ​atto d’amore​ che innesca il circolo virtuoso del dono, un’azione solidale sporadica che diventa prassi di comunità​.

Fondata nel 2009, l’obiettivo di weBeetle è trovare soluzioni digitali collegando idee, tecnologie e ambienti.  Sviluppiamo applicazioni web, applicazioni desktop e mobile. Specializzati nella digitalizzazione dei processi aziendali, esperti in Rich Internet Applications, scegliamo le tecnologie e gli approcci appropriati concentrandoci sia sull’usabilità finale che sull’interfaccia di ciascuna applicazione. Il nostro team è altamente qualificato nel comprendere e tradurre le necessità dei clienti.  Webeetle offre esperienze uniche sviluppando software che rispondono alle esigenze reali di persone e ambienti. Condivisione, affidabilità, perseveranza, creatività e passione sono i valori che ci guidano ogni giorno.

Per info:

Social 

twitter​: https://twitter.com/SospeseI 

instagram​:  https://www.instagram.com/sospese.io/ 

 facebook​:  https://m.facebook.com/sospese.io 

Là dove sei felice, sei a “casa”: Re Max/Red di Carla Orlando augura Buone Feste

Che sia un Natale all’insegna dell’intesa, dell’affiatamento e della condivisione di straordinari obiettivi, ingredienti essenziali per un fantastico lavoro di squadra. Da casa a casa e da cuore a cuore l’imprenditrice Carla Orlando e tutti i consulenti dell’energico team della Re Max/Red vi augurano Buone Feste.

Far sentire a casa i nostri clienti è la nostra priorità tutto l’anno”

SPOT 

CLICCARE SULLA FOTO PER ACCEDERE ALLA PHOTOGALLERY 

 

L’imprenditrice Carla Orlando con la Re/Max Red lancia Angri in un network mondiale

Incredibilmente determinata, intuitiva, semplice, concreta, solare: Carla Orlando è l’esempio di come lo spirito imprenditoriale ed il talento, miscelati sapientemente, diventano i principali ingredienti di un meritato successo. Titolare ad Angri dell’Agenzia Immobiliare Re/Max Red pone sempre al centro delle sue sfide quotidiane il fattore umano. Grazie alle sue competenze in ambito amministrativo, contabile, legale, appassionata di psicologia e comunicazione, è diventata straordinaria leader grazie ad un intenso percorso manageriale e ad una formazione continua. Dopo aver vissuto e lavorato per diversi anni presso la Regione Toscana, la Cassa di Risparmio di Firenze e presso un’importante società immobiliare, è tornata nella sua Angri dove ha concretizzato un sogno: aprire la sua agenzia immobiliare sviluppando una rete di collaborazioni con esperti professionisti. Ricopre un ruolo dalle mille sfaccettature e carico di responsabilità che le ha permesso di raggiungere ottimi risultati focalizzando la sua attività sullo sviluppo di valori quali onestà, spirito d’iniziativa, motivazione e positività. Ottimo riscontro ha ricevuto infatti il “business breakfast”, organizzato presso l’elegante Villa Ferraioli ad Angri, una colazione per inaugurare il Capitolo BNI “Castello Doria” organizzazione di scambio referenze a livello mondiale. Un’occasione d’incontro a base di caffè, brioches e biglietti da visita per ampliare i contatti, creare e condividere opportunità di lavoro, scambiare competenze, approfondire conoscenze e costruire un network altamente qualificato. Carla Orlando, in effetti, predilige da sempre il lavoro in team, il gioco di squadra e la sana competizione per offrire servizi di eccellenza ai propri clienti. Ecco perchè la sua filosofia è “Insieme si vince”. Nel Salotto di Bry l’imprenditrice si racconta a 360 gradi.

Il Salotto di Bry è scritto e condotto da Brigitte Esposito, regia e riprese di Gerardo Tartaglia, fotografia Angelandrea Falcone. Una produzione www.360gradiwebtv.it in collaborazione con TeleangriUno canale 639 visibile in tutta la Campania.

VIDEO E INTERVISTA 

PHOTOGALLERY